Database Italia

Sperimentazione sul vaccino Anti Covid-19. Tre reazioni avverse su 45 pazienti.

Nello studio di Moderna su 45 persone, quattro partecipanti hanno sperimentato quelli che sono noti come eventi avversi di “grado 3” – effetti collaterali che sono gravi o importanti dal punto di vista medico ma non immediatamente pericolosi per la vita.

Ian Haydon.

Articolo di Davide Donateo

I pazienti durante i test clinici normalmente restano anonimi, ma mentre il vaccino sperimentale Covid-19 sviluppato da “Moderna Therapeutics” ha iniziato a progredire attraverso gli studi, ha trovato un tifoso : il volontario Ian Haydon, un 29enne di Seattle.

Haydon ha parlato del vaccino su CNN e CNBC affermando che si sarebbe offerto volontario per essere esposto al nuovo coronavirus SARS-CoV-2, offrendosi al mondo della farmaceutica come cavia. E così è stato, il suo desiderio è stato esaudito. Peccato che un sogno si sia trasformato in un incubo, infatti Haydon è una delle tre persone nello studio che ha avuto una reazione avversa sistemica al vaccino.

Dodici ore dopo aver ricevuto la seconda dose, Haydon ha sviluppato una febbre di oltre 39,5 gradi. Dopo essere stato rilasciato dal Pronto soccorso , è tornato a casa dove è svenuto per poi riprendersi solo il giorno successivo.

“Capisco che condividere la storia, sarà spaventoso per alcune persone”, ha detto. “Spero che non alimenti alcun tipo di antagonismo in generale verso i vaccini e soprattutto verso questo vaccino”.


Haydon sottolinea che l’intero scopo dello studio, noto come studio clinico di Fase 1, è quello di trovare la giusta dose di vaccino in futuro. Ciò significa trovare una dose che induca l’organismo a produrre anticorpi, ma non comporti troppi effetti collaterali e spera che la sua storia serva a controbilanciare la voglia di alcune persone di accelerare eccessivamente tutto il processo dei test senza attendere le opportune verifiche.

Nello studio di Moderna su 45 persone, quattro partecipanti hanno sperimentato quelli che sono noti come eventi avversi di “grado 3” – effetti collaterali che sono gravi o importanti dal punto di vista medico ma non immediatamente pericolosi per la vita. Né la compagnia né l’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive, che sta conducendo lo studio, hanno precedentemente descritto la natura di tali incidenti, ma Moderna ha rivelato che tre, probabilmente incluso Haydon, hanno ricevuto la dose più alta del vaccino e hanno avuto reazioni di iperstimolazione del sistema immunitario. Un quarto ha ricevuto una dose più bassa e ha avuto un’eruzione cutanea locale.

Gli effetti collaterali sono “degni di nota, ma non fermano il treno”, ha affermato William Schaffner, professore di medicina preventiva e malattie infettive presso il Vanderbilt University Medical Center. L’obiettivo degli studi è stabilire una soglia sopra la quale qualcosa potrebbe andare storto.

Con i farmaci, ha detto Schaffner, i pazienti tollerano il rischio di effetti collaterali perché vogliono guarire dalla malattia già in corso. Al contrario, i vaccini vengono somministrati a persone sane in previsione che possano contrarre il virus e vengono accettati meno volentieri.

I vaccini sperimentali di Moderna, funzionano attraverso una tecnologia completamente nuova che utilizza l’RNA messaggero, l’inviato chiave del corpo delle informazioni genetiche all’interno delle cellule. Durante il test, i ricercatori hanno prima effettuato un prelievo di sangue e dopo una settimana hanno somministrato la prima dose di vaccino

Haydon ha detto che l’esperienza lo ha reso debole come non si era mai sentito. Ma i sintomi simil-influenzali standard che si risolvono in un giorno non sono necessariamente considerati un motivo per non usare un vaccino che previene una malattia più grave.

Date le poste in gioco di un vaccino Covid-19, gli effetti collaterali descritti nel rilascio di Moderna sarebbero probabilmente considerati accettabili anche se si rivelassero in studi futuri. Gli effetti gravi sono stati osservati solo a dosi elevate.

L’altro vaccino in fase di test, per il quale sono disponibili i primi dati, ha causato la febbre in quasi la metà dei pazienti.

Ma non è chiaro cosa accadrà quando il vaccino passerà a studi più ampi. “Gli esseri umani hanno un sistema immunitario molto diversificato”, ha affermato Larry Schlesinger, presidente e CEO del Texas Biomedical Research Institute, un’organizzazione no profit. “Basta aggiungere una patologia regressao l’età avanzata e puoi immaginare che la risposta immunitaria sarà molto, molto diversa.”

La difficoltà, ha affermato Schlesinger, è che in questo momento stiamo ottenendo solo “bocconcini” di informazioni sul nuovo vaccino.

“I bocconcini di scienza sono sempre pericolosi da leggere per il pubblico perché forniscono una falsa comprensione, o un falso senso di sicurezza, non sono indicativi di progressi o meno”, ha detto Schlesinger. “Al momento non ci sono sufficienti informazioni.” Ecco perché abbiamo bisogno di studi clinici e di volontari come Ian Haydon.”



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.