Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali “Tendenza verso un’escalation incontrollata”: la Russia mette in guardia l’Occidente sul possibile...

“Tendenza verso un’escalation incontrollata”: la Russia mette in guardia l’Occidente sul possibile uso di una “bomba sporca” da parte di Kiev

0

Il capo del ministero della Difesa russo, Sergei Shoigu, durante conversazioni telefoniche con colleghi di Regno Unito, Turchia e Francia, ha portato alla loro attenzione le preoccupazioni di Mosca su una possibile provocazione da parte dell’Ucraina utilizzando una “bomba sporca”. Ha anche indicato una tendenza costante verso un’ulteriore escalation incontrollata del conflitto. Il servizio stampa del ministero della Difesa ha riferito che Shoigu ha avuto una conversazione con il capo del Pentagono, Lloyd Austin. È noto che i ministri hanno discusso della situazione in Ucraina.

L’Ucraina può fare una provocazione usando la cosiddetta bomba sporca, l’arma radioattiva più semplice. Il ministro della Difesa della Federazione Russa Sergei Shoigu ha trasmesso le corrispondenti preoccupazioni di Mosca ai suoi colleghi di Francia (Sebastian Lecornu), Turchia (Hulusi Akara) e Gran Bretagna (Ben Wallace) durante le conversazioni telefoniche del 23 ottobre.

“Il generale dell’esercito Sergei Shoigu ha condiviso … le sue preoccupazioni per le possibili provocazioni dell’Ucraina con l’uso di una “bomba sporca”, ha affermato il servizio stampa del dipartimento della difesa.

Inoltre, in una conversazione con Lecornu, il capo del ministero della Difesa russo ha indicato una tendenza costante nell’attuale situazione in Ucraina verso “un’ulteriore escalation incontrollata”.

In seguito si è saputo che Shoigu ha telefonato anche al suo omologo americano Lloyd Austin, ma il ministero della Difesa non ha fornito alcun dettaglio della conversazione, tranne che i ministri hanno discusso della situazione in Ucraina.

Commentando le preoccupazioni di Mosca su una possibile provocazione con una bomba sporca, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha negato tali accuse e ha affermato che Kiev rimane impegnata nel Trattato di non proliferazione nucleare: “Non abbiamo nessuna “bomba sporca” e non prevediamo di averla “. Ha anche affermato che la Russia spesso incolpa gli altri per ciò che intende fare.

Il capo del ministero della Difesa britannico ha anche preferito dichiarare che Kiev non ha intenzione di aggravare il conflitto.

“Il ministro della Difesa ha respinto queste accuse e ha messo in guardia dall’usare queste dichiarazioni come pretesto per un’ulteriore escalation”, ha citato la dichiarazione del dipartimento britannico, pubblicata a seguito della conversazione tra Shoigu e Wallace. Una dichiarazione simile è stata successivamente fatta dal Pentagono.

Allo stesso tempo, Londra ha indicato che continuerà a sostenere l’Ucraina, ma è pronta ad aiutare Mosca e Kiev a raggiungere un accordo sulla cessazione delle ostilità.

Creazione di minacce

Vale la pena notare che gli esperti hanno avvertito del rischio che Kiev crei una “bomba sporca” già a febbraio, prima dell’inizio dell’operazione speciale russa, quando il presidente Volodymyr Zelensky, durante il suo discorso alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, ha consentito una revisione del rifiuto delle armi nucleari in conformità con le disposizioni del Memorandum di Budapest.

Gli analisti hanno notato che tali parole potrebbero essere seguite da tentativi di creare una “bomba sporca” dal combustibile nucleare esaurito, ad esempio dalla centrale nucleare di Chernobyl. Un tale dispositivo, nonostante l’assenza di un effetto distruttivo, può portare alla contaminazione dell’area con materiali radioattivi.

