Quantcast
Database Italia

Trump silura Il Segretario alla Difesa. Si dimette anche iI principale funzionario politico del Pentagono

L’alto funzionario politico del Pentagono, James Anderson, si è dimesso martedì, secondo due funzionari della difesa degli Stati Uniti, un giorno dopo che il presidente Donald Trump ha licenziato il segretario alla Difesa Mark Esper.

Anderson è stato sottosegretario alla Difesa per la politica da quando John Rood è stato licenziato dall’amministrazione Trump a febbraio a causa di disaccordi su una serie di questioni politiche.

Non è stato subito chiaro se ad Anderson fosse stato chiesto di dimettersi. Anderson è al Pentagono dal 2018, servendo dapprima come Assistente Segretario alla Difesa per Strategia, Piani e Capacità e in seguito è diventato Vice Sottosegretario alla Difesa per la Politica prima di assumere il compito più importante dopo la cacciata di Rood.

Nel suo messaggio di addio ai membri del suo staff, Anderson ha detto: “Me ne vado sapendo che la squadra preserverà, in modo imparziale. Incoraggio tutti a rimanere concentrati sulla missione, apolitici e non dimenticate mai il vostro giuramento”.

Il presidente ha silurato Esper due giorni dopo che il suo avversario democratico Joe Biden è stato proiettato dai Media come il vincitore delle elezioni presidenziali.

Fonti ben informate hanno detto a Jake Tapper della CNN che la Casa Bianca sembra ora concentrata sull’inseguire i sottosegretari di Esper al Dipartimento della Difesa dopo la sua cacciata lunedì. Le fonti pensano che il licenziamento potrebbe essere dovuto al fatto che Esper e il suo team si oppongono ad un ritiro prematuro dall’Afghanistan che sarebbe stato effettuato prima che le condizioni richieste sul terreno fossero soddisfatte. I funzionari militari statunitensi hanno da tempo sottolineato che il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan è basato su condizioni, tra cui la rottura dei legami da parte dei talebani con al Qaeda e il progresso nei colloqui di pace con il governo afghano, due condizioni che devono ancora essere soddisfatte. Ma nonostante la mancanza di progressi, l’amministrazione Trump ha già sostanzialmente ridotto le truppe statunitensi in Afghanistan a circa 4500, i livelli più bassi dai primi giorni della campagna post 11 settembre.

Dubbi sul futuro di altri alti funzionari della sicurezza nazionale

Il licenziamento di Esper ha sollevato la preoccupazione che altri alti funzionari della sicurezza nazionale che si sono guadagnati l’ira di Trump possano essere vulnerabili. La CNN ha riferito lunedì che Trump e alcuni dei suoi alleati conservatori sono arrabbiatissimi con la direttrice della CIA Gina Haspel nelle ultime settimane, accusandola di ritardare il rilascio di documenti che metterebbero a nudo i cosiddetti complotti del “Deep State” contro la campagna e la transizione di Trump, durante l’amministrazione Obama. Anche il direttore dell’FBI Christopher Wray ha provocato l’ira di Trump, alimentando alcune incertezze sul suo futuro, secondo le stesse fonti.

Il direttore dell’FBI Christopher Wray ha ordinato una revisione interna all’inizio di quest’anno su una possibile cattiva condotta nelle indagini sull’ex consigliere per la sicurezza nazionale dell’amministrazione Trump Michael Flynn. 
(AP)

Trump ha chiamato Christopher Miller, il direttore del National Counterterrorism Center, per guidare il Pentagono per quello che probabilmente sarà il resto della sua amministrazione. Miller è stato una forza trainante dietro alcune delle politiche di Trump contro l’Iran e il suo gruppo per procura Hezbollah, così come gli sforzi di antiterrorismo legati alle guerre in Siria e Iraq. Prima di dirigere l’NCTC, Miller è stato direttore dell’antiterrorismo presso il Consiglio di sicurezza nazionale. Miller, un ufficiale dell’esercito americano originario dello Iowa e in pensione, è stato anche vice assistente segretario alla difesa. Miller è stato visto arrivare al Pentagono lunedì pomeriggio e, subito dopo, ha incontrato Milley e altro personale di alto livello per briefing critici su questioni come i codici nucleari e le operazioni militari in tutto il mondo. Miller ha detto ai funzionari di non aspettarsi “cambiamenti significativi in ​​questo momento”, ha detto il funzionario.

– Segnalato dalla CNN



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.