Quantcast
Database Italia

Scoperta nel deserto del Perù tra le Linee di Nazca un’altra grande incisione

Il geoglifo felino del 200-100 a.C. emerge durante i lavori presso il sito del patrimonio mondiale dell’Unesco

Le sabbie dun del Perù meridionale, incise secoli fa con geoglifi di un colibrì, una scimmia, un’orca – e una figura che alcuni  credono sia un astronauta – hanno ora rivelato la forma di un enorme gatto che giace su una collina nel deserto.

La linea felina di Nazca , datata tra il 200 a.C. e il 100 a.C., è emersa durante i lavori per migliorare l’accesso a una delle colline che fornisce un punto di vista naturale da cui è possibile vedere molti dei disegni.

Patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1994, le Linee di Nazca, composte da centinaia di immagini geometriche e zoomorfe, sono state create rimuovendo rocce e terra per rivelare i materiali contrastanti sottostanti. Si trovano a 250 miglia (400 km) a sud di Lima e coprono circa 450 kmq (175 miglia quadrate) dell’arida pianura costiera del Perù.

“La figura era appena visibile e stava per scomparire perché si trova su un pendio piuttosto ripido che è soggetto agli effetti dell’erosione naturale”, ha detto il ministero della Cultura del Perù in una dichiarazione questa settimana.

“Nell’ultima settimana, il geoglifo è stato pulito e conservato e mostra una figura felina di profilo, con la testa rivolta in avanti.” Si diceva che il gatto fosse lungo 37 metri, con linee ben definite che variavano in larghezza tra 30 cm e 40 cm.

 Gli archeologi eseguono lavori di manutenzione nel sito. 
Fotografia: Jhony Islas / AP

“È piuttosto sorprendente il fatto che stiamo ancora trovando nuove incisioni , ma sappiamo anche che ce ne sono altre da trovare”, ha detto all’agenzia di stampa spagnola Efe Johny Isla, capo archeologo del Perù per le linee.

“Negli ultimi anni, l’uso di droni ci ha permesso di riprendere immagini di pendii .”

Isla ha spiegato come negli ultimi anni siano emerse tra 80 e 100 nuove figure nelle valli di Nazca e Palpa, tutte antecedenti alla cultura di Nazca (2-700 d.C.). “Questi sono di dimensioni più piccole, disegnati sui pendii e chiaramente appartengono a una tradizione precedente.”



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Continua a seguirci sui nostri social per restare sempre aggiornato!