Database Italia

Sam Faddis, ex funzionario CIA: “Negli USA è in atto un’insurrezione pianificata da anni, finanziata da organizzazioni di facciata, inclusa la Open Society di George Soros.”

Un ex funzionario della CIA che ha trascorso decenni sotto copertura in Medio Oriente e in Asia meridionale avverte che “la violenza esploderà” se Trump vincerà la rielezione e probabilmente continuerà comunque anche se dovesse vincere Biden.

In un editoriale per Revolver News , Sam Faddis caratterizza le recenti rivolte, descritte come “per lo più pacifiche” dai media, come niente di meno che una “insurrezione”.

Faddis afferma che i rivoltosi non sono semplicemente folle non organizzate, ma “una manifestazione di anni di preparazione, organizzazione e sponsorizzazione da una vasta rete di fondazioni e organizzazioni di facciata”, inclusa la Open Society di George Soros.

Faddis sottolinea che i rivoltosi hanno dichiarato apertamente il loro obiettivo, “l’abolizione degli Stati Uniti come li conosciamo e la sua sostituzione con uno stato marxista”.

L’ex ufficiale della CIA prevede un’altra ondata di violenza se Trump vincerà la rielezione, ma avverte anche che i disordini continueranno anche se Biden vincerà perché i rivoluzionari cercheranno di prendere il pieno controllo della sua amministrazione.

“Questo è il motivo per cui è profondamente sbagliato credere che i disordini degli ultimi tre mesi finiranno con le elezioni di novembre. Non lo faranno “, scrive Faddis.

“Se il presidente Trump dovesse vincere, la sua vittoria sarebbe immediatamente dichiarata non valida e illegittima dalla mafia e il livello di violenza esploderà. Se Biden vincerà, le persone ei gruppi che stanno dilaniando questa nazione lo considereranno il loro burattino e accelereranno i loro sforzi per la rivoluzione. Se Biden si dimostrerà riluttante o incapace di accoglierli, subirà la stessa sorte del sindaco di Portland Ted Wheeler, che subisce continue molestie e violenze antifa come prezzo per non essersi sottomesso.

“Non si tratta di riforme. Si tratta di rivoluzione e le rivoluzioni non si preoccupano delle elezioni “, conclude.

All’inizio di questo mese una società di sondaggi pro-Biden ha annunciato che i risultati della notte delle elezioni potrebbero mostrare Trump vincere in maniera schiacciante, ma dopo che tutti i voti per corrispondenza saranno stati contati, Biden ne uscirà vittorioso con ampi margini.

Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha anche affermato che gli americani devono abituarsi all’idea che il risultato elettorale possa richiedere “settimane” per essere confermato dopo il voto del 3 novembre e che è probabile che questo crei “disordini civili”.

I sostenitori di Trump vedono questo come una chiara intenzione dei democratici di rifiutarsi di onorare il risultato delle elezioni se il presidente dovesse essere riconfermato.

Twitter ha anche annunciato che rimuoverà tutti i tweet che dichiarano la vittoria prima che i risultati delle elezioni siano certificati, il che essenzialmente impedirà ai sostenitori di Trump di contestare la legittimità di qualsiasi ritardo nell’annuncio del vincitore.

Fonte: Revolver News



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.