Database Italia

Tara Reade: “I giornalisti sono stati silenziati sulle sporche vicende di Biden durante queste elezioni.”

Tara Reade, l’ex assistente del Senato degli Stati Uniti che ha accusato Joe Biden di aggressione sessuale, sostiene che ulteriori accuse potrebbero emergere ora che i media consentono ai giornalisti di ricominciare a lavorare sulla presunta corruzione dell’ex vicepresidente ora che la sua vittoria è stata sigillata.

“Penso che ci sarà più interesse anche perchè altre persone potrebbero farsi avanti”, ha detto la Reade sabato in un’intervista con Polly Boiko di RT.

La Reade ha notato che giornalisti come Glenn Greenwald sono stati silenziati durante le elezioni su tutto ciò che riguardava gli affari della famiglia di Biden in Ucraina e Cina, ma se mai Biden arrivasse a sostituire Trump nello Studio Ovale, le regole potrebbero cambiare.

Reade ha sostenuto che i media statunitensi sono stati costretti a esercitare l’autocensura nelle loro inchieste su Biden durante il ciclo elettorale, affermando che “i media e i giornalisti, giornalisti indipendenti, si sono sentiti dire che avrebbero dovuto tacere sulle questioni della famiglia Biden in periodo elettorale.

“Penso che si toglieranno i guanti dopo che e se diventerà presidente”, ha detto Reade. “Penso che la verità debba venire fuori, non intendo gli attacchi come quello che ho vissuto io, in alcun modo. Quello che voglio dire è che si tornerà a fare giornalismo. Se si scopre corruzione, va rivelato. Se ha usato la sua posizione di vice presidente per arricchire la sua famiglia, nel modo in cui accusa Trump, allora dovrebbe essere rivelato “.

Reade all’inizio di quest’anno ha accusato l’allora senatore Biden di averla aggredita sessualmente nel 1993. L’anno scorso, era tra sette donne che affermavano di essere state molestate. Ha definito Biden un “predatore” nella sua intervista con Boiko e ha detto che alcuni dei suoi amici consideravano il suo sostegno alla Violence Against Women Act del 1994 una “copertura per la sua misoginia”.

“È come il lupo travestito da agnello”, ha detto Reade. 

Reade, che ha affermato di essere stata sottoposta a pressioni per lasciare il suo lavoro nello staff di Biden dopo aver presentato una denuncia per molestie sessuali, sostiene che da quando ha lasciato Washington nel 1993, ha visto il Partito Democratico evolversi e diventare sempre più dominato dagli interessi finanziari. Anche negli anni ’90, ha affermato di aver assistito alla devozione di Biden per le società di carte di credito e altri donatori, sostenendo che tale posizione dominante è solo aumentata. 

“Siamo diventati gli Stati Uniti dell’oligarchia”.

Anche i controllori del partito sono diventati più favorevoli alla guerra, ha detto Reade. “Quello che mi colpisce del Partito Democratico è la nostra ipocrisia”, ha detto. “Facevo parte di quella setta, se vuoi, dei Democratici, e adesso ne sono fuori. Vedo davvero l’ipocrisia, l’ipocrisia. Dobbiamo fermarci. “

Reade ha detto che il partito deve anche “smetterla di incolpare tutto sulla Russia, il che è semplicemente ridicolo”, e iniziare ad avere conversazioni reali sul miglioramento del sistema politico statunitense.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.