Quantcast
Database Italia

STEPHEN HAWKING: LE MODIFICHE GENETICHE E IL TRANSUMANISMO PORTERANNO L’UOMO ALL’ESTINZIONE


Siamo finanziati esclusivamente dai nostri lettori più generosi e vogliamo continuare così. Aiutaci a fare di più, meglio, più velocemente. Grazie!


Uno degli scienziati più famosi al mondo (dall’establishment) ha suggerito che l’ingegneria genetica potrebbe creare una nuova specie di virus o creatura sovrumana che potrebbe distruggere il resto dell’umanità.

Hawking ha lasciato una  raccolta di articoli e saggi  su quelle che ha definito “le grandi domande”. In Brief Answers to the Big Questions  suggerisce che le persone benestanti saranno presto in grado di scegliere di modificare il proprio DNA e quello dei propri figli per creare superumani con memoria migliorata, resistenza alle malattie, intelligenza e longevità . –  The Times

Parlando a Radio Times prima della  conferenza della  BBC Reith nel 2016, Hawking ha affermato che la maggior parte delle minacce che gli esseri umani devono affrontare ora provengono dai progressi della scienza e della tecnologia, come armi nucleari e virus geneticamente modificati.
“Non smetteremo di fare progressi, né li invertiremo, quindi dobbiamo riconoscere i pericoli e controllarli”, ha aggiunto.
Parlando attraverso il suo sintetizzatore vocale al Ri, ha risposto a una domanda se la voce elettronica avesse modellato la sua personalità, forse permettendo all’introverso di diventare un estroverso. Rispondendo che non era mai stato definito un introverso prima, Hawking ha aggiunto: “Solo perché passo molto tempo a pensare non significa che non mi piacciano le feste e che non mi metta nei guai”. –  The Guardian

Il  Daily Galaxy  ha scelto  la  tesi di Stephen Hawking secondo cui la specie umana è entrata in una nuova fase dell’evoluzione come storia principale del 2009. È stata inclusa nella sua  conferenza Life in the Universe , insieme a molte altre osservazioni stimolanti sulla condizione umana.

Un essere vivente di solito ha due elementi: un insieme di istruzioni che dicono al sistema come sostenersi e riprodursi e un meccanismo per eseguire le istruzioni. In biologia, queste due parti sono chiamate geni e metabolismo. Ma vale la pena sottolineare che non c’è bisogno di nulla di biologico in loro. Ad esempio, un virus informatico è un programma che creerà copie di se stesso nella memoria di un computer e si trasferirà su altri computer. Così si adatta alla definizione di un sistema vivente, che ho dato. Come un virus biologico, è una forma piuttosto degenerata, perché contiene solo istruzioni o geni e non ha un proprio metabolismo. Invece, riprogramma il metabolismo del computer host, o cellula. Alcune persone si sono chieste se i virus dovessero contare come vita, perché sono parassiti, e non possono esistere indipendentemente dai loro ospiti. Ma poi la maggior parte delle forme di vita, noi compresi, sono parassiti, in quanto si nutrono e dipendono per la loro sopravvivenza da altre forme di vita. Penso che i virus informatici dovrebbero contare come vita. Forse dice qualcosa sulla natura umana, che l’unica forma di vita che abbiamo creato finora è puramente distruttiva. Parla di creare la vita a nostra immagine. Tornerò in seguito alle forme di vita elettroniche.


