Home Salute SOLE, SOLE, SOLE. “NUTRIENTE” ESSENZIALE PER UNA VITA SANA

SOLE, SOLE, SOLE. “NUTRIENTE” ESSENZIALE PER UNA VITA SANA

20
0

Le raccomandazioni di medici e operatori sanitari di evitare l’esposizione al sole a meno che non ci si sia spalmati di crema solare hanno privato gli esseri umani del loro bisogno fondamentale di luce solare. Il dottor Paul Saladino, autore di “The Carnivore Code”, approfondisce le molte ragioni per cui la luce solare è così essenziale che potrebbe anche essere descritto come un nutriente.

“È stata una parte fondamentale della nostra evoluzione nel corso della nostra esistenza”, afferma. 

“La luce solare, la vera luce solare, è essenziale per una vita umana ottimale. Non puoi avere una vita sana senza… livelli adeguati di luce dello spettro visibile infrarosso ultravioletto reale proveniente dal sole nel cielo quando non ti spalmi le creme solari.

Approfondimenti:

Se più persone trascorressero del tempo al sole – senza scottarsi, ma osservando un’esposizione graduale aumentando gradualmente la tolleranza della pelle – Saladino spiega che i tassi di molti tipi di cancro probabilmente diminuirebbero e ci sarebbero meno morti per malattie cardiovascolari e meno casi di disturbi stagionale, mentre si vedrebbero miglioramenti in molte altre malattie, come l’artrite reumatoide e la schizofrenia.   Questo è il potere del sole.

I tassi di cancro aumentano con la distanza dall’equatore

Quando applichi la crema solare per “proteggere” la pelle dal sole, non solo esponi il tuo corpo a sostanze chimiche tossiche presenti nella crema solare, ma inibisci anche le complesse interazioni che si verificano tra la luce ultravioletta (UV) del sole e la tua pelle.

L’ossido nitrico, ad esempio, viene prodotto in risposta agli UVA e questo porta alla vasodilatazione. Ci sono anche beta endorfine prodotte nella tua pelle quando è esposta ai raggi UVA e UVB,  e si possono trovare forti associazioni con il cancro a seconda della tua posizione rispetto all’equatore.

“Con l’aumento delle distanze dall’equatore”, afferma Saladino, “sappiamo che ci sono tassi più elevati di tumori del colon, della mammella, del pancreas, delle ovaie, del cervello e dei reni e del mieloma multiplo del cancro del sangue, man mano che ci si allontana dall’equatore”.  La tubercolosi è un’altra malattia correlata all’esposizione al sole.   Nel 1903 Niels Ryberg Finsen ricevette un premio Nobel  per il suo uso dell’elioterapia solare, o esposizione alla luce solare, per curare malattie come la tubercolosi.

“Una volta sviluppati i farmaci antitubercolari, questo tipo di terapia è caduto in disgrazia, ma c’erano i solarium, c’erano questi ospedali in tutto il deserto a sud-ovest. Ho frequentato la facoltà di medicina presso l’Università dell’Arizona a Tucson e alcuni dei posti in cui ho fatto le rotazioni erano in precedenza ospedali per pazienti affetti da tubercolosi che erano stati esposti al sole, apportando qualche sostanziale miglioramento nella loro malattia”, spiega Saladino. 8

L’esposizione alla luce UV ha anche benefici per il sistema immunitario. “Influisce sulla differenziazione cellulare. Può migliorare la guarigione delle ferite…

Benefici della luce solare dalla vitamina D e oltre

Il fatto che la tua pelle produca vitamina D in risposta all’esposizione al sole è un altro indizio di quanto sia benefico. La vitamina D sovraregola la tua capacità di combattere le infezioni, così come l’infiammazione cronica, e produce oltre 200 peptidi antimicrobici (AMP), uno dei quali è la catelicidina, un antibiotico ad ampio spettro presente in natura.

Il peptide antimicrobico della catelicidina, o CAMP, è costituito dalle cellule immunitarie e dalle cellule della pelle e dell’intestino, che fungono da barriera alle infezioni.  Una grande quantità di dati mostra anche che i livelli di vitamina D sono fortemente correlati con la gravità dell’infezione da SARS-CoV-2.  Saladino ha visitato la tribù Hadza in Africa, che sono tra le migliori rappresentazioni ancora viventi del modo in cui gli esseri umani hanno vissuto per decine di migliaia di anni.

Egli attribuisce la loro regolare esposizione al sole, così come la loro dieta nativa, per la loro mancanza di malattie croniche osservate nelle società moderne: 

“C’è una buona ricerca epidemiologica osservazionale che i livelli di vitamina D superiori a 30 nanogrammi per millilitro (ng/mL) erano piuttosto protettivi e se pensiamo a questo evolutivamente, gruppi come gli Hadza e i Maasai si evolvono all’equatore. Hanno un lignaggio che ha molte centinaia, migliaia di anni.

La loro vitamina D è in media di circa 46-48 ng/mL, che ritengo sia un livello evolutivamente appropriato e probabilmente buono per la maggior parte degli esseri umani”.

Per scongiurare le infezioni e prevenire le malattie croniche, il livello a cui miri è compreso tra 60 e 80 ng/mL, con 40 ng/mL come punto limite basso per la sufficienza per prevenire un’ampia gamma di malattie, incluso il cancro. La chiave è ottenere la tua vitamina D dal sole, non dagli integratori. È importante capire che la vitamina D non è l’unico beneficio della luce solare. In effetti, la vitamina D è più che probabilmente un biomarcatore o un surrogato dell’esposizione al sole, che è anche strettamente coinvolta nella produzione di melatonina.

Durante il giorno, se ottieni una corretta esposizione al sole, i raggi del vicino infrarosso del sole penetrano in profondità nel tuo corpo e attivano la citocromo c ossidasi, che a sua volta stimola la produzione di melatonina all’interno dei tuoi mitocondri. I tuoi mitocondri producono ATP, la valuta energetica del tuo corpo. Un sottoprodotto di questa produzione di ATP è la creazione di specie ossidative reattive (ROS), che sono responsabili dello stress ossidativo e dei radicali liberi.

Quantità eccessive di ROS danneggeranno i mitocondri, contribuendo a condizioni di salute non ottimali, infiammazioni e condizioni di salute croniche come diabete, obesità e trombosi (coaguli di sangue). Ma la melatonina essenzialmente assorbe i ROS che danneggiano i mitocondri. Quindi, ricevendo molta esposizione al sole durante il giorno, i tuoi mitocondri saranno immersi nella melatonina, riducendo così lo stress ossidativo.  Saladino aggiunge:

“Vi consiglierei di assumere la vitamina D dalla luce solare reale a causa degli altri benefici della luce solare reale: endorfine, ossido nitrico, forse altre molecole di colesterolo come il solfato di colesterolo. Non comprendiamo nemmeno, credo, tutti i vantaggi di stare al sole. Ci sono così tante associazioni con la latitudine che suggeriscono che potrebbe essere più profonda della sola vitamina D”.

La luce solare può influenzare il tuo microbioma

Per comprendere l’energia solare, aiuta essere consapevoli che il 39% dello spettro solare è ciò che vediamo come luce visibile. La maggior parte dello spettro solare, il 54,3%, è infrarosso,  che non è visibile ma piuttosto percepito come calore. La luce ultravioletta rappresenta solo il 6,8% dello spettro solare e la vitamina D viene prodotta specificamente in risposta alla radiazione UVB, che è solo una piccola parte dello spettro ultravioletto.

È l’esposizione a questa luce a spettro completo che offre i maggiori vantaggi, di cui la maggior parte è probabilmente ancora sconosciuta. La melatonina, ad esempio, viene prodotta all’interno dei mitocondri in risposta alla radiazione del vicino infrarosso, che fa parte dello spettro infrarosso. L’esposizione a un altro tipo – ultravioletto B a banca stretta o NB-UVB – porta a un altro vantaggio poco noto: la modulazione del microbioma intestinale umano.

I partecipanti allo studio sono stati divisi in gruppi che hanno assunto integratori di vitamina D durante l’inverno prima dello studio e quelli che non lo hanno fatto. Sono stati quindi esposti a NB-UVB tre volte durante un periodo di una settimana.

Non solo i livelli di vitamina D sono aumentati in entrambi i gruppi, ma l’esposizione alla luce ha aumentato significativamente la diversità alfa e beta nel gruppo che non ha assunto vitamina D e i batteri di diverse famiglie sono stati arricchiti. I ricercatori hanno proposto che possa esistere un asse pelle-intestino che colpisce il microbioma intestinale e sembra essere mediato dalla luce solare: 

“Questo è il primo studio a dimostrare che gli esseri umani con bassi livelli sierici di 25(OH)D mostrano evidenti cambiamenti nel loro microbioma intestinale in risposta all’esposizione cutanea a NB-UVB e aumenti nei livelli di 25(OH)D, suggerendo l’esistenza di un asse pelle-intestino che potrebbe essere utilizzato per promuovere l’omeostasi e la salute intestinale.

Il melanoma non è sempre un cancro associato al sole

La domanda che molti hanno riguardo all’esposizione al sole è se aumenterà il rischio di cancro della pelle. Il melanoma è considerato la forma più letale di cancro della pelle, ma i dati non supportano la retorica comune secondo cui sia causato dalla luce solare.

In uno studio sui lavoratori all’aperto e sul rischio di cancro della pelle in Europa, sebbene avessero una maggiore esposizione ai raggi UV sia durante il lavoro che nel tempo libero e un minore uso di creme solari rispetto ai lavoratori interni, “non è stata trovata alcuna associazione significativa per il melanoma”.  “Questa scoperta è confermata molte volte nella letteratura”, ha detto Saladino. “C’è molta letteratura che suggerisce che forse ci sono più strade per il melanoma, non tutte legate al sole”.

Allo stesso modo, in una rapida recensione pubblicata su The Lancet è stato notato che i lavoratori all’aperto hanno un rischio ridotto di melanoma rispetto ai lavoratori interni, “suggerendo che l’esposizione cronica alla luce solare può avere un effetto protettivo”. Si noti inoltre che mentre alcuni melanomi si formano su aree della pelle esposte al sole, altri si formano su aree che vedono raramente il sole.

“Quindi chiaramente bruciarsi quando eri un bambino è una brutta cosa. Non vuoi che accada, ma il melanoma è davvero un cancro associato al sole? direi di no. Penso che ci siano prove evidenti che il melanoma non è sempre associato al sole”, afferma Saladino. 

Melanoma legato all’acido linoleico

Saladino segnala uno studio del 1987,  durante il quale sono stati prelevati campioni di tessuto adiposo da 100 pazienti affetti da melanoma e 100 persone senza melanoma e analizzati per gli acidi grassi.

Non solo c’è un aumento di acido linoleico nei tessuti di tutti i soggetti, ma la percentuale di acidi grassi polinsaturi (PUFA) è significativamente più alta nei tessuti dei pazienti con melanoma. “Si suggerisce che un maggiore consumo di polinsaturi nella dieta possa avere un effetto contribuente nell’eziologia del melanoma”, hanno concluso i ricercatori. 

L’acido linoleico è il grasso principale presente nei grassi polinsaturi omega-6, compresi gli oli vegetali/di semi, e rappresenta circa l’80% della composizione grassa degli oli vegetali. I grassi omega-6 devono essere bilanciati con i grassi omega-3 per non essere dannosi, ma la maggior parte degli americani non mangia in quel modo.

La maggior parte delle persone che mangiano omega-6, compresi gli oli di semi, è stata danneggiata e ossidata durante la lavorazione. Una volta ossidato, genera metaboliti ossidati dell’acido linoleico, che sono mutageni, cancerogeni, citotossici e aterogenici.  Secondo Saladino: 

“È possibile che l’aumento del consumo di acido linoleico possa causare fragilità alle membrane cellulari e che potrebbe portare a danni ossidativi al sole portando a danni al DNA e quindi lesioni più melanocitiche da precursori dei nevi o melanoma o potrebbe succedere la stessa cosa con squamose e basale?

Direi di si. Non è ancora supportato dalla letteratura perché non ci sono stati studi in merito. Abbiamo bisogno di molti altri studi con l’acido linoleico… Ho grandi preoccupazioni sul fatto che l’acido linoleico presente negli oli di semi sia uno dei maggiori fattori di malattie croniche negli esseri umani”.

L’acido linoleico si trova praticamente in tutti gli alimenti trasformati, compresi i cibi dei ristoranti, le salse e i condimenti per l’insalata, nonché gli alimenti “sani” come pollo, maiale… quindi eliminare questi alimenti dalla dieta è un altro trampolino di lancio per una buona salute.



Costruisci il tuo callo solare

La chiave per ottenere i benefici della luce solare riducendo al minimo il rischio di scottature non è usare la protezione solare, che in genere contiene sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, ma piuttosto costruire quello che Saladino chiama il callo solare: 

“Se hai la pelle chiara, copriti, prendi una piccola quantità di esposizione al sole, sviluppa il tuo callo solare … porta quei raggi UVA e UVB nei diversi strati della tua pelle. Ottieni gradualmente la melanina che produce UVB e pensa gradualmente di essere al sole. Come compito a casa che è la mia ricetta per te, prendi il sole gradualmente… questa è la tua occasione per riempire le tue riserve di sole.

Questa è la vitamina D e altri composti che vengono prodotti dal sole nella tua pelle e immagazzinati nel tuo corpo, ma lo fanno gradualmente. Se rimarrai al sole troppo a lungo per stare al sole in sicurezza senza scottarti in base alla quantità relativa di melanina nella tua pelle, allora copriti.

Tieni presente, tuttavia, che anche la tua dieta gioca un ruolo significativo nella tua propensione alle scottature. Un’elevata assunzione di acido linoleico aumenta il rischio di scottature solari, mentre l’eliminazione degli oli di semi dalla dieta ridurrà drasticamente il rischio di scottature solari e cancro della pelle, poiché la suscettibilità ai danni delle radiazioni UV è controllata dal livello di PUFA nella dieta.

È quasi come un quadrante. I PUFA controllano la velocità con cui la pelle brucia e la velocità con cui si sviluppa il cancro della pelle. Saladino sottolinea che anche gli psoraleni, che si trovano in alcuni alimenti vegetali come il sedano e la pastinaca, possono essere problematici, poiché rendono la pelle più sensibile alla luce solare. Il messaggio da portare a casa, però, che Saladino sottolinea è questo: 

“Non temete il sole, amici miei. Non scottatevi, ma non temere il sole: mettetelo su tutto il corpo, guardate come ci si sente…

Fonti e riferimenti:

https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2022/06/04/benefits-of-sunshine.aspx?ui=34fa29cbfa00b5391685512ec2ab0b2f8ed29d6321c49e56cf1b2a4d306e8cfa&sd=20120401&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art1HL&cid=20220604&mid=DM1175669&rid=1509829671

Previous articleDAVOS nell’Età della Tecnica, Umano o Transumano, tu scegli.
Next articleL’agenda del Bilderberg 2022: disinformazione, deglobalizzazione e interruzione del sistema finanziario globale