Home Coronavirus Terza Dose e Sindrome da Immunodeficienza Acquisita. Il Ritmo è Allarmante...

Terza Dose e Sindrome da Immunodeficienza Acquisita. Il Ritmo è Allarmante Secondo i Dati del Governo del Regno Unito

0

Articolo pubblicato da The Exposé tradotto da Davide Donateo

Un’indagine di 5 mesi sui dati ufficiali del governo del Regno Unito conferma le previsioni precedentemente fatte secondo cui la dose di “richiamo” di Covid-19 fornirebbe una spinta temporanea di vita molto breve al sistema immunitario della popolazione vaccinata prima di continuare a decimare il loro sistema immunitario ma a un ritmo molto più rapido.


In breve, i dati ufficiali del governo del Regno Unito suggeriscono fortemente che la popolazione vaccinata contro il Covid-19 stia sviluppando una nuova forma di sindrome da immunodeficienza acquisita indotta dal vaccino Covid-19 a un ritmo allarmante.

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) pubblica un rapporto settimanale sulla sorveglianza dei vaccini, con ogni rapporto contenente quattro settimane di dati su casi di Covid-19, ricoveri e decessi per stato di vaccinazione. Per la nostra indagine abbiamo analizzato 5 di questi rapporti di sorveglianza sui vaccini pubblicati contenenti dati dal 16 agosto 2021 al 2 gennaio 2022, al fine di ottenere un quadro chiaro sull’effetto che i vaccini Covid-19 stanno avendo sul sistema immunitario della popolazione vaccinata, e questo è ciò che abbiamo trovato…

I rapporti di sorveglianza sui vaccini dell’UKHSA utilizzati per la nostra indagine possono essere trovati tutti qui:

Efficacia del vaccino Covid-19 nel mondo reale

Pfizer afferma che la loro iniezione di mRNA di Covid-19 ha un’efficacia del 95%. Hanno potuto affermare ciò grazie a un semplice calcolo tutti i dettagli del quale possono essere visualizzati qui ) eseguito sul numero di infezioni confermate tra il gruppo vaccinato e il gruppo non vaccinato durante le prime fasi degli studi clinici ancora in corso .

Ora, grazie a una vasta gamma di dati pubblicati dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito, siamo in grado di utilizzare lo stesso calcolo utilizzato per calcolare l’efficacia del 95% del vaccino Pfizer, per calcolare l’efficacia nel mondo reale dei vaccini Covid-19 e i dati purtroppo dipingono un quadro estremamente preoccupante.

Il rapporto sulla sorveglianza dei vaccini della settimana 37 includeva il numero di casi di Covid-19 in base allo stato di vaccinazione tra la settimana 33 e la settimana 36 del 2021 (dal 16 agosto al 12 settembre). Poiché il rapporto ci dice i tassi di casi di Covid-19 per 100.000 persone tra la popolazione non vaccinata e quella vaccinata a due dosi, siamo in grado di calcolare l’efficacia del vaccino nel mondo reale durante questo periodo, e si è rivelato essere il seguente:

Fonte

L’efficacia nel mondo reale di tutti i vaccini Covid-19 disponibili combinati è stata di meno-47% nella fascia di età 60-69 e fino a +66% nella fascia di età inferiore a 18 anni tra il 16 agosto e il 12 settembre 2021. Gli unici altri gruppi di età sui quali il vaccino mostrava di avere un effetto positivo a questo punto erano 18-29, 30-39 e 80+. Ma come puoi vedere chiaramente nessuno dei gruppi di età mostrava un’efficacia del vaccino vicina al 95%.

Tuttavia, basta guardare come cambiano le cose solo un mese dopo.

Il rapporto sulla sorveglianza dei vaccini della settimana 41 includeva il numero di casi di Covid-19 in base allo stato di vaccinazione tra la settimana 37 e la settimana 40 del 2021 (dal 13 settembre al 10 ottobre) e l’efficacia del vaccino nel mondo reale durante questo periodo si stava rivelando la seguente:

Fonte

L’efficacia nel mondo reale di tutti i vaccini Covid-19 disponibili combinati è stata di meno-109% nella fascia di età 40-49 e fino a +89% nella fascia di età inferiore a 18 anni tra il 13 settembre e il 10 ottobre 2021. L’unico altro gruppo di età in cui il vaccino stava dimostrando di avere un effetto positivo a questo punto era 18-29.

Ciò che interessa qui, tuttavia, è quanto sia diminuita l’efficacia del vaccino nel mondo reale in tutte le fasce di età, ma in particolare nella fascia di età 40-49 anni che è scesa da un mondo reale di efficacia di meno-36% a meno-109%.

Il fatto che l’efficacia dei vaccini nel mondo reale avesse superato la barriera del meno-100% suggeriva che non solo i vaccini stavano fallendo, ma stavano anche decimando completamente il sistema immunitario dei riceventi.

Questo rende il prossimo rapporto sulla sorveglianza dei vaccini una lettura spaventosa.

Il rapporto sulla sorveglianza dei vaccini della settimana 45 includeva il numero di casi di Covid-19 in base allo stato di vaccinazione tra la settimana 41 e la settimana 44 del 2021 (dall’11 ottobre al 7 novembre) e l’efficacia del vaccino nel mondo reale durante questo periodo si sta rivelando la seguente: –

Fonte

L’efficacia nel mondo reale di tutti i vaccini Covid-19 disponibili combinati è stata di meno-126% nella fascia di età 40-49 e fino a +78% nella fascia di età inferiore a 18 anni tra l’11 ottobre e il 7 novembre 2021. L’unico altro gruppo di età in cui il vaccino stava dimostrando di avere un effetto positivo a questo punto era ancora tra i 18 e i 29 anni.

La cosa preoccupante qui è che altre due fasce di età hanno superato la barriera di meno-100%, con la fascia di età 50-59 che è scesa a meno-116% e la fascia di età 60-69 che è scesa a meno-120%. Ma la cosa forse più preoccupante è che l’efficacia delle iniezioni di Covid-19 ha continuato a diminuire nella fascia di età 40-49 anni dopo aver già superato la barriera del meno-100% nel mese precedente.

Quello che possiamo vedere anche da quanto sopra è che l’efficacia dell’iniezione di Covid-19 nelle persone di età superiore agli 80 anni è salita da meno-22% a meno-9%. Ciò coincide con il lancio del vaccino di richiamo in questa fascia di età, suggerendo che i vaccini in effetti rafforzano il sistema immunitario. Ma vale la pena notare che c’è ancora un’efficacia negativa in questa fascia di età, ed è ancora inferiore a meno-3 % di efficacia osservata tra la settimana 33 e la settimana 36 del 2021.

Il rapporto sulla sorveglianza dei vaccini della settimana 49, tuttavia, fornisce un quadro molto più chiaro dell’effetto dei richiami sulla popolazione vaccinata a breve termine.

Il rapporto sulla sorveglianza dei vaccini della settimana 49 includeva il numero di casi di Covid-19 in base allo stato di vaccinazione tra la settimana 45 e la settimana 48 del 2021 (dall’8 novembre al 5 dicembre) e l’efficacia del vaccino nel mondo reale durante questo periodo si stava rivelando come segue –

L’efficacia nel mondo reale di tutti i vaccini Covid-19 disponibili combinati è stata di meno-120% nella fascia di età 40-49 e fino a +80% nella fascia di età inferiore a 18 anni tra l’8 novembre e il 5 dicembre 2021. L’efficacia nel mondo reale delle iniezioni di Covid-19 in realtà è diminuita solo nei 18-29 anni e nei 30-39 anni durante queste quattro settimane.

Le persone di età superiore ai 70 anni sono state premiate con un importante potenziamento del loro sistema immunitario in queste quattro settimane, con l’efficacia del vaccino che si è rivelata pari a +27% tra i 70 e i 79 anni tra l’8 novembre e il 5 dicembre 21, rispetto a meno- 84% tra l’11 ottobre e il 7 novembre 21.

Mentre l’efficacia del vaccino nelle persone di età superiore agli 80 anni è aumentata a +47% tra l’8 novembre e il 5 dicembre 21, rispetto a meno-9% tra l’11 ottobre e il 7 novembre 21.

Tutti tra i 40 e i 69 anni sono stati premiati anche con un potenziamento del proprio sistema immunitario durante questo periodo, tuttavia non sufficiente per dimostrare un’efficacia positiva del vaccino. Questo aumento dell’efficacia del vaccino coincide con quando i sieri di richiamo sono stati somministrati a ciascuna fascia di età, come si può vedere nel grafico sottostante tratto dal rapporto di sorveglianza del vaccino UKHSA – Settimana 1 – 2022.

Fonte – Pagina 23

Sulla base del fatto che l’efficacia del vaccino è diventata positiva in tutte le persone di età superiore ai 70 anni dopo l’iniezione di richiamo dopo aver mostrato in precedenza un’efficacia negativa, dovremmo aspettarci di vedere un’efficacia del vaccino molto migliorata nei soggetti di età compresa tra 40 e 69 anni nel prossimo rapporto pubblicato sulla sorveglianza dei vaccini.

Ma purtroppo non è così.

Il rapporto sulla sorveglianza dei vaccini della settimana 1 – 2022 includeva il numero di casi di Covid-19 in base allo stato di vaccinazione tra la settimana 49 e la settimana 52 del 2021 (dal 6 dicembre al 2 gennaio) e l’efficacia del vaccino nel mondo reale durante questo periodo ha dimostrato di essere come segue –

L’efficacia del vaccino nel mondo reale è scesa ai livelli più bassi in tutti i gruppi di età ad eccezione degli over 70 tra il 6 dicembre e il 2 gennaio, ma gli over 70 sono comunque scesi in efficacia negativa.

L’ulteriore aumento previsto tra i 40 e i 69 anni non si è concretizzato e invece è stato registrato un enorme calo dell’efficacia del vaccino, che è sceso al -151% nei soggetti di età compresa tra 40 e 49 anni.

L’efficacia del vaccino è crollata anche nella fascia di età tra i 30 e i 39 anni a meno del 123%, nonostante il vaccino di richiamo sia stato somministrato a milioni di persone nella settimana 49.

Il grafico seguente illustra l’aumento/diminuzione dell’efficacia del vaccino di mese in mese tra ciascuna fascia di età in un periodo di 5 mesi dal 16 agosto 21 al 2 gennaio 22.

I primi booster di richiamo sono stati somministrati nella settimana 37 del 2021 e questo grafico illustra chiaramente come hanno fornito un aumento dell’efficacia del vaccino nei due mesi successivi. Ma sfortunatamente mostra anche quanto sia stata breve questa spinta con l’efficacia dei vaccini Covid-19 che sono scesi a livelli spaventosi tra la settimana 49 e la 52.

Ma cosa significa effettivamente l’efficacia di un vaccino positivo/negativo?

I vaccini funzionano simulando un attacco virale e provocando il sistema immunitario a rispondere come se avessi avuto il virus. Dovrebbero allenare il sistema immunitario fino al punto in cui sviluppi l’immunità naturale al virus. Pertanto, l’efficacia del vaccino è davvero una misura delle prestazioni del sistema immunitario indotte dal vaccino.

Un’efficacia del vaccino del + 50% significherebbe che i vaccinati sono il 50% più protetti contro il Covid-19 rispetto ai non vaccinati. In altre parole, i vaccinati hanno un sistema immunitario migliore del 50% nell’affrontare il Covid-19.

Un’efficacia del vaccino dello 0% significherebbe che i vaccinati sono lo 0% più protetti contro Covid-19 rispetto ai non vaccinati, il che significa che i vaccini sono inefficaci. In altre parole i vaccinati integralmente hanno un sistema immunitario pari a quello dei non vaccinati nell’affrontare il Covid-19.

Mentre un’efficacia del vaccino del -50% significherebbe che i non vaccinati erano il 50% più protetti contro Covid-19 rispetto a quelli completamente vaccinati, il che significa che i vaccini decimano effettivamente il sistema immunitario.

Pertanto, con l’efficacia nel mondo reale dei vaccini Covid-19 che si sono rivelati negativi in ​​​​tutti i maggiori di 18 anni in Inghilterra, ciò significa che il sistema immunitario degli adulti con doppia/tripla vaccinazione viene decimato.

Prestazioni del sistema immunitario

La formula utilizzata per calcolare l’efficacia nel mondo reale dei vaccini Covid-19 si basava sul calcolo esatto utilizzato da Pfizer per dimostrare che il loro vaccino aveva una presunta efficacia del 95%.

  • U = N. di casi tra i non vaccinati  
  • V = N. di Casi tra i vaccinati integralmente
  • U – V / U = Efficacia del vaccino

Tuttavia, per calcolare le prestazioni del sistema immunitario, dobbiamo eseguire un calcolo leggermente diverso che divide la risposta in U – V per il numero più grande di casi tra i non vaccinati o completamente vaccinati.

Pertanto, il calcolo per una performance positiva del sistema immunitario è:

U – V / U

Mentre il calcolo per una performance negativa del sistema immunitario è:

U – V / V

La tabella seguente mostra l’incremento/decremento mensile del sistema immunitario della popolazione vaccinata rispetto al sistema immunitario naturale della popolazione non vaccinata-

Ciò dimostra che dal 2 gennaio 2021 (mese 5), i giovani di età compresa tra 40 e 49 anni vaccinati tripla/doppia hanno attualmente le peggiori prestazioni del sistema immunitario a -60%. Ma sono seguiti da vicino da 30-39 anni con -58%, 18-29 anni e 50-59 anni con -55% e 60-69 anni con -47% .

Il grafico seguente illustra le prestazioni complessive del sistema immunitario tra tutti i gruppi di età in Inghilterra negli ultimi 5 mesi:

Quello che possiamo vedere da quanto sopra è che le prestazioni del sistema immunitario per gli adulti di età compresa tra i 18 e i 59 anni sono peggiorate ai livelli peggiori da quando è stato somministrato il vaccino contro il Covid-19. Mentre le prestazioni del sistema immunitario di tutte le persone di età superiore ai 60 anni sono peggiorate drasticamente dopo aver ricevuto il vaccino di richiamo, ma non ancora al livello visto tra la settimana 37 e la settimana 40.

Gli over 70 hanno tuttavia assistito al calo più drammatico delle prestazioni del sistema immunitario tra il mese 4 e il mese 5 insieme ai giovani di età compresa tra 18 e 29 anni.

La spinta del 55% al ​​sistema immunitario degli over 80 data dai booster tra il mese 3 e il mese 4 è quasi peggiorata tra il mese 4 e il mese 5. Il loro sistema immunitario sta funzionando meglio dell’1% rispetto al mese 3 ma è ancora 54 % peggio delle loro controparti non vaccinate.

Anche la spinta del 73% al sistema immunitario delle persone di età compresa tra 70 e 79 anni data dai booster tra il mese 3 e il mese 4 è quasi peggiorata tra il mese 4 e il mese 5. Il loro sistema immunitario sta funzionando il 10% meglio di quanto non fosse nel mese 3 ma ancora peggio del 63% rispetto alle loro controparti non vaccinate.

Il minore boost, invece, dato al sistema immunitario di tutti tra i 30 e i 59 anni dai booster tra il 3° e il 4° mese, è stato completamente decimato dal mese successivo, mentre i 18-29enni hanno visto un calo del 60%. nelle prestazioni del loro sistema immunitario tra il 4° e il 5° mese.

Il grafico seguente illustra l’aumento/degrado delle prestazioni del sistema immunitario in tutti i gruppi di età in Inghilterra negli ultimi 5 mesi:

Sindrome da immunodeficienza acquisita indotta dal vaccino Covid-19

L’efficacia nel mondo reale delle iniezioni di siero Covid-19 diminuisce in modo significativo in un breve lasso di tempo, ma sfortunatamente per la popolazione vaccinata, piuttosto che tornare allo stesso stato di prima della vaccinazione, le prestazioni del sistema immunitario iniziano a rallentare rapidamente declinare rendendolo inferiore a quello dei non vaccinati.

Ora i dati ufficiali del governo del Regno Unito dimostrano che una dose di richiamo del vaccino può dare una spinta a breve termine al sistema immunitario dei vaccinati, ma sfortunatamente questi stessi dati mostrano che le prestazioni del sistema immunitario iniziano quindi a diminuire ancora più velocemente di quanto non fosse prima della dose di richiamo somministrata.

Questi dati suggeriscono quindi che la popolazione vaccinata avrà ora bisogno di un ciclo infinito di iniezioni di richiamo per rafforzare il proprio sistema immunitario al punto in cui non fallisce ma è inferiore a quello della popolazione non vaccinata.

La sindrome da immunodeficienza acquisita è una condizione che porta alla perdita di cellule immunitarie e lascia gli individui suscettibili ad altre infezioni e allo sviluppo di alcuni tipi di cancro. In altre parole, decima completamente il sistema immunitario.

Pertanto, potremmo assistere a qualche nuova forma di sindrome da immunodeficienza acquisita indotta dal vaccino Covid-19?

Solo il tempo lo dirà, ma a giudicare dalle cifre attuali sembra che sia una questione di settimane scoprirlo.

Previous articleIl comitato consultivo dell’OMS raccomanda di estendere l’uso del siero Pfizer ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni
Next articleTHE GREATEST RESET