Non siamo solo i nostri geni. Potremmo non essere più forti, o intrinsecamente più intelligenti, dei nostri antenati degli uomini delle caverne. Ma ciò che ci distingue da loro, è la conoscenza che abbiamo accumulato negli ultimi diecimila anni e, in particolare, negli ultimi trecento. Penso che sia legittimo assumere una visione più ampia e includere le informazioni trasmesse esternamente, così come il DNA, nell’evoluzione della razza umana.
La scala temporale per l’evoluzione, nel periodo di trasmissione esterna, è la scala temporale per l’accumulo di informazioni. Erano centinaia, o addirittura migliaia, di anni. Ma ora questa scala temporale si è ridotta a circa 50 anni, o meno. D’altra parte, i cervelli con cui elaboriamo queste informazioni si sono evoluti solo sulla scala temporale darwiniana, di centinaia di migliaia di anni. Questo sta iniziando a causare problemi. Nel XVIII secolo si diceva che ci fosse un uomo che aveva letto tutti i libri scritti. Ma oggigiorno, se leggi un libro al giorno, ci vorrebbero circa 15.000 anni per leggere i libri in una Biblioteca nazionale. A quel punto sarebbero stati scritti molti più libri.
Ciò ha significato che nessuno può essere padrone di più di un piccolo angolo di conoscenza umana. Le persone devono specializzarsi, in campi sempre più ristretti. Questa è probabilmente una delle principali limitazioni in futuro. Non possiamo certo continuare, a lungo, con il tasso di crescita esponenziale della conoscenza che abbiamo avuto negli ultimi trecento anni. Un limite e un pericolo ancora maggiore per le generazioni future, è che abbiamo ancora gli istinti, e in particolare, gli impulsi aggressivi, che avevamo ai tempi dell’uomo delle caverne. L’aggressività, sotto forma di sottomissione o uccisione di altri uomini, e di prendere le loro donne e il cibo, ha avuto un netto vantaggio per la sopravvivenza, fino ad oggi. Ma ora potrebbe distruggere l’intera razza umana e gran parte del resto della vita sulla Terra. Una guerra nucleare è ancora il pericolo più immediato, ma ce ne sono altri, come il rilascio di un virus geneticamente modificato. Oppure l’effetto serra che diventa instabile.


Non c’è tempo per aspettare l’evoluzione darwiniana, per renderci più intelligenti e di natura migliore. Ma ora stiamo entrando in una nuova fase, di quella che potremmo chiamare evoluzione auto-progettata, in cui saremo in grado di cambiare e migliorare il nostro DNA. È in corso un progetto per mappare l’intera sequenza del DNA umano. Costerà qualche miliardo di dollari, ma questo è mangime per polli, per un progetto di questa importanza. Una volta che avremo letto il libro della vita, inizieremo a scrivere correzioni. All’inizio, questi cambiamenti saranno limitati alla riparazione di difetti genetici, come la fibrosi cistica e la distrofia muscolare. Questi sono controllati da singoli geni e quindi sono abbastanza facili da identificare e correggere. Altre qualità, come l’intelligenza, sono probabilmente controllate da un gran numero di geni. Sarà molto più difficile trovarli, e elaborare le relazioni tra di loro. Tuttavia, sono sicuro che nel prossimo secolo le persone scopriranno come modificare sia l’intelligenza sia gli istinti come l’aggressività.

Verranno approvate leggi contro l’ingegneria genetica con gli esseri umani. Ma alcune persone non saranno in grado di resistere alla tentazione di migliorare le caratteristiche umane, come la dimensione della memoria, la resistenza alle malattie e la durata della vita. Una volta che questi super umani appariranno, ci saranno grossi problemi politici, con gli umani non migliorati, che non saranno in grado di competere. Presumibilmente, moriranno o diventeranno irrilevanti. Invece, ci sarà una razza di esseri che si auto-progettano, che stanno migliorando se stessi a un ritmo sempre crescente.

Se questa razza riesce a ridisegnarsi, a ridurre o eliminare il rischio di autodistruzione, probabilmente si espanderà e colonizzerà altri pianeti e stelle. Tuttavia, i viaggi spaziali a lunga distanza saranno difficili per le forme di vita a base chimica, come il DNA. La vita naturale per tali esseri è breve, rispetto al tempo di viaggio.

