Intel

Secondo Mosca l’avvelenamento di Navalny è una frode ordita dalla NATO

MOSCA – Mosca ha accusato i paesi occidentali e le strutture della NATO di vaer svolto per molti anni un lavoro segreto con sostanze del gruppo Novichok.

La dichiarazione è stata  pubblicata  il 5 settembre sul sito web del Ministero degli Affari Esteri russo. Era una risposta alle dichiarazioni dei capi delle agenzie per gli affari esteri di Germania e Francia.

“In connessione con le affermazioni categoriche secondo cui qui si sono sviluppati composti chimici tossici di azione nervo-paralitica, che in Occidente sono chiamati“ Novice ”, è necessario ricordare quanto segue. Per un certo numero di anni, specialisti di molti paesi occidentali e strutture specializzate della NATO hanno lavorato sui composti inclusi in questo vasto gruppo di sostanze chimiche “, ha detto il ministero degli Esteri russo.

Il ministero ha osservato che numerose dichiarazioni sulla situazione del blogger  Alexei Navalny  sono ostili alla Russia.

Hanno anche ricordato che negli Stati Uniti “agli sviluppatori di tecnologie per il loro uso in combattimento sono stati ufficialmente rilasciati più di un centinaio di brevetti”.

Il 4 settembre i ministri degli Esteri di Germania e Francia, a seguito dell’incontro, hanno pubblicato un comunicato congiunto sulla situazione con Navalny. Hanno affermato l’importanza di una “spiegazione” dalla Russia in relazione alla scoperta in Germania dei dati sull’avvelenamento di Navalny con una sostanza del gruppo Novichok.

Il 2 settembre il governo tedesco, basandosi sui dati di un apposito laboratorio della Bundeswehr, ha annunciato che i campioni di Navalny, in coma, contenevano “prove inequivocabili” di una sostanza chimica dell’agente nervino del gruppo Novichok.

In questa occasione è  subito seguita la cancelliera tedesca  Angela Merkel , nella quale ha chiesto spiegazioni al governo russo.

Allo stesso tempo, alcuni membri del Bundestag hanno espresso richieste al governo tedesco di interrompere l’attuazione del progetto Nord Stream 2 a causa del caso Navalny.

Queste chiamate hanno trovato molto rapidamente sostegno a Kiev – Il ministro degli Esteri ucraino  Dmitry Kuleba ha  detto che l’Occidente  dovrebbe rivedere la sua politica riguardo alla costruzione del gasdotto Nord Stream 2.

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!