Database Italia

STUDIO DELLA STANFORD UNIVERSITY SULLE RESTRIZIONI: “NON HANNO ALCUN EFFETTO CHIARO E SIGNIFICATIVO”



Uno studio della Stanford University afferma che i lockdown, la permanenza forzata a casa e le chiusure aziendali non hanno “alcun effetto benefico chiaro e significativo” sulla crescita dei casi di Covid-19 e possono persino portare a infezioni più frequenti nelle case di cura.

I ricercatori della Stanford University in California miravano a valutare in che modo i rigidi blocchi influenzano la crescita delle infezioni rispetto a misure meno restrittive.

Hanno utilizzato dati provenienti da Inghilterra, Francia, Germania, Iran, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Corea del Sud, Svezia e Stati Uniti, raccolti durante le fasi iniziali della pandemia nella primavera del 2020. Hanno confrontato i dati di Svezia e Corea del Sud, due paesi che non hanno introdotto blocchi rigidi in quel momento, con quello degli altri otto paesi. 

Hanno scoperto che l’introduzione di eventuali interventi restrittivi non farmaceutici (NPI) come la riduzione dell’orario di lavoro, il lavoro da casa e l’allontanamento sociale hanno contribuito a frenare l’aumento delle infezioni in nove dei 10 paesi studiati, ad eccezione della Spagna, dove l’effetto era  “non -significativo . “

Tuttavia, quando hanno confrontato la diffusione dell’epidemia in luoghi che hanno implementato misure meno restrittive con quelli che optano per un blocco totale, non hanno riscontrato ” alcun effetto benefico chiaro e significativo ” di quest’ultimo sul numero di casi in qualsiasi paese.

La ricerca prosegue suggerendo che i dati empirici della successiva ondata di infezioni mostrano che le misure restrittive non riescono a proteggere le popolazioni vulnerabili. ” La percentuale di decessi per COVID-19 avvenuti nelle case di cura era spesso più alta ” con rigide restrizioni ” piuttosto che con misure meno restrittive “. Dice anche che ci sono prove che suggeriscono che “a volte con misure più restrittive, le infezioni possono essere più frequenti negli ambienti in cui risiedono popolazioni vulnerabili rispetto alla popolazione generale “.

La ricerca ammette che i blocchi all’inizio del 2020 erano giustificati perché la malattia si stava diffondendo rapidamente e travolgendo i sistemi sanitari, e gli scienziati oi medici non sapevano quali fossero i dati sulla mortalità del virus. Tuttavia, indica i potenziali effetti dannosi sulla salute di rigide restrizioni, come la fame, i servizi sanitari che non sono disponibili per malattie non Covid, l’abuso domestico e problemi di salute mentale, e gli effetti di questi sull’economia significano che i benefici delle restrizioni potrebbero essere sopravvalutate e dovrebbero essere studiate attentamente. 

I ricercatori concludono dicendo che, sebbene non possano escludere alcuni ” piccoli benefici “, non sono riusciti a trovare alcun ” vantaggio significativo ” di misure più restrittive sulla diffusione dell’infezione. Affermano che ” riduzioni simili ” possono essere ottenute con ” interventi meno restrittivi “. 

Un numero crescente di paesi ha recentemente introdotto blocchi di vario grado, in risposta al numero crescente di infezioni, attribuite ai nuovi ceppi altamente contagiosi di coronavirus.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.