Database Italia

TRUMP, IL PAPA E IL TRAFFICO DI BAMBINI PER L’INDUSTRIA FARMACEUTICA. STORIA DI UN MASSACRO

A cura di Davide Donateo


Sulla “liceità” dell’uso di cellule prese da feti abortiti per preparare vaccini anti Covid-19, i gesuiti tornano alla carica. Sfidando i fulmini delle componenti cattoliche più tradizionaliste e reazionarie Bergoglio ha dato la sua approvazione e quella della sua chiesa all’utilizzo in laboratorio di tessuti di feti abortiti per ricavarne prodotti farmacologici. Amore per la vita e carità Gesuitica…

Era solo l’anno scorso quando il Presidente Donald Trump firmò un Ordine esecutivo per bloccare l’utilizzo dei tessuti fetali abortivi da parte di quei laboratori di ricerca e aziende farmaceutiche che usufruivano di finanziamenti statali.

15 procuratori statali DEM scrissero allora al presidente Trump il 26 marzo 2020, affermando che l’uso del tessuto fetale abortivo avrebbe potuto aiutare ad “accelerare lo sviluppo del vaccino per combattere il COVID-19”, oltre a “studiare l’impatto su donne in gravidanza e bambini”.

“Chiediamo di porre fine al divieto di utilizzo del tessuto fetale per consentire ai nostri migliori scienziati la di risolvere questa crisi sanitaria globale”, ha concluso il procuratore generale.

Ma come dimenticare il video del Docente Emerito dottor Stanley Plotkin, 86 anni, nativo dello stato di New York e vincitore di prestigiosi premi dedicati ai ricercatori della Medicina, è soprannominato “The Godfather of Vaccines”, il Padrino dei Vaccini, la massima autorità mondiale in questo campo.
E’ il 2018 e il Professore Emerito è sotto SOLEMN OATH, giuramento solenne.

Questo video è doppiato in italiano per permettere ai non anglofoni di poter comprendere meglio le affermazioni del Dr. Plotkin

O come dimenticare la responsabile dell’espianto di organi di Planned Parenthood (ABR) mentre sotto giuramento afferma “facciamo una dissezione” di bambini, raccogliendo organi anche mentre hanno il cuore pulsante.

“Riesco a vedere i cuori che stanno battendo in modo indipendente”

Nel 1982, circa 17.000 bambini furono trovati in un container recuperato a Los Angeles. I bambini, molti dei quali provenienti da aborti avevano più di 20 settimane di gestazione, sono stati conservati da un laboratorio medico che li ricevette da diversi stati. Un rapporto del Leader-Post cita l’allora portavoce dell’ufficio del procuratore distrettuale, Al Albergate, che diceva: “Hanno detto che tra i cinque ei sette mesi avrebbero potuto farcela”, sarebbero potuti sopravvivere fuori dal grembo materno.

I bambini sono stati scoperti nella residenza del proprietario del laboratorio, Melvin Weisberg, quando il container noleggiato è stato recuperato per mancato pagamento. La compagnia di container ha inviato uomini a ritirarlo, ma quando hanno riferito che era troppo pesante da spostare, è stato chiesto loro di svuotare il container. Fu allora che – con loro orrore – scoprirono i corpi.

“Rotolò fuori un secchio con il coperchio, l’ ho tirato su ed era così pesante”, ha detto un testimone.

“Mi è stato chiesto … di far scendere una squadra e scaricare il container”, ha dichiarato un altro testimone.

“Ho ricevuto una chiamata radio da … dal caposquadra – mi ha detto che gli uomini stavano vomitando e che c’era qualcosa di veramente sbagliato”, ha dichiarato un portavoce della compagnia di container.

Quando gli uomini iniziarono ad attraversare il container, ciò che videro oltre fu il raccapricciante.

“Uno di loro è caduto … mi ha colpito ai piedi e si è aperto ed ecco un corpo mutilato. E più lo guardavo da vicino: era un corpo umano “, hanno affermato i testimoni.

“Non potevo credere – solo piccoli piccini … tutti fatti a pezzi. Le teste mozzate – braccia, gambe -… Ti fa venire la nausea vedere qualcosa del genere. Davvero, sai, ti fa venire voglia di piangere. “

Il raccapricciante sforzo di documentare la morte di ogni bambino è stato catturato da un fotografo che ha detto di aver visto bambini con “gli occhi sporgenti e altri con la cavità toracica squarciata. Me ne ricordo uno in cui ho visto la mano e i piedi tutti divaricati. Però, era come se le mani fossero intatte: i piedi erano intatti e tutto il resto era più simile a un piccolo pot-pourri, un po ‘di tutto. E questo è tutto – quella vista mi ha trasformato per sempre. “

Le immagini sono state conservate e pubblicate in un documento intitolato The American Holocaust . Di seguito sono riportate solo alcune.

*** ATTENZIONE *** – IMMAGINI FORTI

Autopsie su bambini abortiti trovati in contenitori di stoccaggio

Secondo un rapporto del Los Angeles Times dell’epoca, “i difensori dell’aborto sostenevano che avrebbero dovuto essere inceneriti come rifiuti sanitari. Ma i nemici dell’aborto volevano dare loro un funerale. Alla fine, i resti furono sepolti in sei scatole di legno “.

L’UPI ha riferito che durante il servizio funebre, il supervisore della contea Michael Antonovich ha letto un elogio scritto dal presidente Reagan. Reagan ha ricordato il discorso di Abraham Lincoln a Gettysburg, dicendo: “Proprio come il terribile bilancio di Gettysburg può essere ricondotto a una tragica decisione di una Corte Suprema divisa, anche qui si possono piangere le morti”.

In un incidente separato del 1998, i sostenitori pro Life hanno  scoperto  un container che ospitava migliaia di bambini abortiti. L’Operazione Rescue ha  conservato le immagini  dei contenuti. Secondo OR, “ Questo  ‘laboratorio’ è un deposito per Family Planning Associates, la più grande catena di fabbriche di aborti della California. Ogni container contiene un bambino che è stato assassinato con l’aborto. La dimensione del contenitore è proporzionale all’età del bambino. I contenitori più grandi contengono i bambini del 2 ° trimestre. Ognuno di questi bambini meritava di vivere “.

contenitore di bambini abortiti

Un rapporto di Cal-Catholic indica che le immagini sono state scattate da un attivista pro-vita che ha scoperto l’ubicazione del laboratorio di patologia:

Ha notato che il laboratorio di patologia aveva molte finestre, quindi ha pensato di dare un’occhiata più da vicino.

Attraverso quelle finestre, Tim ha scattato fotografie di centinaia di contenitori di plastica traslucida, ognuno contenente i resti visibili di bambini abortiti. Le vasche non refrigerate variavano di dimensioni da poche once a secchi da un gallone di grandi dimensioni. Difficilmente si può immaginare il fetore di morte che deve aver permeato quell’ufficio.

Tutti i contenuti raccapriccianti, secondo i documenti che si potevano vedere nelle foto, erano il prodotto del lavoro manuale di James Long in quella clinica per aborti della Family Planning Associates a La Mesa.

Path lab detiene i bambini abortiti in un contenitore (Immagine: Cal-Catholic)

Nel 1992, 173 bambini abortiti parzialmente bruciati furono scoperti in un campo vuoto; il più vecchio era di 20 settimane di gestazione, secondo i rapporti. “Questi bambini sono stati portati fuori come spazzatura”, ha dichiarato lo sceriffo.

L’abortista dell’Oklahoma Nareshkumar Patel ha successivamente ammesso alle autorità di essere responsabile dell’eliminazione illegale.

Il dottore sull’aborto dell’Oklahoma brucia i bambini abortiti sul campo

Nel 1986, un gruppo pro-vita afferma di aver trovato bambini abortiti nel terzo trimestre fuori da una struttura per aborti a Houston, in Texas. Leggi i dettagli inquietanti qui .

Nel 2015, un  abortista del Michigan ha fatto notizia dopo che la polizia ha trovato più contenitori con bambini abortiti e sostanze controllate nella sua auto. E chi può dimenticare il caso di Kermit Gosnell, che ha conservato i resti dei bambini che ha abortito  (piedi del bambino)  come trofei. Un paio di anni fa, le autorità hanno scoperto oltre  2.000 resti fetali nella casa dell’abortista dell’Indiana Ulrich Klopfer , recentemente morto.

Ironia della sorte, i giornalisti del Center for Medical Progress sono stati anche in tribunale per difendere il loro diritto di denunciare il raccapricciante commercio di parti del corpo di bambini abortiti dell’industria dell’aborto.

Vogliamo ricordare un altro episodio che forse ancora non può essere dimostrato e mostrato al pubblico ma per cui qualcuno si è sentito in dovere di ringraziare in modo visibile fin dal cielo:

Sembra che dal 1982 nulla sia veramente cambiato con l’industria dell’aborto: il risultato del lavoro di questa industria sono ancora secchi e barattoli dei resti di minuscoli esseri umani mutilati.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

4.5 2 votes
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments