Quantcast
Database Italia

TRUMP ORDINA LA DECLASSIFICAZIONE DI ALCUNI DOCUMENTI RELATIVI A “CROSSFIRE HURRICANE”


Il presidente Donald Trump ha ordinato la declassificazione dei documenti precedentemente riservati relativi a “Crossfire Hurricane”, l’indagine dell’FBI sulla sua campagna del 2016.

La mossa arriva la sua ultima notte in ufficio.

Il materiale non è stato immediatamente reso noto al pubblico.

Il Dipartimento di Giustizia ha fornito alla Casa Bianca il 30 dicembre 2020 un raccoglitore di materiali relativi alle indagini dell’FBI sul Crossfire hurricane, parti del quale sono state classificate e non sono state rilasciate al Congresso o al pubblico, ha detto Trump in un memorandum per l’avvocato generale, il direttore della National Intelligence e il direttore della CIA.

“Ho richiesto i documenti in modo che potesse essere eseguita una revisione della declassificazione e così ho potuto determinare in quale misura i materiali nel raccoglitore dovrebbero essere rilasciati in forma non classificata”, ha detto Trump nel promemoria. “Ho stabilito che i materiali in quel raccoglitore dovrebbero essere declassificati nella misura massima possibile.”

Trump ha affermato che l’FBI, in una lettera di risposta del 17 gennaio, “ha preso atto della sua continua obiezione a qualsiasi ulteriore declassificazione dei materiali nel raccoglitore e inoltre, sulla base di una revisione riteneva che fosse fondamentale evitare la divulgazione pubblica”.
“Ho deciso di accettare le redazioni proposte per la classificazione continua dall’FBI in quella presentazione del 17 gennaio”, ha detto Trump. “Con la presente declassifico i materiali rimanenti nel legante. Questa è la mia decisione finale in base alla revisione della declassificazione e ho ordinato al Procuratore generale di attuare le redazioni proposte nella presentazione dell’FBI del 17 gennaio e di restituire alla Casa Bianca una copia adeguatamente redatta.

Il presidente ha aggiunto: “La mia decisione di declassificare i materiali all’interno del raccoglitore è soggetta ai limiti identificati sopra e non si estende ai materiali che devono essere protetti dalla divulgazione ai sensi degli ordini del Tribunale di sorveglianza dei servizi segreti stranieri e non richiede la divulgazione di alcuni informazioni identificabili o qualsiasi altro materiale che deve essere protetto dalla divulgazione ai sensi della legge applicabile. Di conseguenza, sotto la mia direzione, il Procuratore Generale ha condotto una revisione appropriata per garantire che i materiali forniti nel raccoglitore possano essere divulgati dalla Casa Bianca in conformità con la legge applicabile. “

L’indagine di controspionaggio dell’FBI Crossfire Hurricane sulla campagna Trump del 2016 è stata lanciata nel luglio 2016 per indagare sulle accuse di interferenza russa nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, compresi i possibili collegamenti tra la Russia e qualsiasi campagna politica.

L’indagine è stata rilevata nel maggio 2017 dall’allora consulente speciale ed ex direttore dell’FBI Robert Mueller. Ad aprile 2019, ha concluso che l’indagine non ha trovato prove per stabilire che Trump o la sua campagna avessero consapevolmente cospirato o coordinato con il governo russo per influenzare l’esito delle elezioni, sebbene si sia scoperto che il governo russo aveva interferito nelle elezioni del 2016.

FONTE: THE EPOCH TIMES

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai! Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, i blocchi delle pubblicità ad intermittenza e in ultimo l’immotivata chiusura del conto Pay Pal uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENICI


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.