Quantcast
Database Italia

Secondo l’ OMS il pericolo ora arriva dai 20, 30, 40enni.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha comunicato martedì di essere preoccupata che la diffusione del nuovo coronavirus sia guidata da persone di 20, 30 e 40 anni, molte delle quali non sono consapevoli di essere state infettate, rappresentando un pericolo per i gruppi vulnerabili.

L’Oms si è reso responsabile di una serie di valutazioni errate fin dall’inizio di questa pandemia, tanto da aver spinto gli Stati Uniti e Trump ad uscire dall’organizzazione per manifesto conflitto di interessi vista la partecipazione maggioritaria di Bill Gates e della Cina e visto che le decisioni dell’organizzazione erano percepite dagli Usa come decisamente in loro sfavore.

Tra le più disparate dichiarazioni, tra le quali ricordiamo quelle sull’idrossiclorochina, terapia dichiarata inefficace e non sicura basandosi su uno studio pubblicato dalla (ex) prestigiosa rivista scientifica, The Lancet. Studio poi rivelatosi un falso. Peccato che si sarebbero potute salvare molte vite se solo non ci fossero stati tanti errori. Uno studio ha rivelato che nei paesi in cui il farmaco è stato utilizzato e promosso fin dall’inizio della pandemia, il tasso di mortalità è più basso in percentuali fino al 75% rispetto ai paesi che ne hanno addirittura vietato l’uso.

Ci aspettiamo che la prossima mossa sia quella di includere i bambini. Colpevolizzarli. Poi non mancherà più nessuno.

I funzionari dell’OMS hanno affermato che questo mese la percentuale di giovani tra i contagiati è aumentata a livello globale, mettendo a rischio settori vulnerabili della popolazione mondiale, inclusi anziani e malati in aree densamente popolate con servizi sanitari deboli.

“L’epidemia sta cambiando”, ha detto il direttore regionale dell’Oms Pacifico occidentale, Takeshi Kasai, in un briefing virtuale. “Le persone tra i 20, i 30 e i 40 anni guidano sempre più la diffusione. Molti non sanno di essere infetti “.

“Ciò aumenta il rischio di ricadute sui più vulnerabili”, ha aggiunto.

Un’ondata di nuovi casi ha spinto alcuni paesi a reimporre i freni mentre le aziende corrono per trovare un vaccino per un virus che ha colpito le economie.

Sono stati segnalati picchi in paesi che sembravano avere il virus sotto controllo, incluso il Vietnam, che fino a poco tempo fa era rimasto tre mesi senza trasmissione domestica grazie ai suoi sforzi di mitigazione aggressivi.

“Quello che stiamo osservando non è semplicemente una rinascita. Crediamo che sia un segnale che siamo entrati in una nuova fase di pandemia nella regione Asia-Pacifico “, ha detto Kasai.

Nonostante siano state osservate mutazioni, l’OMS considera ancora il virus “relativamente stabile”, ha affermato Kasai.

L’OMS ha anche ricordato ai produttori di farmaci di seguire tutte le fasi di ricerca e sviluppo necessarie durante la creazione di un vaccino.

Socorro Escalante, il suo funzionario tecnico e consulente per le politiche sui medicinali, ha affermato che l’OMS si sta coordinando con la Russia, che questo mese è diventata il primo paese a concedere l’approvazione normativa per un vaccino COVID-19.

“Speriamo di ottenere la risposta in termini di prove di questo nuovo vaccino”, ha detto Escalante.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.