Database Italia

Russiagate, il nuovo rapporto del senato USA prometteva prove schiaccianti contro Trump. Peccato fosse basato su notizie false

Un nuovo rapporto del Senato resuscita il cadavere del ‘Russiagate’ e promette nuove prove di collusione tra la campagna Trump e Mosca. Tuttavia, queste conclusioni arrivano sulla base di alcune false notizie.

Martedì, il Comitato di intelligence del Senato ha pubblicato il suo quinto e ultimo rapporto sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni del 2016 e sulla presunta ” collusione ” del presidente Donald Trump con il Cremlino. Il rapporto ricostruisce gran parte dello stesso terreno dell’indagine del “Russiagate” del consigliere speciale Robert Mueller e arriva a conclusioni sostanzialmente simili.

Tuttavia, la portata del rapporto ha portato i suoi autori ad arrivare a conclusioni molto diverse. Il senatore Marco Rubio (R-Florida), che attualmente presiede il comitato, ha dichiarato martedì che il rapporto “non ha trovato assolutamente alcuna prova che l’allora candidato Donald Trump o la sua campagna siano entrati in collusione con il governo russo per immischiarsi nelle elezioni del 2016”.

Rubio ha assunto la guida del comitato dal senatore Richard Burr (R-North Carolina) solo a maggio. Prima di dimettersi sotto una nuvola di sospetti sul presunto insider trading pandemico, Burr ha sostanzialmente consentito al senatore Mark Warner (D-Virginia) di eseguire in gran parte l’indagine del comitato dal 2017 in poi.

La Warner ha visto le cose in modo diverso da Rubio, affermando martedì che il volume finale ha rivelato “un livello mozzafiato di contatti tra i funzionari di Trump e gli agenti del governo russo”.

Warner probabilmente ha visto quello che voleva vedere. L’ultima edizione del rapporto si è concentrata sulle “minacce di controspionaggio” poste dalla Russia nel 2016, ma, come le precedenti edizioni, nel documentare queste presunte “minacce” si è basata su voci, dicerie e quelli che sembrano essere rapporti politicamente motivati .

Ad esempio, si dice che l’ex direttore della campagna di Trump Paul Manafort abbia lavorato con un funzionario dell’intelligence russa “su narrazioni che cercavano di minare le prove che la Russia ha interferito nelle elezioni statunitensi del 2016”, ma il rapporto ha trascurato di descrivere questo funzionario – un cittadino ucraino di nome Konstantin Kilimnik – informatore del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. 

Il rapporto descrive anche una conversazione telefonica tra l’ex socio della campagna Roger Stone e qualcuno che “quasi certamente” era il presidente Trump. Ma Stone era interessato all’imminente rilascio di e-mail del Partito Democratico da parte di WikiLeaks, il rapporto conclude che “sembra abbastanza probabile”  che Stone e Trump abbiano parlato di WikiLeaks.

La parola “probabile” compare quasi 140 volte in tutto il rapporto di 1.000 pagine, mentre “quasi certamente” compare 21 volte. In quasi tutti i casi, queste parole vengono utilizzate per fare ipotesi al posto delle prove effettive. 

Il gruppo dell’intelligence militare russa – indicato più spesso come GRU – è descritto come un complotto ordito con WikiLeaks per rilasciare le e-mail democratiche, un’affermazione che non è e non è mai stata dimostrata. Kilimnik è descritto come “collegato” a questa cosiddetta operazione di hacking basata solo “su un corpo di informazioni frammentarie”. Tale scadente approvvigionamento continua per tutto il rapporto, e i lettori che cercano prove della capacità di hacking delle elezioni della Russia sono indirizzati ai rapporti precedenti del comitato.

Tuttavia, chiunque sfogli questi rapporti viene accolto da alcune citazioni ancora più scandalose. In un rapporto pubblicato nel dicembre 2018, il comitato osserva che si è basato sul lavoro di New Knowledge, un’azienda composta da tecnici legati ai Democratici e all’esercito americano. Il co-fondatore di New Knowledge Jonathon Morgan è anche uno sviluppatore della dashboard anti-russa Hamilton 68, che è in parte finanziata dalla NATO e USAID.

In seguito è stato rivelato che questa azienda ha gestito la propria operazione di interferenza elettorale, generando migliaia di falsi profili sui social media per far oscillare le elezioni speciali del Senato dell’Alabama del 2017 contro il candidato repubblicano Roy Moore. Ironia della sorte, questo schema ha visto uno dei fondatori di New Knowledge cacciare Facebook per “comportamento non autentico coordinato”, un’accusa che i russi di solito livellano ai cosiddetti account troll.

Eppure le congetture di questa azienda sono state trattate come prove, così come lo è stato il ‘Intelligence Community Assessment’ del 2017, il lavoro di un piccolo numero di capi dell’intelligence dell’amministrazione Obama che sono stati successivamente implicati in un complotto per far deragliare la presidenza di Trump.

Arrivato a meno di 90 giorni prima delle elezioni presidenziali, è improbabile che l’ultimo rapporto muova l’ago sulla popolarità di Trump, né stimoli una nuova campagna di impeachment contro il presidente. 

Tuttavia, la sua conclusione – che gli sforzi di intromissione elettorale della Russia sono “in corso” – probabilmente darà ai legislatori di entrambi i lati della navata una nuova possibilità di incolpare la Russia per qualsiasi cosa possa andare storta quando gli americani si recheranno alle urne a novembre.

Fonte: RT



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.