Quantcast
Database Italia

Scoperta nella Necropoli di Saqqara una tomba egizia con decine di sarcofagi sigillati

Gli archeologi in Egitto hanno scoperto quasi 30 sarcofagi che si ritiene siano stati sepolti per circa 2.500 anni, secondo il Ministero del turismo e delle antichità del paese.

Il nascondiglio è stato portato alla luce da un pozzo sepolcrale profondo 11 metri a Saqqara, una vasta necropoli a circa 32 chilometri a sud del Cairo. Dopo aver annunciato la scoperta di oltre una dozzina di sarcofagi sul sito all’inizio di questo mese, domenica il ministero ha rivelato tramite Facebook di averne portate alla luce altre 14, portando il numero totale trovato nel pozzo a 27.

Nonostante siano rimaste sottoterra per millenni, le bare hanno conservato alcuni dei loro colori originali. Gli archeologi hanno anche scoperto una collezione di artefatti più piccoli nel sito, secondo una dichiarazione del ministero. Prima dell’annuncio di domenica, il ministro egiziano del turismo e delle antichità Khaled El-Enany aveva già descritto le scoperte nel sito come “il maggior numero di bare in una sepoltura dalla scoperta del cachette Al-Asasif”, riferendosi alla scoperta del 2019 di 30 bare, con dentro le mummie, che le autorità hanno poi definito il più grande ritrovamento dell’Egitto in oltre un secolo. In un comunicato stampa, El-Enany ha anche ringraziato i lavoratori degli scavi per aver operato in condizioni difficili aderendo alle nuove misure di sicurezza relative al coronavirus.”È una scoperta molto eccitante”, ha detto in un video rilasciato dal ministero. “Penso che sia solo l’inizio.”

Uno dei 27 nuovi sarcofagi scoperti a Saqqara, in Egitto. 
Credito: Ministero del turismo e delle antichità egiziano / Facebook

Totalmente sigillato

Tutti i 27 sarcofagi rinvenuti a Saqqara sembrano essere completamente sigillati, gli studi iniziali suggeriscono che non siano mai stati aperti da quando sono stati sepolti per la prima volta. Le autorità pensano che molte più bare e manufatti saranno probabilmente scoperti nello stesso luogo.
Non è chiaro quanti altri sarcofagi possano essere trovati nel pozzo o quali resti contengano, anche se gli archeologi sperano di fornire ulteriori risposte durante il processo di scavo, ha detto Mustafa Waziri, segretario generale del Consiglio supremo delle antichità egiziane.

La scoperta segue una serie di altri significativi ritrovamenti nel sito della necropoli di Saqqara negli ultimi mesi. Ad aprile, gli archeologi hanno scoperto cinque sarcofagi di pietra calcarea e quattro bare di legno contenenti mummie umane.Si è scoperto che quel pozzo funerario, che si estendeva per 9 metri (30 piedi) sotto terra, conteneva una serie di piccoli manufatti, comprese figurine che erano tipicamente sepolte nelle tombe egiziane per aiutare i defunti nell’aldilà. Nella tomba è stato trovato anche un piccolo obelisco di legno, alto circa 40 centimetri, che era stato dipinto con raffigurazioni delle dee egiziane Iside e Nefti, e il dio Horus, una delle più famose divinità egizie antiche.
Nel dicembre 2018, gli archeologi hanno trovato una tomba privata appartenente a un sacerdote della purificazione reale che risale a più di 4.000 anni, secondo il Ministero delle Antichità. Un mese prima, gli archeologi hanno trovato un cimitero di gatti e una collezione di rari scarabei mummificati.




Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.