Quantcast
Database Italia

SUORE TEDESCHE “AFFITTAVANO” A RICCHI UOMINI BAMBINI ORFANI



Un rapporto nascosto al pubblico documenterebbe orribili atti di stupro e abusi sessuali su giovani ragazzi e bambini. Stupri facilitati da suore appartenenti all’arcidiocesi cattolica di Colonia in Germania, secondo il Daily Beast.

I risultati dell’indagine, che si sono conclusi il mese scorso e derivano da una causa intentata contro l’arcidiocesi dalle vittime, non sono stati resi pubblici, ma si dice che i contenuti del rapporto siano trapelati a diversi media. 

Sezioni del rapporto di 560 pagine presumibilmente viste dal Daily Beast descrivono in dettaglio come le suore che gestivano un convento a Spira, in Germania tra gli anni ’60 e ’70, “affittavano” ragazzi orfani a uomini d’affari e sacerdoti, che abusavano dei bambini, a volte per settimane intere, prima di “restituirli”.

Alcuni degli orfani sono stati costretti a partecipare a “gang bang e orge” prima di essere riportati al convento dove le suore li avrebbero addirittura sanzionati e puniti per aver “sgualcito i vestiti o per averli sporcati di sperma”.

Il rapporto ha concluso che 175 bambini, la maggior parte dei quali ragazzi di età compresa tra 8 e 14 anni, hanno subito abusi per due decenni. Ad alcuni dei bambini è stato impedito intenzionalmente di essere adottati o portati in una casa di accoglienza in modo che le suore potessero continuare ad usarli, secondo quanto riferito.

Tuttavia, l’indagine ha rifiutato di incolpare direttamente le suore coinvolte nel regime malato, sostenendo invece che l’abuso era il risultato di errori di gestione “sistematici” e la “clemenza” accordata a coloro accusati di prendere parte ai crimini abominevoli, ha riferito il Daily Beast.

I dettagli sono trapelati alla stampa dopo che l’arcidiocesi si è rifiutata di rendere pubblico il rapporto, chiedendo ai giornalisti che hanno visionato i documenti di firmare un accordo di riservatezza. Tutti coloro che hanno partecipato alla conferenza stampa che annunciava la conclusione delle indagini sarebbero usciti, rifiutandosi di rispettare i termini imposti dalla Chiesa.

L’arcidiocesi di Colonia ha dichiarato di essersi opposta al rapporto perché non aveva spiegato completamente la sua metodologia. Tuttavia, il vescovo Karl-Heinz Wiesmann, che guida l’arcidiocesi, ha dichiarato ai media che il rapporto sugli abusi era “così cruento” , non adatto alla visione pubblica. Il vescovo afferma di essere stato così turbato dal rapporto, da costringerlo a prendersi un mese di pausa dai suoi doveri dopo averlo letto. 

Le rivelazioni scioccanti arrivano meno di un anno dopo che un’indagine separata ha scoperto che le autorità educative e il senato di Berlino avevano sostenuto e difeso l’affidamento dei bambini in affidamento alle cure di noti pedofili. La politica trentennale, terminata nel 2003, ha portato a una serie di gravi casi di abuso, secondo le indagini.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.