Database Italia

TRUMP: NON LASCEREMO CHE CI RUBINO LE ELEZIONI!

Sapevamo che sarebbe successo. Lo abbiamo letto dalle scellerate parole di Nancy Pelosi che giorni addietro dichiarava: “Biden a prescindere dal voto entrerà alla Casa Bianca“.

Ricordiamo ai lettori che la Pelosi, oltre a temere per la propria reputazione e per i futuri procedimenti legali nei suoi confronti che ci saranno dopo la vittoria di Trump, sa che il figlio Paul rischia di essere travolto da molti scandali, oggi coperti dai media, come è successo per Hunter Biden.
Due giorni fa, Tim Murtaugh Direttore Comunicazione della Campagna Elettorale di Trump, Twittava: “Il vantaggio del voto anticipato di Biden non è sufficiente e lo sanno. I Dems hanno in programma di delegittimare l’Onda Rossa di Trump.
Proveranno a creare una cortina fumogena dopo il giorno delle elezioni, persino pubblicando annunci televisivi per mettere in dubbio il voto del 3 novembre. Siate pronti. “

Lo sapevamo dalle numerose carte di identità falsificate e provenienti dalla Cina sequestrate nei porti in entrata negli USA già a Giugno e dalle varie denunce sulla non affidabilità del voto per posta. Eclatante il caso della Signora che aveva fatto votare i suoi 12 gatti, scoperta e oggi ancora sotto inchiesta.
Il voto per posta denunciato più volte dall’Amministrazione Trump non è mai stato sicuro perché ad oggi non esiste ancora un metodo per incrociare i dati e capire chi votato più volte e magari in più seggi. Il voto per posta era l’arma non più segreta del Deep State per ribaltare lo schiacciante vantaggio di Trump su Biden, sostenuto da tutte le forze Dem, da Obama a Hillary, con lo spauracchio del Covid.

La First Lady Melania, ancora una volta con il suo esempio, ha smentito questo pericolo di salute andando a votare nel suo seggio in Florida senza indossare alcun mascherina. La vittoria era evidente fino a qualche ora fa, nonostante il voto anticipato non sufficiente per la vittoria di Biden, il vantaggio di Trump stava esplodendo anche negli ultimi seggi quando incredibilmente, come se ci fosse una regia occulta, in sei Stati si sono bloccati contemporaneamente gli scrutini dei voti.
I primi risultati davano Trump nettamente in vantaggio in Georgia (16), Carolina del Nord (15), Pennsylvania (20) e Wisconsin (10), Michigan (16) e Alaska (3). Consentendogli così di fare il rush finale verso la riconferma, perché sommando questi ultimi 80 voti ai 213 già ottenuti sarebbe arrivato a 293, garantendogli così, i tanto sospirati 4 ulteriori anni di Presidenza.
Appena il Deep State ha compreso questa situazione, hanno smesso di contare i voti aspettando il conteggio dei voti postali. Il presidente Trump ha detto stanotte ai suoi sostenitori: “Questa è una frode nei confronti del pubblico americano. Ci stavamo preparando per vincere queste elezioni. Francamente, abbiamo vinto queste elezioni. Questa è una grave frode sulle elezioni. Quindi andremo alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Vogliamo che tutte le votazioni finiscano. Non vogliamo che trovino voti alle 4 del mattino. Vinceremo e per quanto mi riguarda abbiamo già vinto! “La risposta di Biden non tarda ad arrivare attraverso il suo staff legale, già allertato da giorni, per sparare le sue ultime misere cartucce. Il piano per rovesciare Trump è appena iniziato, ma sicuramente era largamente previsto.”



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.