Database Italia

The Guardian: I trafficanti di sesso hanno lasciato morire di fame migliaia di donne durante il lockdown in Italia

Migliaia di donne nigeriane costrette alla prostituzione sono state lasciate morire di fame dai trafficanti di sesso durante la pandemia di Covid-19 in Italia, rivela il Guardian.

Secondo l’Ufficio internazionale delle migrazioni (OIM) delle Nazioni Unite, oltre l’80% delle decine di migliaia di donne nigeriane che sono arrivate in Italia dalla Libia negli ultimi anni sono state vittime di bande di trafficanti di sesso altamente organizzate. Le donne sono costrette a prostituirsi per pagare debiti fino a € 40.000 e controllate attraverso la violenza e la paura dei rituali di magia nera ” juju ” a cui sono sottoposte prima del loro viaggio in Europa.

Secondo le testimonianze di volontari, assistenti sociali e ONG, durante il lungo e rigoroso blocco di tre mesi per il Covid-19 introdotto dal governo italiano, le bande di trafficanti hanno abbandonato le donne e i loro bambini, lasciandoli senza cibo o soldi per pagare l’affitto. Dato lo status illegale del loro lavoro, non fanno ricorso all’assistenza finanziaria e non hanno accesso alle indennità di disoccupazione.

“I trafficanti di sesso non avevano interesse a nutrire o aiutare le donne nigeriane durante la pandemia”, afferma Alberto Mossino, co-fondatore di Piam Onlus con sua moglie, la principessa Okokon, ex vittima del traffico di sesso. L’associazione aiuta le donne maltrattate e vulnerabili a sfuggire ai loro trafficanti ad Asti. “Agli occhi dei trafficanti di sesso queste donne sono subumane, sfruttate per arricchire i loro protettori, che le trattano come bancomat. E quando il bancomat si esaurisce, lo scarta e ne cerca un altro. “

Disperate e costrette a rimanere nelle loro case senza cibo o soldi, molte donne si sono rivolte ad associazioni di volontari per un pacchetto di riso o qualche aiuto alimentare.

“Ci chiamano in preda alla disperazione e al panico”, dice la sorella Valeria Gandini, una missionaria comboniana, che da più di dieci anni ha assistito le vittime nigeriane della tratta sessuale in Sicilia. “Molti sono stati lasciati a casa da soli con bambini piccoli e senza cibo. Dall’inizio del blocco, abbiamo consegnato generi alimentari alla loro porta, dato che gli incontri faccia a faccia non erano consentiti. Quando il governo ha iniziato ad allentare le restrizioni, hanno iniziato a venire nella nostra chiesa in cerca di cibo ”.

A Napoli, dove migliaia di donne di varie nazionalità sono state costrette a entrare nell’industria del sesso, la cooperativa Dedalus ha avviato un’iniziativa di crowdfunding a marzo per fornire aiuti e pacchetti alimentari alle donne nigeriane vittime della tratta sessuale durante la pandemia.

“Le condizioni in cui sono state costrette a vivere, soprattutto per quanto riguarda la loro salute, sono state abbastanza inquietanti”, afferma Jean d’Hainaut, coordinatore della cooperativa Dedalus, che aiuta le donne a cercare di liberarsi dai loro protettori. “Sono stati lasciati soli e senza contanti dai loro sfruttatori, e alcuni dei loro proprietari li hanno persino gettati per strada”.

Negli ultimi mesi, alcuni esperti hanno sottolineato che il modus operandi delle bande di trafficanti di sesso italiani è cambiato. Storicamente, le donne nigeriane costrette alla prostituzione in Italia vivevano sotto lo stretto controllo delle mamane , le donne anziane che erano state spesso stesse prostitute e che gestivano la prostituzione delle donne. Ora, la schiavitù del debito delle donne viene spesso gestita in remoto.

“Grazie agli enormi profitti [realizzati da questo commercio illegale di donne] negli ultimi anni, ma anche per sfuggire all’arresto, alcuni di questi maman si sono trasferiti in altre aree d’ Europa , come Francia e Germania. Molte di queste donne nigeriane sono state lasciate a gestire i propri debiti da sole, anche se c’è sempre qualcuno che li controlla e si assicura che siano puniti fisicamente se non funzionano. ” dice la principessa Okokon, che gestisce i servizi anti-tratta di Piam Onlus.

“Prima del blocco questo ha permesso alle donne sotto il controllo di queste bande più libertà, ma sotto il blocco questo è stato catastrofico in quanto le donne si sono trovate isolate e senza nessuno disposto ad aiutarle.”

Durante il blocco, le organizzazioni anti-tratta hanno affermato che un numero maggiore di donne si è fatto avanti per chiedere aiuto nel lasciare i loro trafficanti. Eppure questo ha avuto enormi ripercussioni psicologiche e fisiche. Okokon ha detto che i rituali juju che molte vittime sono costretti a subire, che coinvolgono rituali complicati e spaventosi che spesso usano il sangue, i capelli e gli abiti delle donne, legano la donna al suo trafficante e ai debiti che dovrà affrontare. 

“Questo juju potrebbe sembrare qualcosa di insignificante per le persone qui in Europa, ma per le donne queste maledizioni sono reali e terrificanti”, afferma Okokon, che è stata portata dalla Nigeria all’Italia nel 1998 . “L’uso di questi sistemi di credenze molto vecchi tramandati attraverso le generazioni è una forma psicologica di controllo che è molto più forte di qualsiasi violenza che possa essere loro commessa, questo ha conseguenze molto preoccupanti per la loro salute mentale. “

Fonte: The Guardian



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.