Quantcast
Database Italia

TRUMP MINACCIA IL VETO A LEGGE DELLA DIFESA SE NON VERRA’ ELIMINATA L’IMMUNITA’ PER I SOCIAL MEDIA

Il presidente Donald Trump lo scorso martedì ha minacciato di porre il veto alla legislazione sulla difesa a meno che non vengano modificate le regole che proteggono le società tecnologiche dalla maggior parte delle cause legali.

“La Sezione 230, che è un dono che protegge la responsabilità dagli Stati Uniti alla ‘Big Tech’ (le uniche aziende in America che ce l’hanno – welfare aziendale!), È una seria minaccia alla nostra sicurezza nazionale e integrità elettorale. Il nostro Paese non potrà mai essere sicuro e protetto se gli permettiamo di restare in piedi ”, ha scritto Trump su Twitter.

“Pertanto, se la sezione 230, molto pericolosa e ingiusta, non viene completamente risolta come parte del National Defense Authorization Act (NDAA), sarò costretto al VETO del disegno di legge quando sarà inviato. Riprenditi l’America ADESSO. Grazie!” Ha aggiunto.

La NDAA è approvata dal Congresso ogni anno per finanziare le forze armate.
I legislatori democratici hanno reagito rapidamente alla minaccia di Trump.

“Ho scritto un disegno di legge bipartisan per riformare la sezione 230 ma l’idea che dovrebbe essere abrogato, senza udienza, nel disegno di legge della difesa, è sciocca, ha scritto su Twitter il senatore Brian Schatz (D-Hawaii).

Il leader della minoranza al Senato Chuck Schumer (DN.Y.) ha aggiunto: “I repubblicani del Senato sono ancora così spaventati dai capricci dell’account Twitter di Donald Trump che staranno con lui e sosterranno un aumento di stipendio per le nostre truppe?”

Trump ha a lungo deriso la sezione 230 del Communications and Decency Act, che protegge le società di social media dalla responsabilità per ciò che i loro utenti pubblicano.

L’atto distoglie i fornitori di “un servizio informatico interattivo” dall’essere trattati come editori, una posizione che dicono i critici è sempre più in contrasto con il modo in cui i giganti della tecnologia come Twitter e Facebook agiscono nella realtà.

Le società hanno aumentato la censura degli utenti, incluso Trump, negli ultimi mesi, nascondendo persino alcuni dei post del presidente al pubblico a meno che non facciano clic su un’etichetta di avviso.

Funzionari di entrambe le parti hanno espresso interesse a riformare la Sezione 230, ma la maggior parte dell’entusiasmo per farlo proviene dai repubblicani, che sono stati molto più presi di mira dalle società tecnologiche.

“La sezione 230 consente sostanzialmente alle piattaforme di social media come Twitter e Facebook di trasmettere informazioni senza responsabilità legale. Se un giornale fa qualcosa che non ti piace, pensi che ti abbia calunniato in un certo modo, puoi citarli in giudizio “, ha detto il presidente della magistratura del Senato Lindsey Graham (RS.C.) in un’udienza il mese scorso che ha coinvolto il CEO di Twitter Jack Dorsey e il CEO di Facebook Mark Zuckerberg.

I dirigenti tecnologici hanno affermato di comprendere la spinta a modificare la Sezione 230 e hanno presentato le proprie idee su come farlo, inclusa la richiesta di pubblicazione di processi e pratiche di moderazione affinché il pubblico possa esaminarla.

“È fondamentale poiché consideriamo queste soluzioni, ottimizziamo per nuove startup e sviluppatori indipendenti”, ha detto Dorsey al comitato di Graham. “In questo modo si garantisce parità di condizioni che aumenta la probabilità di idee in competizione per aiutare a risolvere i problemi in futuro.”



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.