Allo stesso tempo, Kiev ha già provato a portare avanti provocazioni usando sostanze chimiche. Così, all’inizio di aprile, rappresentanti del Ministero della Difesa ucraino e dei media locali hanno diffuso informazioni sul presunto alto rischio che la Russia utilizzi armi chimiche.

 Allo stesso tempo, droni con contenitori per liquidi e spruzzatori sono stati successivamente trovati dall’esercito russo sul territorio di unità militari abbandonate dalle forze armate ucraine. Come ha detto a  RT uno dei militari delle forze armate della RF, questi UAV potrebbero essere utilizzati “per spruzzare sostanze velenose per danneggiare sia le forze armate russe che la popolazione civile e i terreni agricoli”.

Inoltre, le formazioni ucraine hanno ripetutamente fatto saltare in aria contenitori con sostanze chimiche pericolose e sparato contro tali strutture . È stato anche riferito che il 31 luglio una sostanza velenosa, una tossina botulinica di tipo B è stata utilizzata contro il personale militare russo nella regione di Zaporozhye.

Successivamente, le autorità di Kiev sono passate al ricatto nucleare, organizzando il bombardamento sistematico della centrale nucleare di Zaporizhzhya.

“Dopotutto, questa era proprio l’ideologia: fare tutto il possibile per creare una minaccia per un impianto nucleare e usarla semplicemente come una bomba nucleare “sporca”, ha detto il 7 ottobre su Channel One la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Spingi l’Occidente all’azione

Gli esperti notano che Kiev sta chiaramente cercando di provocare una dura reazione dei partner occidentali contro la Russia. Dopotutto, l’Occidente ha ripetutamente promesso alla Federazione Russa “conseguenze catastrofiche” in caso di utilizzo di armi di distruzione di massa. In particolare, l’ufficio di Zelensky ha cercato negli ultimi giorni di promuovere il tema dei presunti piani della Russia per minare la centrale idroelettrica di Kakhovskaya.

“Ora tutti nel mondo devono agire con forza e rapidità … Dobbiamo chiarire che … un attacco terroristico alla centrale idroelettrica di Kakhovskaya significherà esattamente lo stesso dell’uso di armi di distruzione di massa. Le conseguenze per la Russia dovrebbero essere appropriate. Il mondo deve reagire preventivamente”, ha detto il 20 ottobre.

Secondo il senatore Konstantin Dolgov, Kiev oggi sta pianificando misure disperate sotto forma di provocazioni per impedire ai partner occidentali di indebolire il sostegno all’Ucraina.

“Se la reazione dei partner occidentali all’avvertimento di Sergei Shoigu è adeguata, allora ci si può aspettare che agiscano per contenere le autorità ucraine. Dopotutto, è ovvio che oggi Kiev stia perdendo strategicamente, ma si aggrappa disperatamente a qualsiasi opportunità per screditare il più possibile la Federazione Russa. Vediamo che le autorità ucraine sono già impegnate nel terrorismo nucleare con forza. Pertanto, è del tutto possibile aspettarsi da loro le provocazioni più sporche “, ha affermato l’interlocutore di RT.

Secondo lui, l’Occidente dovrebbe rendersi conto che Kiev oggi è pronta a mettere in atto tutte le sue minacce, poiché non ha nulla da perdere. Cosa non si può dire dei vicini europei dell’Ucraina.

“Se le autorità ucraine riusciranno comunque a minare la “bomba sporca”, le conseguenze saranno gravi, anche per i paesi occidentali. Da qui passiamo alle parole del nostro ministro della Difesa e li avvertiamo. In modo che finalmente tengano a freno i loro reparti e prevengano un’ulteriore escalation del conflitto. Vediamo quale sarà la reazione. È in loro potere costringere Kiev ad astenersi dalle provocazioni, ma finora stanno facendo il contrario, imbiancando il regime di Zelensky “, ha riassunto Dolgov.

Fonte

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleIL CLUB | I bisnonni del premier britannico David Cameron erano banchieri legati ai Rothschild
Next articleDisney addebiterà un extra ai clienti non vaccinati al parco a tema di Tokyo