Home Coronavirus Tra i primi sviluppatori della tecnologia mRNA ora cancellato dai “libri di...

Tra i primi sviluppatori della tecnologia mRNA ora cancellato dai “libri di storia” per aver messo in discussione la campagna vaccinale. Siamo al revisionismo

0

L’11 giugno 2021, uno degli scienziati che ha contribuito allo sviluppo della tecnologia del vaccino mRNA, 1  Dr. Robert Malone, ha parlato sul podcast DarkHorse dei potenziali pericoli delle  iniezioni di terapia genica COVID-19 , ospitato da Bret Weinstein, Ph.D. Il podcast è stato rapidamente cancellato da YouTube e Weinstein ha ricevuto un avvertimento.

Censurare una discussione scientifica con chi ha contribuito alla scoperta della tecnologia utilizzata per produrre questi sieri COVID-19 è oltremodo scioccante. Ma la censura di Malone va anche oltre. Come riportato nel video sopra, anche i risultati scientifici di Malone vengono cancellati.

Wikipedia ripulisce i contributi scientifici di Malone

Di recente, il 4 giugno 2021, i contributi di Malone erano inclusi nella sezione storica della pagina Wikipedia sui vaccini RNA. È stato indicato come aver co-sviluppato un “sistema di trasfezione di RNA in vitro e in vivo ad alta efficienza utilizzando liposomi cationici” nel 1989.

Nel 1990, ha dimostrato che “l’ mRNA trascritto in vitro   potrebbe fornire informazioni genetiche nella cellula per produrre proteine ​​all’interno del tessuto cellulare vivente”. Malone faceva anche parte del team che ha condotto i primi esperimenti sui vaccini mRNA. In breve, la sua conoscenza scientifica dei vaccini mRNA è indiscutibile.

voce di wikipedia

Due giorni dopo, il 16 giugno 2021, appena cinque giorni dopo l’apparizione di Malone sul podcast DarkHorse, il suo nome è stato rimosso dalla voce di Wikipedia. Ora, all’improvviso, la scoperta della somministrazione di farmaci con mRNA è accreditata da ricercatori senza nome presso il Salk Institute e l’Università della California, e la sua ricerca del 1990 che conferma che l’mRNA iniettato può produrre proteine ​​nel tessuto cellulare è accreditata da scienziati senza nome presso l’Università del Wisconsin.

voce di wikipedia rimossa

La biochimica ungherese Katalin Kariko è ora improvvisamente elogiata dai media mainstream come l’inventrice dei vaccini mRNA. 2  È una scelta conveniente, considerando che Kariko è il vicepresidente senior di BioNTech, il creatore dell’iniezione COVID di Pfizer. La biografia non ufficiale di Kariko include anche l’essere un informatrice della polizia dell’era comunista.

Come notato nel video in primo piano, questo va oltre la censura. È revisionismo, una  riscrittura della storia  in stile “1984” per adattarla alla narrativa ufficiale dell’epoca. Il pericolo di questa tendenza è incalcolabile.

Cosa ha detto Malone sui vaccini mRNA?

Il messaggio che Malone ha trasmesso sul podcast di Weinstein è che il governo non è stato trasparente sui rischi, che nessuno dovrebbe essere costretto a fare queste iniezioni sperimentali, che i rischi superano i benefici nei bambini, negli adolescenti e nei giovani adulti e che quelli che si sono ripresi dall’infezione naturale da SARS-CoV-2 non dovrebbero ricevere l’iniezione. In un’intervista del 24 giugno 2021 con Tucker Carlson su Fox News (sopra), Malone ha dichiarato: 3

“Sono dell’opinione che le persone abbiano il diritto di decidere se accettare o meno i vaccini, soprattutto perché si tratta di vaccini sperimentali… La mia preoccupazione è che so che ci sono dei rischi ma non abbiamo accesso ai dati… Non abbiamo davvero le informazioni di cui abbiamo bisogno per prendere una decisione ragionevole”.

Una parte significativa del motivo per cui non disponiamo di dati adeguati è che la Food and Drug Administration statunitense ha deciso di proposito di non richiedere una rigorosa raccolta e valutazione dei dati post-vaccinazione. Anche questo è stato rivelato nell’intervista a DarkHorse di Malone.

Perché la FDA ha optato per un’acquisizione di dati lassista su una tecnologia nuova di zecca, mai utilizzata prima, prevista per la distribuzione di massa? Chiaramente, senza l’acquisizione dei dati post-iniezione, non c’è modo di valutare la sicurezza di questi prodotti. Non è possibile identificare i segnali di pericolo se non si dispone di un processo per acquisire i dati sugli effetti e valutarli tutti.

Prima analisi rischio-beneficio delle vaccinazioni COVID

Malone sottolinea anche che non sono state fatte analisi rischi-benefici, e questa è un’altra obiezione che ha. I dati che abbiamo, tuttavia, indicano che queste iniezioni di COVID-19 potrebbero essere il prodotto medico più pericoloso che abbiamo mai visto.

