Bersaglio MobileCoronavirusScienza e Tecnologia

TRE ADOLESCENTI MORTI DOPO I VACCINI IN POCHI GIORNI. Ma Pfizer chiede di Usarlo anche sui Bimbi di 5 anni

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Fonte originale: articolo di Gospa News

Giulia Lucenti in provincia di Modena (nella foto di copertina) e Mosheur Rahman in quella di Venezia avevano solo 16 anni e sono morti pochi giorni dopo aver ricevuto le terapie geniche a base di RNA messaggero contro il Covid. La stessa sorte è toccata ad una 14enne di origini marocchine residente nel Barese. Sotto riportiamo le loro tragiche storie nel dettaglio attinte dai media locali.

Tutti e tre, in pochi giorni in Italia, hanno perso la vita dopo l’inoculazione dei vaccini che un recentissimo studio scientifico britannico pubblicato dal quotidiano The Guardian ritiene più pericolosi del SARS-Cov-2 per gli adolescenti. Sui loro decessi toccherà ora alla magistratura fare luce per rispondere alle richieste dei genitori che sospettano una correlazione con la somministrazione delle dosi vaccinali,

Ciò avverrà secondo i tempi canonici delle procedure giudiziarie che concedono almeno 90 giorni di tempo ai periti per depositare gli esiti autoptici ma nel frattempo la macchina della propaganda della vaccinazione per i giovani non solo prosegue ma si fa ancora più invasiva perché Pfizer-Biontech ha comunicato di aver chiesto all’ente regolatore dei marmaci americano Food & Drug Administration l’estensione della terapia genica con autorizzazione di emergenza anche che per i bambini da 5 a 12 anni.

«Le aziende Pfizer e BioNTech hanno oggi comunicato che i risultati degli studi clinici hanno mostrato che il loro vaccino contro il coronavirus è “sicuro, ben tollerato” e ha prodotto una risposta immunitaria “robusta” nei bambini di età compresa tra i cinque e gli 11 anni. Le aziende hanno inoltre reso noto che a breve chiederanno l’approvazione normativa da parte degli enti regolatori» riporta l’ANSA.

Il vaccino verrebbe somministrato a un dosaggio inferiore rispetto a quello utilizzato per i soggetti dai 12 anni in su, hanno affermato le aziende in una nota. Le aziende hanno inoltre affermato che avrebbero presentato i loro dati agli organismi di regolamentazione nell’Unione Europea, negli Stati Uniti e in tutto il mondo “il prima possibile”.

Le aziende Pfizer e BioNTech stanno sperimentando il loro vaccino anti-Covid anche su neonati di età compresa tra sei mesi e due anni e su bambini di età compresa tra 2 e 5 anni. I risultati principali di questi studi sono attesi “prima di fine anno”, hanno affermato le società. Complessivamente, fino a 4.500 bambini tra sei mesi e 11 anni sono stati arruolati negli studi Pfizer-BioNTech negli Stati Uniti, in Finlandia, in Polonia e in Spagna.

Chi ha seguito con attenzione le varie procedure per l’approvazione dei vaccini sa che mentre il Comirnaty è stato approvato definitivamente negli USA per gli over 16, rimane soggetto ad un’autorizzazione all’uso di emergenza (applicabile solo perché c’è la pandemia dichiarata dall’OMS) per gli adolescenti di età compresa tra i 12 ed i 15 anni in quanto la FDA aveva chiesto un maggior numero di dati clinici alla Pfizer.

Già questa circostanza avrebbe dovuto indurre alla cautela anche alla luce del fatto che i dati di farmacovigilanza sugli adulti raccolti da Pfizer non sono stati analizzati dal Comitato Consultivo della stessa FDA suscitando una forte polemica tra alcuni medici esperti di vaccini, raccolta e rilanciata dal British Medical Journal e dall’avvocato Robert Kennedy sul suo sito dell’associazione Children’ Health Defense. (continua a leggere).

L’ARTICOLO COMPLETO PROSEGUE SU GOSPA NEWS

Fabio G. C. Carisio

Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani. https://gospanews.net

Articoli correlati

5 4 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
nadia

Pazzesco. Nonostante la morte, continuano ripetutamente e volutamente ad errare
Ridono di noi , ci maltrattano e per di più continuano ad arricchirsi alle nostre spalle, incuranti di un giudizio divino che prima o poi arriverà

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!