Eight O’Clock in the MorningPolitica

TRUMP, FINE DEI GIOCHI? L’ ANALISI DI AMERICAN THINKER

La buona notizia è che è ancora del tutto possibile che Donald Trump venga rieletto. La cattiva notizia è che probabilmente toccherà ai RINO.

Joe Biden, nel suo discorso di lunedì sera, ha dichiarato la sua vittoria e ha elencato tutti i modi in cui ha sconfitto Donald Trump: sette milioni di voti in più, una “valanga” nei voti del Collegio elettorale insieme alla media zero battuta di Trump in ogni aula di tribunale per ascoltare il suo caso finora.

Ma ora c’è anche un fatto estremamente incoraggiante: lunedì Trump ha vinto la sua battaglia più significativa quando sette stati altalenanti hanno inviato elettori pro-Trump a Washington. Ora, qualcuno deve decidere se accettare la lista degli elettori di Biden per quegli stati, che è stata inviata lunedì, o le liste di Trump.

Milioni di americani sono convinti che nel voto del 2020 ci siano state frodi sistematiche diffuse e corruzione. Ma un notevole numero di tribunali ha visto un mucchio di prove, dichiarazioni giurate, ecc. Tuttavia, non hanno intrapreso alcuna azione favorevole a Trump.

Questo perché il sistema elettorale, così come concepito, rende impossibile contrastare efficacemente la frode elettorale. Nessun tribunale può trattare in modo sufficiente ed equo tutte le prove, le rivendicazioni e le domande riconvenzionali, le testimonianze, ecc. Nel periodo compreso tra il giorno delle elezioni e il giorno in cui vengono scelti gli elettori. Ci vuole circa la metà del tempo disponibile solo per ricercare e raccogliere casi e archiviarli. Casi così complicati richiedono mesi, persino anni per essere risolti in tribunale.

Nessun tribunale stava per ribaltare un’elezione nazionale basata su quelle che sono essenzialmente solo accuse in una causa senza testare la loro veridicità in un processo in piena regola con l’accusato autorizzato a presentare il proprio caso, ed entrambe le parti impegnate in interrogatorio, scoperta e altri requisiti sottigliezze legali per determinare se le accuse reggono. Non sarebbe mai successo. Certamente non entro il 14 dicembre, quando gli elettori delle Electoral College furono inviati a Washington. 

Il team di Trump lo sa da sempre. Se è così, le cose probabilmente stanno avanzando più o meno secondo il piano di Trump.

I democratici sono sempre stati consapevoli di quanto sia improbabile che un tribunale consegni a Trump la vittoria anticipata. Senza dubbio hanno reso i loro imbrogli il più complicati possibile per garantire che una rapida sfida in tribunale avesse ancora meno probabilità di successo, poiché le sfide si trascinavano oltre le scadenze. Ricordi come Gore v. Bush finì? L’orologio si è esaurito. I casi giudiziari no.

Non tutte le scadenze sono assolute, anche se le prossime due sembrano piuttosto dure e veloci: il 6 gennaio quando il Congresso si riunisce per contare i voti del Collegio elettorale per dichiarare un vincitore e il 20 gennaio per giurare in un presidente. Se Biden dovesse emergere dal 6 gennaio come presidente eletto, il 20 gennaio è probabilmente un “affare fatto”.

Se è così, non aspettarti giustizia per nessuno dei criminali elettorali portati alla luce dal team di Trump. I politici, essendo politici, non cercheranno giustizia dopo il fatto perché non ne traggono profitto. Non aspettarti che anche le persone identificate come votanti più di una volta siano accusate di un crimine, o che qualsiasi azienda di computer o software sia condannata per qualcosa. Questo perché non c’è niente da guadagnare per i politici. Andranno avanti. Torniamo alla politica come al solito, e quello che sanno fare meglio, autopromozione e autodifesa.

L’unica speranza ora – ed è altrettanto buona, se non migliore, di qualsiasi speranza da quando le votazioni sono terminate – risiede negli elettori supplenti per Trump inviati lunedì da sette stati. La Camera dei Rappresentanti controllata dai Democratici ignorerà sicuramente gli elettori alternativi di Trump, quindi Trump non può vincere in questa fase. Ma il Senato controllato dai repubblicani prenderà in considerazione anche gli elettori, e se scelgono Trump rispetto a Biden, è una situazione di stallo: la Camera per eleggere Biden, il Senato per eleggere Trump.

Le regole per la scelta tra gli elettori concorrenti sono vaghe. Il Congresso può scegliere di non contare gli stati con due gruppi di elettori, il che significa automaticamente che nessuno dei due candidati raggiunge i 270 voti elettorali necessari. Questo è un terreno mai percorso prima.

La situazione di stallo risultante renderebbe il Congresso incapace di annunciare un vincitore.

Quindi la questione andrà, secondo la Costituzione, esclusivamente alla Camera dei rappresentanti, dove ogni stato otterrà un solo voto e dove gli stati repubblicani sono più numerosi degli stati democratici. Ecco! Trump viene rieletto.

È qui che le molteplici cause legali e le loro voluminose dichiarazioni giurate e le dichiarazioni degli esperti ripagano.

Gli elettori alternativi pro-Trump in sette stati altalenanti sono il frutto di tutte le cause legali. Le cause hanno permesso che tutte le accuse di frode venissero trasmesse e il pubblico – e i funzionari eletti – di apprendere quanto si fossero comportati male i Democratici.

Tutto ciò che viene presentato in tribunale è privilegiato, il che protegge i ricorrenti. Senza azioni legali, accusare chiunque di frode sarebbe stato molto rischioso e probabilmente avrebbe fatto citare in giudizio il popolo di Trump per diffamazione. 

Ciò significa che lo shuffle di corte è stato un ballo per spettacolo, non per risultati immediati. Ognuno di loro ha interpretato le proprie sceneggiature per il beneficio del pubblico. Per i repubblicani la raffica di azioni legali ha portato in onda il loro caso e ha avviato altre indagini per rivelare ancora più crimini per fornire munizioni per premere il grilletto su ciò che conta davvero: il Congresso che conta i voti del Collegio elettorale e il voto finale della Camera dei rappresentanti, uno per stato.

Sospettiamo che sia stata fin dall’inizio l’intenzione del team Trump. Non sono stupidi. Sapevano che i tribunali non avrebbero ribaltato le elezioni nazionali solo cinque settimane dopo il voto. Nemmeno in uno stato. Nemmeno uno stato palesemente storto.

Quello che sta realmente accadendo è che hanno presentato il loro “caso” al tribunale dell’opinione pubblica, che è quello che ha un peso reale con i politici, anche con SCOTUS.

Ha funzionato abbastanza bene. Metà della nazione è convinta che le elezioni siano state truccate. Non sarebbe successo solo con la copertura della stampa mainstream e senza azioni legali. In un senso reale, il potere è ancora nelle persone. E stiamo per scoprire quanta potenza.

Le prove, le dichiarazioni giurate depositate e le testimonianze di esperti di tutte le cause legali e la copertura di notizie che hanno generato saranno abbastanza influenti da spingere il Senato a riconoscere gli elettori di Trump negli stati contesi? Vedremo. Se qualunque cosa accada dovesse finire davanti a SCOTUS, vedremo anche come il tribunale dell’opinione pubblica influenza i ragazzi e le ragazze.

A parte le dichiarazioni di Joe, nessuno è presidente eletto almeno fino al 6 gennaio, quando gli elettori vengono conteggiati al Congresso.

Ecco il problema. È probabile che arrivi ai RINO. Se il senatore Mitt Romney abbandonasse la causa repubblicana e portasse con sé abbastanza RINO, Trump potrebbe fallire perché i suoi elettori alternativi non ottengono abbastanza voti al Senato. Se è così, i #Never Trumpers avranno l’ultima parola.

Ti andrebbe di contribuire?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!