AmbienteScienza e Tecnologia

SALVARE IL PIANETA DA UNA MINACCIA INESISTENTE

Non c’è nessuna crisi climatica

La Terra ha visto molto peggio

DI TYLER DURDEN.

La scienza del clima è stata così soffocata dal fanatismo ideologico che sta diventando difficile trovare una normale analisi oggettiva in questi giorni. Qualsiasi dato che contraddica la narrativa del cambiamento climatico provocato dall’uomo è circondato da una macchina che ignora le informazioni o le oscura in un diluvio di propaganda sul riscaldamento globale, inoculare il lettore ben prima che abbia la possibilità di digerire le notizie che forse il cambiamento climatico non è tutto ciò che è previsto.

Ogni volta che vengono riportate alte temperature negli Stati Uniti o in Europa, le notizie vengono ipergonfiate dai media in teorie selvagge sull’Apocalisse climatica, ma la storia meteorologica suggerisce che il panico è fabbricato piuttosto che giustificato. In effetti, qualsiasi evento di caldo che puoi individuare negli ultimi anni è probabilmente oscurato da un evento molto peggiore decenni o secoli prima che l'”inquinamento da carbonio causato dall’uomo” fosse mai esistito.

Ad esempio, i media sono frenetici nel raccontare l’attuale siccità e per le “temperature record” in Europa quest’estate, avvertendo che potrebbe diventare la  “peggiore siccità” degli ultimi 500 anni . Naturalmente, questa affermazione apre le porte a una domanda a cui scienziati del clima e propagandisti non vogliono rispondere: cosa è successo 500 anni fa?

Un livello simile di isteria per il riscaldamento globale era presente durante un’ondata di caldo in Europa nel 2003, così come nel 2018. I pochi scienziati del clima ancora non acquistati e pagati dai governi e dalle Nazioni Unite hanno dovuto sottolineare che queste siccità non sono nulla in confronto all’inferno vivente che fu la  siccità del 1540 . Questo evento è spesso definito una “mega-siccità” perché la regione ha soffrìdi temperature storicamente calde mentre senza quasi ricevere pioggia per un anno.

Le temperature di quell’anno erano in media da 5°C a 7°C sopra le temperature medie in Europa nel 20° secolo. In termini statunitensi, ciò significa temperature estive giornaliere di circa 104 ° F. Centinaia di resoconti storici scritti all’epoca descrivono circa mezzo milione di morti, insieme a vasti incendi e un inverno in Italia che “sembrava luglio”. Tieni presente che i livelli di carbonio in Europa nel 1540 erano del 30% INFERIORI rispetto a oggi, tuttavia, la regione ha subito forse  il peggior evento di riscaldamento  nella sua storia mai registrato.

I dati climatici odierni si basano sui record detenuti dalla NOAA e da altre istituzioni, e questi record risalgono solo al 1880. Quindi, ogni volta che senti i media mainstream inveire sulle temperature record, stanno usando un minuscolo frammento di storia meteorologica globale che risale a un poco più di un secolo. Qualsiasi scienziato onesto in questo campo ti dirà che il record climatico della Terra è vasto rispetto ai dati limitati utilizzati dagli ideologi del riscaldamento globale e la maggior parte delle crisi meteorologiche distruttive si sono verificate ben prima delle emissioni di carbonio provocate dall’uomo.

Di certo non fu l’inquinamento da carbonio delle automobili, dell’agricoltura e dell’industria a causare la crisi nel 1540.

Prova a fare qualsiasi ricerca sull’evento del 1540 e sarai sepolto in una pila di articoli mainstream che riconoscono il disastro ma poi cercano di usarlo come esempio del perché dobbiamo rispettare le restrizioni sul carbonio e l’autoritarismo climatico nel 2022. Dicono “Guarda a quello che accadde all’Europa nel 1540. Non vuoi che succeda di nuovo, vero?”

Naturalmente, l’umanità non aveva voce in capitolo o controllo sul tempo nel 1540, così come oggi non abbiamo voce o controllo sul tempo. Non c’era un riscaldamento globale basato sul carbonio allora, e non c’è nessun riscaldamento globale basato sul carbonio ora.

Approfondimenti

Gli scienziati non hanno ancora idea di cosa abbia causato molti degli eventi di riscaldamento del passato, inclusa la crisi del 1540, quindi perché dovremmo avere cieca fiducia nelle loro affermazioni secondo cui il carbonio è la causa del riscaldamento negli ultimi anni? In effetti, il NOAA e altri istituti di ricerca sul clima non offrono ancora prove concrete di una relazione tra emissioni di carbonio e aumento delle temperature.   La loro argomentazione è che hanno escluso tutte le altre possibili cause, lasciando solo il carbonio come resto.  Questa non è scienza, questa è congettura casuale.

Se c’è mai stato un campo che sfida la logica, la ragione e l’analisi comunemente associate al metodo scientifico, è la scienza del clima.

Metti da parte il fatto che miliardi di dollari di finanziamenti vengono pagati ogni anno agli scienziati del clima, ma solo a quegli scienziati che operano partendo dal presupposto che il cambiamento climatico sia causato dagli esseri umani. Vale a dire, ci sono numerosi incentivi per gli scienziati a scartare altre cause del riscaldamento globale. Non sono scienziati, sono attivisti politici pagati. Fortunatamente, le temperature non sono così elevate.  I dati della NOAA mostrano che la temperatura media della Terra è aumentata  di meno di 1°C  nell’ultimo secolo.  Questo non è niente, quindi perché tutto questo panico?

Diciamo solo che i controlli sul carbonio sono un potente strumento per microgestire la popolazione e giustificare l’autoritarismo in nome del “bene superiore”. Se il pubblico è convinto ad accettare false narrazioni sui cambiamenti climatici, il governo avrà la capacità di controllare ogni aspetto della vita quotidiana, dalla quantità di elettricità che usiamo, al cibo che mangiamo, alle attività che possiamo gestire, al livello della produzione e della dimensione della popolazione….  

Questa non è finzione, è realtà, e sta accadendo molto più velocemente di quanto molte persone si rendano conto, tutto in nome del salvataggio del pianeta da una minaccia che non esiste.

*********

(DBI) ha pubblicato questo articolo di ZeroHedge come scritto da Tyler Durden

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!