Home Coronavirus UK, I DOCUMENTI MOSTRANO L’EUTANASIA FORZATA DEGLI ANZIANI NELLE RSA DURANTE...

UK, I DOCUMENTI MOSTRANO L’EUTANASIA FORZATA DEGLI ANZIANI NELLE RSA DURANTE LA PANDEMIA

0

Mentre tu restavi a casa e credevi di proteggere il SSN, il tuo governo prendeva deliberatamente decisioni che avrebbero assicurato che migliaia di anziani e vulnerabili sarebbero morti prematuramente nelle case di cura.

Senza quelle morti, avresti messo in dubbio la logica di rimanere a casa per decimare l’economia e distruggere vite. Quello che ha fatto il tuo governo equivale a un omicidio. Ma l’hanno coperto di bugie sul fatto che erano tutti morti di Covid-19.

Ora i documenti ufficiali che dovevano essere tenuti segreti sono stati rilasciati ai sensi del Freedom of Information Act e rivelano che l’eutanasia forzata degli anziani e dei vulnerabili in risposta a una pandemia era stata pianificata da anni.

Non appena il 23 marzo 2020 nel Regno Unito è stato dichiarato il lockdown, i decessi avvenuti nelle case di cura nelle settimane successive sono saliti alle stelle rispetto a quanto accaduto nei cinque anni precedenti. Sei stato portato a credere che ciò fosse dovuto al Covid-19, ma le prove dimostrano il contrario.

I dati ufficiali forniti dall’Office for National Statistics (ONS) mostrano che le case di cura hanno registrato un aumento del 21% dei decessi per tutte le cause nel 2020, con quasi 25.000 decessi in più del previsto.

Fonte

Quasi 19.000 di queste morti sono state etichettate come dovute a Covid-19. Ma escludendo il presunto coronavirus, le altre morti nelle case di cura sono aumentate del 5% rispetto alla media di cinque anni.

I dati ONS di seguito mostrano che nella settimana terminata il 17 aprile 2020 sono stati registrati 7.028 decessi nelle case di cura, di cui 2438 dovuti al Covid-19.

Sorgente
Fare clic per espandere

Ma avanti veloce di un anno e come si vede nei dati ONS di seguito, la settimana terminata il 16 aprile 2021 ha visto 1.640 decessi registrati nelle case di cura, di cui 51 sarebbero stati dovuti a Covid-19.

Sorgente
Fare clic per espandere

Quando rimuoviamo i presunti decessi per Covid-19 dai dati della settimana terminata il 17 aprile 2020, possiamo vedere che 4.590 decessi per tutte le altre cause si sono verificati nelle case di cura.

Si tratta di un aumento di 3.001 decessi rispetto al numero registrato nelle case di cura per tutte le cause durante la stessa settimana dell’anno successivo (settimana terminata il 16 aprile 2021). Questo modello è coerente per i prossimi 3 mesi del 2020 rispetto allo stesso arco temporale del 2021.

Ma perché ci sono stati così tanti decessi nelle case di cura per altre cause al culmine della presunta prima ondata?

La risposta è semplice, il governo, i suoi consulenti medici e scientifici e i capi del SSN avevano un piano, e quel piano era di sospendere le cure, rifiutare le cure e mettere gli anziani e i vulnerabili sul percorso di fine vita.

Un percorso che prevedeva il ritiro di tutti i farmaci, cibo e acqua e la somministrazione di un cocktail di midazolam e morfina. Un percorso che li ha visti morire a causa di un’overdose di droghe insieme alla fame e alla disidratazione.

All’inizio della presunta pandemia sono successe diverse cose, tutte pianificate con anni di anticipo.

Mentre tutto questo stava accadendo, Matt Hancock (all’epoca il segretario alla salute) e Chris Whitty (il capo dell’ufficiale medico) hanno incaricato gli ospedali di dimettere il maggior numero possibile di pazienti nelle case di cura , lo stesso luogo ai cui pazienti era vietato ricevere visite, il luogo stesso in cui un medico non era obbligato a visitare per certificare una morte, il luogo stesso in cui gli assistenti non potevano essere ritenuti responsabili di una morte fintanto che si sospettava solo che fosse Covid-19.

Hanno anche acquistato una fornitura per due anni di un farmaco chiamato midazolam. Una fornitura che è stata esaurita entro ottobre 2020 .