Potrebbe essere possibile utilizzare l’ingegneria genetica, per far sopravvivere la vita basata sul DNA indefinitamente, o almeno per centomila anni. Ma un modo più semplice, che rientra già quasi nelle nostre capacità, sarebbe inviare macchine. Questi potrebbero essere progettati per durare abbastanza a lungo per i viaggi interstellari. Quando arriveranno a una nuova stella, potranno atterrare su un pianeta adatto e estrarre materiale per produrre più macchine, che potranno essere inviate ad ancora più stelle. Queste macchine rappresenterebbero una nuova forma di vita, basata su componenti meccanici ed elettronici, piuttosto che su macromolecole. Alla fine potrebbero sostituire la vita basata sul DNA, proprio come il DNA potrebbe aver sostituito una forma di vita precedente.
Stephen Hawking – La  vita nell’universo

DNA E COMPRENSIONE  –  BBC 2009

Il professor Hawking, del Dipartimento di Matematica Applicata e Fisica Teorica di Cambridge, ha tenuto un discorso tipicamente di ampio respiro.

Il professore ha detto di non sostenere la riprogettazione genetica degli esseri umani, ma l’ha vista come inevitabile poiché gli scienziati hanno acquisito una comprensione più completa del DNA.
“Molte persone diranno che l’ingegneria genetica sugli esseri umani dovrebbe essere vietata, ma dubito piuttosto che saranno in grado di prevenirla”, ha detto.
“L’ingegneria genetica su piante e animali sarà consentita per motivi economici e qualcuno è obbligato a provarla sugli esseri umani”.
Ha detto che è improbabile che accada nei prossimi 100 anni, ma gli esseri umani GM sarebbero arrivati ​​nel prossimo millennio e avrebbero avuto poca somiglianza con le persone di oggi.
Il professor Hawking ha aggiunto che l’unico modo in cui poteva vedere che una situazione del genere sarebbe stata impedita era in caso di “ordine mondiale totalitario”.

SUPERUMANI E GENI-EDITATI

Il compianto Stephen Hawking credeva che i progressi nella scienza genetica avrebbero portato a una futura generazione di superumani che alla fine avrebbero potuto distruggere il resto dell’umanità.
Negli scritti di recente pubblicazione, Hawking ha suggerito che una classe d’élite di umani fisicamente e intellettualmente potenti potrebbe nascere da persone ricche che scelgono di modificare il loro DNA manipolando il trucco genetico dei loro figli.
“Sono sicuro che durante questo secolo, le persone scopriranno come modificare sia l’intelligenza che gli istinti come l’aggressività”, ha scritto.
“Probabilmente verranno approvate leggi contro l’ingegneria genetica con gli esseri umani. Ma alcune persone non saranno in grado di resistere alla tentazione di migliorare le caratteristiche umane, come la memoria, la resistenza alle malattie e la durata della vita “.
Il famoso fisico teorico, morto a marzo, ha fatto la cupa previsione in una raccolta di saggi e articoli   pubblicati dal Sunday Times del Regno Unito , prima dell’uscita di un libro contenente una raccolta di scritti di Hawking.

Coloro che non hanno i mezzi per modificare geneticamente se stessi saranno relegati in una sottoclasse di “esseri umani non migliorati”, suggerisce in ” Brevi risposte alle grandi domande “. I ricchi che hanno potere e accesso potrebbero modificare il loro genoma per aumentare la forza, la memoria e la resistenza alle malattie.
Questo sistema a due livelli di esseri umani, ha predetto Hawking, potrebbe avere gravi conseguenze sociali.

“Una volta che questi superumani appariranno, ci saranno problemi politici significativi con gli esseri umani non migliorati, che non saranno in grado di competere”, ha scritto. “Presumibilmente, moriranno o diventeranno irrilevanti. Invece, ci sarà una razza di esseri che si auto-progettano che stanno migliorando a un ritmo sempre crescente “.
“Se la razza umana riesce a ridisegnarsi, probabilmente si espanderà e colonizzerà altri pianeti e stelle”.
Anche se l’ascesa dei superumani non avverrà nella nostra vita, la nuova tecnologia di modifica genetica ha già portato a preoccupazioni sul potenziale dei bambini designer.
In particolare,  CRISPR-Cas 9  è una tecnologia emersa di recente che può essere pensata come un minuscolo paio di forbici molecolari in grado di tagliare e alterare i nucleotidi che compongono il DNA, consentendo agli scienziati di trovare e modificare, o sostituire, i difetti genetici. – NY Post



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments