Database Italia

Twitter schierato contro Trump? Miliardario repubblicano acquista importanti quote del social network e potrebbe estromettere il CEO

Un megadonor repubblicano miliardario ha acquistato una partecipazione “considerevole” in Twitter e “prevede di spingere” per estromettere il CEO Jack Dorsey, tra gli altri cambiamentiprevisti, sollevando la prospettiva di un anno di sconvolgimenti per la piattaforma di social media che i conservatori da tempo accusano di palese pregiudizio politico di sinistra.

La Elliott Management Corp. di Paul Singer ha già nominato quattro consiglieri nel consiglio di Twitter, uno sviluppo segnalato per la prima volta da  Bloomberg News , citando diverse fonti che hanno familiarità con l’accordo.

Singer, che non aveva partecipato alla campagna del presidente Trump nel 2016, da allora però sono cambiate molte cose tanto che Singer paventa l’ipotesi che alcune delle modifiche a Twitter potrebbero rendere la piattaforma un posto più amichevole per gli utenti pro-Trump.

“Come sapete, Paul è stato molto coinvolto con l’anti-Trump o come si dice ‘Never Trump”, ma Paul ha appena lasciato la Casa Bianca e ci ha dato il suo supporto totale “, ha detto Trump nel 2017. “Quindi, voglio ringraziare Paul Singer per essere qui e per essere venuto nel mio ufficio. Era un avversario molto forte e ora è un alleato e lo apprezzo “.

Twitter ha a lungo classificato non solo i conservatori, ma anche i commentatori indipendenti e gli attivisti di sinistra. Nel 2018, la femminista Meghan Murphy è stata sbattuta fuori da Twitter per aver infranto il “pericoloso” divieto e per non aver seguito le linee guida della piattaforma. Murphy è stata bandita dopo aver scritto che “gli uomini non sono donne”, a dispetto delle opinioni dichiarate da Twitter sul genere.

Il rappresentante della California GOP Rep.  Devin Nunes  l’anno scorso ha intentato una causa legale chiedendo $ 250 milioni in danni compensativi e $ 350.000 in danni punitivi contro Twitter e una manciata dei suoi utenti, accusando il sito di social media di nascondere segretamente alcuni messaggi, censurando sistematicamente punti di vista opposti e “ignorando” totalmente le lecite lamentele di comportamenti abusivi ripetuti.

“Twitter è una macchina”, ha dichiarato alla Fox News l’avvocato personale di Nunes, Steven S. Biss. “È una moderna sala Tammany. Il deputato Nunes intende ritenere Twitter pienamente responsabile per il suo comportamento abusivo e comportamento scorretto.”

Fonte: FoxNews

Leggi Anche:



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.