Il midazolam è un farmaco che viene discutibilmente utilizzato nelle cure di fine vita ed è stato utilizzato anche nelle cure di fine vita per Covid-19 , nonostante causi depressione respiratoria e arresto respiratorio .

Il grafico sopra mostra il numero totale di prescrizioni extraospedaliere di midazolam e mostra anche i decessi in eccesso per tutte le cause nel Regno Unito da gennaio 2020 a marzo 2021.

Vi abbiamo detto che mentre eravate a casa a proteggere il SSN, loro somministravano il midazolam agli anziani e ai vulnerabili, e ti dicevano che erano morti per Covid-19 , il grafico sopra mostra sicuramente una forte correlazione, ma ora documenti sensibili e riservati che il NHS non voleva che nessuno vedesse provare la causalità.

Nel 2016 il SSN ha elaborato piani per sospendere le cure ospedaliere per i residenti nelle case di cura in caso di pandemia.

I documenti mostrano che in caso di pandemia le cure sarebbero prioritarie in base al numero di anni di vita persi. Ciò significava che a un adolescente che soffriva di appendicite sarebbe stato offerto un letto in ospedale e trattato secondo necessità. Tuttavia, i documenti affermano chiaramente che agli anziani verrebbe negato il trattamento e sarebbero messi nel percorso di fine vita.

Fonte – Pagina 13

I documenti evidenziano anche che la stima del SSN dei decessi nelle case di cura a causa delle azioni pianificate in risposta a una pandemia è stata una massiccia sottovalutazione di ciò che è stato visto una volta messo in pratica in risposta alla presunta pandemia di Covid-19.

All’interno di una sintesi del documento, il SSN afferma che nel corso di un’ondata stimano che si verificherebbero 5.500 – 5.800 morti nelle case di cura.

In realtà, ci sono stati 2.000 decessi in più registrati in una sola settimana durante la prima presunta ondata di Covid-19, rispetto a quanto il SSN si aspettava durante l’intera ondata.

I documenti riservati mostrano anche che il SSN ha pianificato di ridurre i servizi in risposta a una pandemia e di mantenere solo i servizi critici per la vita. Ciò significava che sarebbero passati alle cure palliative e alle cure di fine vita. Nel 2017 il SSN ha riconosciuto di non avere abbastanza personale qualificato per fornire assistenza di fine vita, quindi ha sviluppato pacchetti di formazione che potevano essere implementati rapidamente durante una pandemia e nel frattempo ha formato personale “interessato”.

I documenti confidenziali del SSN mostrano chiaramente che agli anziani e ai vulnerabili doveva essere negato il trattamento e messi sul percorso di fine vita in risposta a una pandemia, e le prove mostrano chiaramente che ciò è stato messo in pratica.

In relazione alla morte di persone con difficoltà di apprendimento, l’ONS ha affermato:  ‘l’effetto più grande è stato associato alla  vita in una casa di cura  o in un altro istituto comunale. 

Avere difficoltà di apprendimento ed essere in cura non significa che hai maggiori probabilità di morire di Covid-19. Ciò significa che è molto più probabile che tu abbia un ordine DNR su di te senza informare te stesso o la tua famiglia, che poi il personale di assistenza / NHS usa come permesso per metterti in cura di fine vita.

Sappiamo che ciò è accaduto perché lo hanno affermato un rapporto di Amnesty e un rapporto CQC (Care Quality Comission) .

Il rapporto di Amnesty afferma che –

“I dirigenti e il personale delle case di cura e i parenti delle case di cura residenti in diverse parti del paese hanno raccontato ad Amnesty International come, nella loro esperienza, mandare i residenti in ospedale sia stato scoraggiato o rifiutato a titolo definitivo da ospedali, squadre di ambulanze e medici di famiglia. Un manager dello Yorkshire ha dichiarato: “Siamo stati fortemente scoraggiati dall’inviare i residenti in ospedale. Ne abbiamo parlato nelle riunioni; ne eravamo tutti consapevoli”.

‘ Un altro manager dell’Hampshire ha ricordato:
Non c’erano molte opzioni per mandare le persone in ospedale. Siamo riusciti a mandare una paziente in ospedale perché l’infermiera è stata molto ferma e ha insistito sul fatto che la signora era troppo a disagio e che non potevamo fare altro per metterla più a suo agio, ma l’ospedale poteva. In ospedale la signora è risultata positiva al COVID ed è stata curata, è sopravvissuta ed è tornata. Ha 92 anni ed è in ottima forma.
Ha spiegato che:
si presumeva che le persone nelle case di cura sarebbero morte tutte se avessero contratto il COVID, il che è sbagliato. Mostra quanto poco il governo sappia della realtà delle case di cura. 

