Database Italia

Trump pronto a dispiegare migliaia di uomini dell’esercito per sedare le rivolte.

WASHINGTON – Il presidente Trump lunedì ha invocato una legge del 1807 che gli consente di inviare forze militari negli stati sconvolti dai disordini per la morte di George Floyd in un improvvisato discorso al Rose Garden della Casa Bianca interrotto dal suono dei manifestanti respinti dalla polizia nelle vicinanze.

“Non possiamo permettere che le giuste grida di manifestanti pacifici vengano soffocati da una folla adirata”, ha detto Trump, dichiarandosi “presidente della legge e dell’ordine” incolpando i gruppi estremisti come Antifa per i disordini.

“Sto mobilitando tutte le risorse federali disponibili, civili e militari, per fermare rivolte e saccheggi, per porre fine alla distruzione”, ha detto, mobilitando immediatamente l’Insurrection Act del 1807, che gli consente di schierare truppe ovunque in tutta la nazione.

È stato usato l’ultima volta nel 1992, dal presidente George H.W. Bush per reprimere i disordini di Los Angeles, che sono stati scatenati dal pestaggio della polizia di Rodney King.

“Se una città o uno stato rifiuterà di intraprendere le azioni necessarie per difendere la vita e la proprietà dei loro residenti, dispiegherò l’esercito degli Stati Uniti e risolverò rapidamente il problema per loro”, ha detto Trump.

Ai sensi del Posse Comitatus Act dell’era della guerra civile, alle truppe federali è vietato eseguire azioni di contrasto nazionali come arresti, sequestri di proprietà o perquisizione di persone. In casi estremi, tuttavia, il presidente può invocare l’Insurrection Act, che consente l’uso di truppe di servizio attivo o della Guardia Nazionale per le forze dell’ordine.

L’indirizzo dell’ultimo minuto del presidente è arrivato in contrapposizione alla scena all’esterno, dove una serie di veicoli militari è stata lanciata davanti a Pennsylvania Avenue e la polizia militare e le forze dell’ordine si sono scontrate con i manifestanti a Lafayette Park, sparando gas lacrimogeni, colpi di fulmine, proiettili di gomma e pepe spruzzare su una folla numerosa ma pacifica.

Trump ha descritto le scene di violenti scontri e saccheggi che hanno scosso la nazione la scorsa settimana come una “disgrazia totale” e ha affermato che chiunque non rispettasse gli ordini del coprifuoco sarebbe “perseguito nella misura massima consentita dalla legge”.

“Oggi sto intraprendendo queste azioni per riaffermare la risolutezza e con un amore sincero e appassionato per il nostro paese, i nostri giorni grandiosi ci attendono”, ha detto mentre il caos si è sviluppato nelle strade intorno alla Casa Bianca.

Il procuratore generale William Barr, il segretario alla Difesa Mark Esper e il capo dello staff Mark Meadows erano tra i funzionari di alto rango con Trump, che hanno posato per le foto fuori dalla chiesa sbarrata, con in mano una Bibbia, dove i manifestanti avevano manifestato pochi minuti prima.

La polizia è avanzata aggressivamente su oltre un migliaio di manifestanti dopo giorni di disordini in tutta la nazione per la morte di George Floyd.

Lunedì scorso, il presidente Trump si è scagliato contro i governatori per la loro risposta alla crisi di una settimana, definendoli “deboli” e dicendo loro che dovevano prendere il controllo dei disordini.

Il 1 ° maggio 1992, Bush dispiegò 4.000 truppe dell’esercito e della marina nel centro di Los Angeles, nello sforzo di porre fine a due giorni di sommosse, risolte con 40 persone uccise, oltre 1.500 ferite, oltre 3.700 incendi e oltre 3.000 arresti.

Bush si è rivolto alla nazione quel giorno, dicendo che la violenza a Los Angeles “non riguarda i diritti civili” o “i grandi problemi dell’uguaglianza” ma “la brutalità di una folla, pura e semplice”. Ha detto che avrebbe “usato tutta la forza necessaria” per ripristinare l’ordine.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.