Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali UCRAINA E POLONIA VICINO ALLA CONFEDERAZIONE

UCRAINA E POLONIA VICINO ALLA CONFEDERAZIONE

0
La nuova confederazione ucraina polonia

Ciò dà credito ai rapporti dell’intelligence russa che erano stati etichettati come “propaganda”

Scritto da  Uriel Araujo , ricercatore specializzato in conflitti internazionali ed etnici.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato che presenterà al parlamento un progetto di legge che attribuirà uno status speciale ai polacchi in Ucraina. 

Rispecchia e ricambia un disegno di legge simile recentemente approvato dalla Polonia. Il disegno di legge senza precedenti garantisce agli ucraini quasi gli stessi diritti dei cittadini polacchi, in materia di prestazioni sociali, istruzione, residenza e così via. L’annuncio di Zelensky è stato fatto durante la visita del presidente polacco Andrzej Duda al parlamento ucraino il 22 maggio.

Nel suo  discorso , Zelensky ha anche annunciato piani per accordi bilaterali relativi al controllo congiunto delle frontiere e delle dogane. È interessante notare che ha detto questo sulla Polonia: “Anche le nostre nazioni sono sorelle (…) e non dovrebbero esserci confini o barriere tra di noi”. Ha aggiunto: “L’unità delle nostre nazioni deve durare per sempre”. Data la complessa storia Varsavia-Kiev, queste affermazioni drammatiche hanno sicuramente fatto sollevare molte sopracciglia. Andrzej Duda, a sua volta, ha affermato nel suo  discorso  che “il confine polacco-ucraino dovrebbe unire, non dividere”. Già il 3 maggio Duda aveva  dichiarato  di sperare un giorno “non ci sarà nessun confine” tra i due Paesi.

Considerando queste dichiarazioni e i precedenti rapporti dell’intelligence russa, non sorprende che Maria Zakharova, rappresentante ufficiale del Ministero degli Affari Esteri russo,  abbia descritto  il piano di Zelensky come la “legalizzazione dell’acquisizione polacca dell’Ucraina”.

Dall’inizio dell’operazione militare russa in Ucraina a febbraio, le autorità polacche a Varsavia hanno fornito supporto a Kiev e c’è stata molta cooperazione. Il conflitto russo-ucraino ha proiettato la Polonia, il più grande stato membro della NATO nell’Europa orientale, come un attore strategico nella regione, poiché non è estranea agli scontri tra grandi potenze.

Non è quindi affatto scontato interpretare le iniziative discusse e la retorica dei due leader come una sorta di primo passo verso una futura confederazione ucraino-polacca. Un tale scenario di “fusione”, in modo molto creativo, potrebbe così “hackerare” il lungo processo di ingresso di Kiev nell’UE e nel blocco occidentale, obiettivo che l’Occidente persegue chiaramente con tutti i mezzi necessari – come è stato indicato da  Macron nella sua recente proposta  per creare una nuova e più inclusiva organizzazione politica europea, per esempio.

È interessante notare che questo possibile sviluppo futuro realizzerebbe lo stesso risultato di un'”annessione” militare, e anche così potrebbe aprire la strada a una futura missione di pace polacca. Il 28 aprile, il direttore del Servizio di intelligence estero russo ha affermato che la Polonia stava pianificando segretamente di impiegare le sue truppe per  conquistare in parte l’Ucraina occidentale , con il sostegno americano. La giustificazione sarebbe “difendere” il paese vicino dall'”aggressione russa”. Secondo l’intelligence russa, a fine aprile, questa cosiddetta missione di pace era in discussione con i funzionari di Biden ed era ancora in fase di accordo preliminare.

Inoltre, i funzionari polacchi avrebbero negoziato con i membri dell’élite ucraina per cambiare le politiche di Kiev rendendole più “democratiche” e filo-Varsavia, in modo da controbilanciare i suoi elementi nazionalisti. Questi dati sono stati riportati dalla stampa russa e tale copertura è stata spesso etichettata come “propaganda” russa e “disinformazione” dai media occidentali. L’intelligence russa temeva anche che un tale sviluppo, se si fosse realizzato, avrebbe effettivamente aperto la strada a una sorta di futura “riunificazione”.

Storicamente, l’Ucraina occidentale è stata governata dalla Polonia un certo numero di volte, anche dopo il trattato di pace di Riga del 1921, e oggi i sentimenti anti-polacchi fanno parte del nazionalismo ucraino. Mentre Varsavia ha sostenuto Kiev in questioni strategiche chiave dalla rivoluzione del Maidan del 2014, il modo in cui entrambi i paesi  percepiscono e politicizzano la storia del 20° secolo  ha ostacolato le loro relazioni bilaterali. Durante la seconda guerra mondiale, l’esercito insorto ucraino (UPA) cooperò con le Waffen-SS naziste e furono commessi numerosi crimini di guerra contro i polacchi. L’Ucraina post-Maidan di oggi glorifica il leader dell’UPA Stepan Bandera e questo fatto non è ben accolto in Polonia.

Qui, un po’ di storia più antica è rilevante. Gran parte dell’odierna Ucraina era un tempo dominata dall’allora Commonwealth polacco-lituano. Dopo il 1349, l’allora Rutenia, che corrisponde in gran parte all’odierna Ucraina occidentale, fu soggetta alla dominazione straniera. Nel 1569, la maggior parte divenne territorio polacco. Le pressioni per la polonizzazione, che includeva la conversione al cattolicesimo romano, il continuo asservimento dei contadini da parte della Polonia e la persecuzione della Chiesa ortodossa, alienarono contadini e cosacchi. Nel 1648, il leader cosacco Bohdan Khmelnytsky guidò una rivolta contro il re polacco, fondò l’etmanato cosacco e fu salutato come un liberatore del popolo. Nel 1654, con l’accordo di Pereyaslav, questo nuovo stato cosacco giurò fedeltà allo zar russo. Fino ad oggi,

Dmytro Yarosh, consigliere del comandante in capo delle forze armate ucraine Valerii Zaluzhny, ha dichiarato in  un’intervista  il 27 maggio 2019 che Zelensky avrebbe “perso la vita” e “si sarebbe appeso a un albero a Khreshchatyk” se avesse “tradito Nazionalisti ucraini negoziando la fine della guerra civile nel Donbass. Yarosh è un co-fondatore del settore destro ed ex comandante dell’esercito volontario ucraino di estrema destra. Pertanto, considerando il problema persistente di Kiev con la  violenza estremista  e il palese  neonazismo  del suo battaglione chiave Azov, per non parlare delle complicate relazioni storico polacco-ucraine, si può concludere che i piani di Zelensky e Duda dovranno affrontare alcune sfide e potrebbero intensificare le tensioni interne drammaticamente.

Ucraina e Polonia più vicine alla Confederazione Fronte sud

Previous articleSTATO DI CIVILTÀ E MONDO MULTIPOLARE
Next articleL’INQUIETUDINE DI DAVOS e la paura non detta del fallimento: le crepe iniziano a farsi evidenti