Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali Ucraina, Batman e identità complesse: le chiavi dell’ultimo discorso di Vladimir Putin

Ucraina, Batman e identità complesse: le chiavi dell’ultimo discorso di Vladimir Putin

38
0

Il presidente russo ha celebrato la Giornata dell’Unità Nazionale parlando a una riunione di storici.

Il presidente russo Vladimir Putin ha onorato la Giornata dell’Unità Nazionale del Paese incontrando storici e dignitari – compresi i leader delle comunità religiose – e discutendo il ruolo della storia nella protezione della sovranità nazionale, dell’identità e della cultura. Ecco alcuni punti chiave del suo intervento e della successiva discussione.

Il conflitto in Ucraina era “ inevitabile” 
“Lo scontro della Russia con il regime neonazista sorto in Ucraina era inevitabile, e se il nostro Paese non avesse intrapreso le azioni compiute a febbraio, nulla sarebbe cambiato, solo la nostra posizione sarebbe stata di gran lunga peggiore”, ha detto Putin. 

“I nostri cosiddetti amici hanno portato la situazione in Ucraina al punto in cui era una minaccia mortale per la Russia”. 
Putin ha confrontato la situazione con ciò che è accaduto nel 1941, quando l’URSS aveva ampiamente avvertito dell’imminente invasione nazista ma non ha preso provvedimenti per difendersi, suggerendo che questo era uno dei motivi per cui milioni di cittadini sovietici morirono prima che si ottenesse la vittoria sul nazismo.

L’Occidente ha stravolto la storia dell’Ucraina
I paesi occidentali si sono intromessi negli affari interni dell’Ucraina dopo la caduta dell’Unione Sovietica e “sono riusciti a instillare tali pseudovalori nelle menti di milioni di persone, il che ha portato al fatto che su questo territorio è stata creata un’anti-Russia, seminando odio, violando le menti delle persone, privandole della vera storia”, ha detto Putin. 

L’Ucraina è stata trasformata in un grave pericolo per la Russia, ma anche in qualcosa di suicida per gli stessi ucraini, ha spiegato. “È l’Ucraina, il popolo ucraino, la prima e principale vittima della deliberata sublimazione dell’odio verso i russi e la Russia. In Russia tutto è esattamente il contrario, lo sai benissimo: abbiamo sempre trattato il popolo ucraino con rispetto e calore. Rimane così, nonostante il tragico confronto di oggi”.

Una guerra civile, proprio come il 1917 Parlando ulteriormente dell’attuale conflitto in Ucraina, Putin ha tracciato parallelismi con la rivoluzione russa di oltre cento anni fa. “In effetti, il confronto è in corso all’interno di un popolo, proprio come è stato dopo gli sconvolgimenti del 1917”. Allora, “le potenze straniere scaldavano le mani sulla tragedia del nostro popolo. Non si preoccupavano né dei bianchi né dei rossi, perseguivano i propri interessi, indebolivano e facevano a pezzi la Russia storica”. 

L’Occidente sta facendo lo stesso in Ucraina oggi, ha detto Putin, sacrificando il popolo ucraino per raggiungere i suoi obiettivi geopolitici, che ha descritto come “indebolire, disintegrare e distruggere la Russia”.

Armare la distorsione della storia
I russi hanno bisogno di conoscere il passato completo del loro paese, ha affermato il presidente, senza ripetere gli “errori del periodo sovietico”, in cui il mondo accademico ha lavorato per adattarsi ai modelli ideologici. “Qualcosa di simile sta accadendo ora in alcuni paesi occidentali, dove molto è determinato dall’attuale establishment radical-liberale. Per compiacerlo, gli eventi storici chiave sono presentati in una forma completamente distorta e invertita e la verità viene cancellata”, ha detto Putin. 

“Quando qualcuno vuole privare lo stato della sovranità e trasformare i suoi cittadini in vassalli, inizia a stravolgere la storia del Paese, al fine di privare le persone delle loro radici, condannarle all’incoscienza”, ha spiegato il presidente russo, condannandolo come un“atteggiamento deliberatamente perverso nei confronti della storia”.

Indicando l’Ucraina come esempio, Putin ha affermato che “ci sono stati tentativi simili contro la Russia, e non si fermano, ma abbiamo fermamente e in tempo eretto contro di loro una solida barriera. “

L’era coloniale è finita 
Mentre la Russia è assolutamente una parte della civiltà europea, non si può negare che molti dei principali imperi coloniali in Occidente sono ora “paesi di medie o piccole dimensioni”, ha detto Putin, confrontando la popolazione del Portogallo con la sua ex colonia Brasile, il Regno Unito con L’India e come la sola provincia cinese del Guangdong abbia 1,5 volte la popolazione della Germania. “Le capitali europee erano [una volta] il centro dell’universo, ma questo è già passato”, ha affermato il presidente russo.

Batman o eroi storici? 
Putin ha anche deciso di affrontare una questione leggermente meno politica. Durante la sessione di domande e risposte, ha notato che il lavoro accademico non sarà sufficiente senza collaborare con la cultura popolare e il merchandising. 

I bambini russi “conoscono Batman ma non i nostri stessi eroi”, ha detto Putin, osservando che l’educazione storica inizia fin dalla tenera età. “Dovrebbero esserci cartoni animati, film, letteratura per bambini… Tutte queste cose sono necessarie. Ecco perché siamo qui oggi, per portare avanti questo processo”.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleIl gigante delle spedizioni avverte di “nuvole scure all’orizzonte”
Next articleRe Carlo rivela di essere imparentato con Dracula
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments