Bersaglio MobileCoronavirusCulturaScienza e Tecnologia

“SARS-2 UCCIDE COME IL VELENO DEL SERPENTE A SONAGLI”. 5 Studi Shock: Tossine Letali in Batteri Intestinali. Vaccini Inefficaci

Le clamorose ricerche di scienziati italiani confermate dagli USA
Il virus è batteriofago e si nasconde nella flora batterica intestinale
Da lì provoca disturbi duraturi anche dopo la guarigione da Covid-19
Può essere eliminato con gli antibiotici. “Insufficienti” i vaccini attuali

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio 

«Questa è anche l’arma biologica definitiva, perché è qualcosa di cui si può dare la colpa agli animali. L’hanno preso da un serpente, l’hanno aumentato con il Guadagno di Funzione, lo hanno reso diffusibile o forse lo hanno diffuso loro stessi e poi lo hanno diagnosticato con un nome diverso».

Al momento prendiamo per buona solo questa frase pronunciata dal dottor Bryan Ardis in una lunga intervista concessa a Mike Adams su Brighteon.Tv che sta diventando virale come ogni teoria ricca di suggestioni complottistiche.

Articoli correlati

Non entriamo nel merito delle innumerevoli tesi espresse in quanto richiederebbe giorni dirimere le questioni scientificamente accreditate da quelle invece frutto di analogiche supposizioni da confermare, per quanto verosimili e ben argomentate (link fondo pagina).

Citiamo Ardis anche se non ha la minima competenza in campo virologico in quanto è un chiropratico e pertanto opera con una medicina alternativa che è al momento ancora inquadrata come una pseudoscienza (sebbene con ogni probabilità erroneamente…).

Ne parliamo perché la sua tesi collima perfettamente con una rivelazione fatta dal famoso scrittore Massimo Citro della Riva, medico chirurgo sospeso dall’Ordine per il rifiuto del vaccino antiCovid.

«Il SARS-COV-2 è un mostro. C’è anche veleno di serpente… Per quanto il mainstream si sforzi di occultare la verità, le evidenze che provano l’origine artificiale del virus sono oramai troppe. Sarebbe poi il caso che la magistratura iniziasse ad indagare seriamente per punire quelli che hanno grossolanamente sbagliato i protocolli terapeutici» (link fondo pagina).

Ormai anche il professor Giorgio Palù, presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco, pur con qualche depistaggio sulla “manina-killer”, ha accreditato la tesi della costruzione ingegnerizzata in laboratorio dell’agente patogeno della pandemia nella sua veste di virologo di fama internazionale. E’ infatti docente emerito dell’Università di Padova, direttore del Dipartimento di Medicina Molecolare dello stesso ateneo dal 2012, professore aggiunto al Department of Neurosciences, Temple University Medical School di Philadelphia (dal 2007) ma è stato anche fondatore della Società Italiana di Virologia e per 7 anni presidente di quella Europea.

La tecnica Gain of Function (GOF) citata da Ardis è stata menzionata in associazione al SARS-2 (ma anche 1) in quasi tutte le 52 reportages del ciclo WuhanGates, 27 delle quali raccolte nell’omonimo libro sul complotto del Nuovo Ordine Mondiale. Il Guadagno di Funzione è un potenziamento della carica virale con finalità “dual use” vaccino-bioarma, simile all’arricchimento dell’uranio per costruire una testata atomica.

Abbiamo visto in almeno quattro precedenti inchieste WuhanGates (n. 2,3,4,8,9,19,51) gli indizi probatori sull’inserimento di sequenze del micidiale virus HIV nel SARS-Cov-2, utili non solo a modulare la letalità del virus (come sostenuto dal bio-ingegnere Pierre Bricage) per innescare la pandemia e la conseguente dittatura sanitaria del Nuovo Ordine Mondiale, ma anche probabilmente finalizzato alla presunta ricerca di un vaccino antiAIDS di cui Moderna ha di recente avviato la sperimentazione, grazie ai finanziamenti di Bill Gates ed Anthony Fauci, già coinvolti negli esperimenti della stessa Big Pharma con il Pentagono negli USA e in quelli del Wuhan Institute of Virology in Cina.

Ora vediamo qual è l’interconnessione dell’agente patogeno del Covid-19 con tossine letali come quelle del serpente a sonagli.

Appare pacifico che anche la produzione di queste sostanze assassine possa essere la conseguenza del potenziamento genomico artificiale della carica virale, come sostenuto dal medico dell’Esercito USA Lawrence Sellin, esperto di armi batteriologiche di Fort Detrick, sebbene la recentissima scoperta renda ancora vaga questa nostra congettura.

LE TOSSINE VELENOSE DEI BATTERI

Perciò il dottor Ardys sa quello dice. Ma non l’avremmo mai citato se le sue complesse affermazioni sul veleno di serpente non fossero confermate direttamente da uno studio americano e indirettamente da altri italiani condotti da ricercatori della Commissione Europea che ridisegnano la natura del SARS-Cov-2.

Le nuove ricerche spiegano con geniale semplicità anche l’aggressività “batteriofaga” che lo rende capace di “divorare” i batteri microbioti, inutilmente produttori di tossine letali per difendere l’organismo, per poi contaminarli fino a renderli complici della diffusione dell’infezione e fino a portarli a nascondersi nella flora intestinale con ciò determinando l’ormai famoso fenomeno del Long-Covid, ovvero le patologie ricorrenti nel tempo dopo la guarigione.

E, di fatto, contribuiscono a demolire le ultime perplessità sull’efficacia degli attuali pericolosi sieri genici sperimentali. 

Queste due ricerche hanno già avuto risalto su alcuni media ma oggi per la prima volta Gospa News le mette in correlazione confermando sia la letalità velenosa delle tossine sia la pericolosità batterica del SARS-Cov-2 che, è lo scoop scientifico di poche settimane fa (9 marzo 2022), è stato fotografato al microscopio mentre “divora” i batteri.

Il grande regista delle importanti ricerche italiane è un medico chirurgo dentista di Avellino, il dottor Carlo Brogna, che non ha purtroppo accolto nostro invito a un intervista. Gli ultimi studi da lui condotti insieme a differenti medici e scienziati sono stati pubblicati su ResearchGate e Zenodo solo in Preprint e devono ancora essere revisionati. Ma il più importante e basilare di essi è già stato pubblicato sulla Bibbia della Medicina “PubMed” e pertanto ci sentiamo legittimati a diffondere anche gli altri.

LA SCOPERTA DEL TEAM DEL DOTTOR BORGNA

«Sars Cov 2 è anche un virus batteriofago. Significa che entra nei batteri e replica il suo RNA anche da lì. Abbiamo finalmente l’evidenza scientifica, con tanto di foto del virus mentre colonizza il batterio. Ciò significa che stiamo seguendo procedure da integrare. Per debellarlo ci vuole altro rispetto ai virus classici. Non servono solo le chiusure, serve disinfettare e prevenire. Ed ora c’è il razionale scientifico per cui funzionano gli antibiotici. Avremo bisogno di un vaccino anche contro le tossine che abbiamo trovato e producono i nostri batteri, in maniera molto simile al meccanismo della difterite. I vaccini attuali non saranno sufficienti. Fra un po’ avremo molte più varianti: la variante lombarda, veneta, di Milano e di Roma».

Il dottor Borgna, direttore della società Craniomed fondata nel 2018 a Montemiletto (AV) per studiare le proteine, svelò queste conclusioni alla giornalista Monica Camozzi di Affari Italiani prima di trincerarsi nell’attuale strano riserbo.

Tra loro ci sono Simone Cristoni dell’ISB – Ion Source & Biotechnologies Srl- Bresso Milano, Marina Piscopo del Dipartimento di Biologia di dell’Università di Napoli Federico, Mauro Petrillo e Maddalena Querci, del Joint Research Centre (JRC) della Commissione Europea presso l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), Ornella Piazza del Dipartimento dei Medicina e Chirurgia dell’Università di Salerno, Guy Van den Eede del JRC a Geel (Belgio) che hanno sviluppato il primo studio “Aumento del carico di RNA SARS-CoV-2 nei campioni fecali richiede un ripensamento della biologia SARS-CoV-2 e COVID-19 epidemiologia” pubblicato su F1000 Research e su PubMed nel maggio 2021 (fonte Ricerca 1).

La sua “profezia” sull’insufficienza dei vaccini – di fatto una palese inefficacia a fronte degli elevati rischi di reazioni avverse – si è già adempiuta in Italia, dove è già iniziata la somministrazione della quarta dose dei sieri genici a RNA messaggero come negli USA, e nel Regno Unito dove è già partita addirittura la campagna di immunizzazione per le persone fragili con la quinta dose. 

«Di recente sono state riportate prove scientifiche del coinvolgimento del microbiota umano nello sviluppo della malattia COVID-19. È stata osservata la presenza di RNA SARS-CoV-2 in campioni fecali umani e l’attività SARS-CoV-2 nelle feci di pazienti affetti da COVID-19. Partendo da queste osservazioni, è stato sviluppato un disegno sperimentale per coltivare in vitro il microbiota fecale di individui infetti, per monitorare la presenza di SARS-CoV-2 e per raccogliere dati sulla relazione tra batteri fecali e virus».

Questo in sintesi lo scopo della ricerca che è giunta a risultati eccezionali.

«I nostri risultati indicano che SARS-CoV-2 si replica in vitro nel mezzo di crescita batterico, che la replicazione virale segue la crescita batterica ed è influenzata dalla somministrazione di antibiotici specifici. I peptidi correlati a SARS-CoV-2 sono stati rilevati in colture batteriche di 30 giorni e caratterizzati. Le nostre osservazioni sono compatibili con un comportamento “simile a un batteriofago” di SARS-CoV-2, che, a nostra conoscenza, non è stato osservato o descritto prima. Questi risultati sono inaspettati e suggeriscono una nuova ipotesi sulla biologia del SARS-CoV-2 e sull’epidemiologia del COVID-19. La scoperta di possibili nuove modalità d’azione di SARS-CoV-2 ha implicazioni di vasta portata per la prevenzione e il trattamento della malattia».

LE CONOTOSSINE DEI VELENI ANIMALI

«Sono stati condotti diversi studi per comprendere il meccanismo di infezione e i geni umani coinvolti, le trascrizioni e proteine. Parallelamente, numerosi studi clinici extra- polmonari sono state segnalate manifestazioni che si verificano in concomitanza con la malattia COVID-19 e le prove della loro gravità e persistenza sono in aumento. Se queste manifestazioni sono collegate ad altre disturbi che si verificano in concomitanza con l’infezione da SARS-CoV-2, è sotto discussione. In questo lavoro, riportiamo l’identificazione di peptidi simili a tossine nei pazienti COVID-19 mediante l’applicazione di la cromatografia liquida Ionizzazione chimica attivata dalla superficie – Spettrometria di massa a mobilità ionica nuvola».

E’ quanto viene scritto nell’Abstract dello studio “Peptidi simili a tossine in plasma, urina e campioni fecali di pazienti COVID-19” pubblicato su F1000 Research nel luglio 2021, revisionato nell’ottobre e aggiornato nell’aprile 2022 (fonte Ricerca 2), giunto a conclusioni ancora più esplosive che anticipano analoghe conclusioni di quello americano.

«Peptidi simili alle tossine, quasi identici ai componenti tossici dei veleni degli animali, come le conotossine, fosfolipasi, fosfodiesterasi, proteinasi del metallo dello zinco e bradichinine sono state identificate in campioni di pazienti COVID-19, ma non nei campioni di controllo» affermano i ricercatori.

«La presenza di peptidi di simil-tossina potrebbero essere potenzialmente collegati all’infezione SARS-CoV-2. La loro presenza suggerisce una possibile associazione tra la malattia COVID-19 e il rilascio nel corpo di (oligo-)peptidi quasi identici ai componenti tossici dei veleni degli animali».

«Non si può escludere il loro coinvolgimento in un ampio insieme di manifestazioni cliniche extrapolmonari di COVID-19 eterogenee, come quelle neurologiche. Sebbene la presenza di ogni singolo sintomo non sia selettiva della malattia, la loro combinazione potrebbe essere correlata a COVID-19 dalla coesistenza del pannello dei peptidi simili a tossine qui rilevati. La presenza di questi peptidi apre nuovi scenari sull’eziologia dei sintomi clinici del COVID-19 finora osservati, comprese le manifestazioni neurologiche».

“SARS-COV-2 UCCIDE COME I SERPENTI A SONAGLI”

Questo studio assume una rilevanza epocale alla luce di quello condotto nell’Università dell’Arizona e pubblicato nell’agosto 2021 sul sito ufficiale dello stesso ateneo.

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Investigation, i ricercatori dell’Università dell’Arizona, in collaborazione con la Stony Brook University e la Wake Forest School of Medicine, «hanno analizzato campioni di sangue da due coorti di pazienti COVID-19 e hanno scoperto che la circolazione dell’enzima – fosfolipasi secreta del gruppo A2 IIA, o sPLA2-IIA, – può essere il fattore più importante nel predire quali pazienti con COVID-19 grave alla fine soccomberanno al virus».

«L’enzima sPLA2-IIA, che ha somiglianze con un enzima attivo nel veleno di serpente a sonagli, si trova in basse concentrazioni negli individui sani ed è noto da tempo per svolgere un ruolo fondamentale nella difesa contro le infezioni batteriche, distruggendo le membrane cellulari microbiche» si legge nell’articolo (fonte Ricerca 3). (continua a leggere…)

L’INCHIESTA PROSEGUE SU GOSPA NEWS CON LE IMMAGINI DEI BATTERI DIVORATI DAL VIRUS SARS-2

[jetpack_subscription_form]

Fabio G. C. Carisio

Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani. https://gospanews.net

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!