‘Il figlio di un residente di una casa di cura morto in Cumbria ha detto che l’invio del padre in ospedale non era stato nemmeno preso in considerazione:
dal primo giorno, la casa di cura era categorica, probabilmente era COVID e lui sarebbe morto e non sarebbe stato portato in ospedale. Aveva solo la tosse in quella fase. Aveva solo 76 anni ed era in ottima forma fisica. Amava uscire e non sarebbe stato un problema per lui andare in ospedale. La casa di cura mi ha chiamato e mi ha detto che aveva sintomi, un po’ di tosse e che il dottore lo aveva valutato al cellulare e non sarebbe stato portato in ospedale. Poi ho parlato con il medico più tardi quel giorno e ho detto che non sarebbe stato portato in ospedale ma che avrebbe ricevuto morfina se avesse avuto dolore. Successivamente è crollato a terra
il bagno e la casa di cura hanno chiamato il paramedico che ha accertato che non aveva riportato ferite e lo ha rimesso a letto dicendo agli assistenti di non richiamarli per eventuali sintomi legati al Covid perché non sarebbero tornati. Morì una settimana dopo.
Non è mai stato messo sotto esame. Nessun medico è mai venuto alla casa di cura. Il medico lo ha valutato al telefono. In una situazione identica per chi vive a casa invece che in una casa di cura, il consiglio è stato “andare in ospedale”. Il certificato di morte dice polmonite e COVID, ma la polmonite non ci è mai stata menzionata.’

Un dirigente di una casa di cura nello Yorkshire ha detto ad Amnesty International:
A marzo, ho cercato di portare un residente in ospedale: l’ambulanza aveva assunto un medico per eseguire il triage, ma hanno detto: “Beh, è ​​comunque morto, quindi non lo mandiamo in ambulanza”… In circostanze normali sarebbe andato in ospedale… Penso che avesse diritto ad essere ricoverato in ospedale. Si tratta di individui che hanno contribuito alla società per tutta la vita a cui è stato negato il rispetto e la dignità che daresti a un 42enne; erano considerati sacrificabili. 

Il CQC ha ritenuto necessario rilasciare una dichiarazione nell’agosto 2020 affrontando la questione dei DNR inappropriati assegnati ai residenti delle case di cura senza informare il residente o la loro famiglia –

“È di vitale importanza che le persone anziane e disabili che vivono nelle case di cura e nella comunità possano accedere alle cure e alle cure ospedaliere per COVID-19 e altre condizioni quando ne hanno bisogno durante la pandemia… I fornitori dovrebbero sempre lavorare per prevenire danni evitabili o morte per tutti coloro a cui tengono. Protocolli, linee guida e sistemi di triage dovrebbero essere basati sull’uguaglianza di accesso alle cure e al trattamento. Se si basano sul presupposto che alcuni gruppi hanno meno diritto alle cure rispetto ad altri, ciò sarebbe discriminatorio. Potrebbe anche violare i diritti umani, compreso il diritto alla vita, anche se si temeva che la capacità ospedaliera o di terapia intensiva potesse essere raggiunta.’

Tale dichiarazione è stata rilasciata perché il CQC ha rilevato che il 34% delle persone che lavorano nel settore sanitario e sociale è stato spinto a imporre ordini di “non tentare la rianimazione cardiopolmonare (DNACPR) su pazienti Covid-19 che soffrivano di disabilità e difficoltà di apprendimento, senza coinvolgere il paziente o le loro famiglie nella decisione.

L’evidenza suggerisce che in realtà ti è stato ordinato di rimanere a casa, per proteggere il SSN, in modo che potessero porre fine prematuramente alla vita degli anziani e dei vulnerabili e dirti che erano morti per Covid-19.

I documenti riservati finalmente rilasciati dal SSN lo hanno appena dimostrato.

FONTE

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleLa vaccinazione aumenta il rischio di infezione del 44%, lo rileva uno studio di Oxford
Next articleDOCUMENTO DI RICERCA SCIENTIFICA – Super armi (armi energetiche) per Induzione di terremoti, frane, Doline, valanghe di neve e Vulcani in eruzione