Ad esempio, il tasso di mortalità riportato per i sieri di COVID-19 ora supera il tasso di mortalità riportato di oltre 70 vaccini combinati negli ultimi 30 anni ed è circa 500 volte più mortale del vaccino contro l’influenza stagionale, 4  che storicamente è stato il più pericoloso. I vaccini di COVID sono anche sette volte più pericolosi del vaccino pandemico H1N1, che ha avuto un tasso di effetti collaterali gravi del 25 per milione. 5

Per coincidenza, un’analisi rischio-beneficio sottoposta a revisione paritaria 6   è  stata infatti pubblicata sulla rivista medica Vaccines lo stesso giorno in cui Malone ha parlato con Carlson. Ha rivelato che il numero necessario per vaccinare (NNTV) per prevenire un decesso per COVID-19 utilizzando l’iniezione Pfizer è compreso tra 9.000 e 50.000 e che per ogni tre decessi per COVID-19 prevenuti, due vengono uccisi dall’iniezione. Secondo gli autori, “Questa mancanza di chiari benefici dovrebbe indurre i governi a ripensare alla loro politica di vaccinazione”.

La proteina Spike è una citotossina bioattiva

Nella sua intervista a DarkHorse, Malone ha reso noto di aver avvertito la FDA che la  proteina spike  – che i vaccini di COVID-19 insegnerebbero a produrre alle tue cellule – potrebbe rappresentare un rischio per la salute.

La FDA ha respinto le sue preoccupazioni, affermando di non credere che la proteina spike sia biologicamente attiva. Inoltre, i produttori di vaccini hanno progettato specificamente le iniezioni in modo che la proteina spike si attaccasse e non galleggiasse liberamente. A quanto pare, si sbagliavano su entrambi i fronti. La proteina spike SARS-CoV-2 ha tossicità riproduttiva e i dati sulla biodistribuzione di Pfizer mostrano che si accumula nelle ovaie delle donne. Nonostante ciò, Pfizer ha scelto di non eseguire studi di tossicologia riproduttiva standard.

Da allora è stato stabilito che la proteina spike SARS-CoV-2 non rimane vicino al sito di iniezione, 7  e che è biologicamente attiva. È responsabile degli effetti più gravi osservati nel COVID-19, come disturbi emorragici, coaguli di sangue in tutto il corpo, problemi cardiaci e danni neurologici.

Questi sono gli stessi problemi che ora vediamo in un numero impressionante di persone che hanno ricevuto uno o due vaccini di  terapia genica COVID-19 . La proteina spike SARS-CoV-2 ha anche tossicità riproduttiva e i dati sulla biodistribuzione di Pfizer mostrano che si accumula nelle ovaie delle donne. 8 , 9 , 10

La campagna vaccinale COVID viola le leggi sulla bioetica

Nelle sue interviste con Weinstein e Carlson, Malone ha sottolineato che esistono principi bioetici e leggi bioetiche per prevenire rischi indebiti nella sperimentazione medica e che tali leggi sono attualmente violate. È andato molto più in dettaglio su questo in un saggio del 30 maggio 2021: 11

“… il pubblico adulto sono fondamentalmente soggetti di ricerca a cui non è richiesto di firmare il consenso informato a causa della rinuncia EUA. Ma ciò non significa che non meritino la completa divulgazione dei rischi che normalmente si richiederebbe in un documento di consenso informato per una sperimentazione clinica.

E ora alcune autorità nazionali chiedono l’implementazione di vaccini EUA per adolescenti e giovani, che per definizione non sono in grado di fornire direttamente il consenso informato per partecipare alla ricerca clinica, scritta o meno.

Il punto chiave qui è che ciò che viene fatto sopprimendo la divulgazione aperta e il dibattito sul profilo degli eventi avversi associati a questi vaccini viola i principi bioetici fondamentali per la ricerca clinica. Questo risale alla convenzione di Ginevra e alla dichiarazione di Helsinki. 12  Ci deve essere il consenso informato per la sperimentazione su soggetti umani”.

La sperimentazione senza un adeguato consenso informato viola anche il Codice di Norimberga, 13  che enuncia una serie di principi etici della ricerca per la sperimentazione umana. Questa serie di principi è stata sviluppata per garantire che gli orrori medici scoperti durante i processi di Norimberga alla fine della seconda guerra mondiale non si ripetessero mai più.

Negli Stati Uniti abbiamo anche il rapporto Belmont, 14  citato nel saggio di Malone, che enuncia i principi etici e le linee guida per la protezione dei soggetti umani di ricerca, disciplinati dal Code of Federal Regulations 45 CFR 46 degli Stati Uniti (sottoparte A). Il rapporto Belmont descrive il consenso informato come segue:

“Il rispetto delle persone richiede che ai soggetti, nella misura in cui sono capaci, sia data l’opportunità di scegliere cosa accadrà o non accadrà loro. Questa opportunità è fornita quando sono soddisfatti standard adeguati per il consenso informato.

Mentre l’importanza del consenso informato è indiscussa, la controversia prevale sulla natura e la possibilità di un consenso informato. Tuttavia, è ampiamente condiviso che il processo di consenso possa essere analizzato come contenente tre elementi: informazione, comprensione e volontarietà”.

Alle persone dell’intero pianeta, viene impedito di accedere e condividere liberamente le informazioni su queste terapie geniche. Peggio ancora, siamo fuorviati dai fact checker e dalle piattaforme Big Tech che vietano o mettono etichette di disinformazione su chiunque e qualsiasi cosa ne discuta in modo critico o interrogativo. La stessa censura impedisce anche la comprensione del rischio.

Infine, il governo e qualsiasi numero di parti interessate ai vaccini stanno incoraggiando le aziende e le scuole a rendere obbligatorie queste iniezioni sperimentali, il che viola la regola della volontarietà. Anche il governo e le imprese private stanno creando enormi incentivi per partecipare a questo esperimento, comprese lotterie da un milione di dollari e borse di studio universitarie complete. Niente di tutto questo è etico o addirittura legale. Come notato da Malone nel suo saggio: 15

“… poiché questi vaccini non sono ancora autorizzati (licenza) sul mercato, è espressamente vietata la coercizione di soggetti umani a partecipare a sperimentazioni mediche. Pertanto, sono vietate le politiche di sanità pubblica che soddisfano criteri generalmente accettati per la coercizione a partecipare alla ricerca clinica.

Ad esempio, se dovessi proporre una sperimentazione clinica che coinvolga i bambini e invogli a partecipare distribuendo gelati a coloro che desiderano partecipare, qualsiasi comitato istituzionale per la sicurezza dei soggetti umani (IRB) negli Stati Uniti rifiuterebbe quel protocollo.

Se dovessi proporre un protocollo di ricerca clinica in cui la popolazione di una regione geografica perderebbe le libertà personali a meno che il 70% della popolazione non partecipasse al mio studio, ancora una volta quel protocollo sarebbe rifiutato da qualsiasi IRB statunitense basato sulla coercizione della partecipazione del soggetto. Non è consentita alcuna coercizione a partecipare allo studio.

Nella ricerca clinica sul soggetto umano, nella maggior parte dei paesi del mondo questa è considerata una linea luminosa che non può essere superata. Quindi, ora ci viene detto di rinunciare a tale requisito senza che sia consentita nemmeno una discussione pubblica aperta? In conclusione, spero che ti unirai a me; fermati per prendere un momento e considerare di persona cosa sta succedendo. La logica mi sembra chiara.

1) Un prodotto medico senza licenza distribuito sotto autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) rimane un prodotto sperimentale in fase di sviluppo della ricerca clinica.

2) L’ EUA autorizzata dalle autorità nazionali concede sostanzialmente un diritto a breve termine di somministrare il prodotto di ricerca a soggetti umani senza consenso informato scritto.

3) La Convenzione di Ginevra, la dichiarazione di Helsinki e l’intera struttura che sostiene la ricerca etica sui soggetti umani richiedono che i soggetti della ricerca siano pienamente informati dei rischi e debbano acconsentire alla partecipazione senza coercizione.

Chiaramente, Malone è eminentemente qualificato per parlare del tema della terapia genica COVID: non solo è un medico altamente etico impegnato nell’integrità, ma in realtà ha inventato la stessa tecnologia e ha eseguito i primi studi sui vaccini mRNA. Il fatto che ora sia censurato dalla Big Tech e cancellato dalla storia scientifica è un crimine in sé e per sé, e qualcosa che dovrebbe preoccupare quasi tutti.

Questo eclatante esempio di censura dimostra chiaramente quanto siano diventati degenerati i media. L’unica spiegazione possibile è che chiunque o qualsiasi informazione che interferisca con il maggior numero di persone che ricevono il vaccino COVID venga rimossa. Nulla che contrasti con questa narrativa è tollerato, nonostante ogni piccola informazione stia chiarendo che questi colpi di COVID sono il più grande crimine contro l’umanità nella storia dell’umanità.

Leggi anche:https://www.databaseitalia.it/la-temuta-variante-delta-unaltra-operazione-psicologica-di-proporzioni-epiche/

Se Malone può essere cancellato, che possibilità abbiamo di noi altri di non incontrare lo stesso destino? I paralleli tra la realtà quotidiana e il libro immaginario ma misteriosamente profetico “1984” aumentano di giorno in giorno. Dove ci porterà è ovvio. Finiremo in un mondo in cui l’adesione fedele alle bugie del giorno è l’unica scelta. Per prevenire un simile destino, dobbiamo impegnarci ed esporre le bugie condividendo fatti, dati e verità in ogni modo possibile.

articles.mercola.com/sites/articles/archive/2021/07/06/mrna-vaccine-inventor-erased-from-history-books.aspx?ui=34fa29cbfa00b5391685512ec2ab0b2f8ed29d6321c49e56cf1b2a4d306e8crid1&cindci&mecidium=107e8crid&HL_content=54d306e8crid&HL_mecidium=art 1201079924

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

Previous articleIL VACCINO RESTA UNA SCELTA. ARRIVA LA RETTIFICA DELLA VERSIONE “ALL’ITALIANA” DEL REGOLAMENTO EUROPEO SUL GREEN PASS
Next articleIl Perù soccombe al socialismo