CoronavirusEventi Avversi V.C.SaluteScienza e Tecnologia

UK, I nati morti e i decessi di neonati hanno raggiunto “livelli critici” e i casi di cancro ovarico sono ai massimi storici: la colpa è dei vaccini Covid-19?

I dati disponibili dal Public Health Scotland mostrano che i casi di cancro ovarico nel 2021 sono molto più alti della media 2017-2019 e che i decessi dei neonati hanno raggiunto la soglia di allerta superiore, indicando che fattori al di là della variazione casuale potrebbero aver contribuito ai decessi.

Con quasi –

L’aumento del cancro ovarico e la morte dei neonati potrebbero avere qualcosa a che fare con il lancio di massa dei vaccini Covid-19?


Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il suo nome file è image-410-1024x432.png
Cancro ovarico

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il suo nome file è image-422-1024x389.png
Morti neonatali

Gli scienziati temono che le iniezioni di Covid-19 possano causare infertilità

Nel dicembre 2020, il dottor Wolfgang Wodarg, un medico/epidemiologo che è stato membro del Bundestag (Parlamento federale tedesco) dal 1994 al 2009, e il dottor Mike Yeadon, ex vicepresidente di Pfizer; dove ha trascorso 16 anni come allergologo e ricercatore sulle malattie respiratorie, ha scritto all’Agenzia europea per i medicinali chiedendo la sospensione immediata di tutti gli studi sui vaccini SARS-CoV2 a causa di prove che suggeriscono che i candidati al vaccino Covid-19 potrebbero innescare una reazione immunitaria contro una proteina umana responsabile della formazione della placenta.

Fonte

Il dottor Wodarg e il dottor Yeadon, entrambi hanno chiesto assolutamente di escludere che un vaccino contro SARS-CoV-2 possa innescare una reazione immunitaria contro la sincitina-1.

Sfortunatamente, gli avvertimenti espressi sia dal dottor Wodarg che da Yeadon sono stati ignorati e le iniezioni di Covid-19 sono state estese alle masse, comprese le donne in gravidanza, nonostante non siano stati condotti studi clinici per confermare la sicurezza del loro uso durante la gravidanza.


Nessuno studio per confermare la sicurezza dell’uso del vaccino Covid-19 durante la gravidanza o l’impatto sulla fertilità

Il governo del Regno Unito ha affermato chiaramente nel documento ufficiale ” REG 174 INFORMATION FOR UK HEALTHCARE PROFESSIONALS ” preparato per l’autorizzazione di emergenza dell’iniezione Pfizer mRNA Covid-19 che il vaccino Pfizer non è raccomandato per l’uso durante la gravidanza, la gravidanza deve essere esclusa prima della vaccinazione e le donne in età fertile dovrebbero evitare la gravidanza per almeno 2 mesi dopo la seconda dose.

Fonte

Il governo del Regno Unito ha anche confermato che non è noto se il vaccino Pfizer abbia un impatto sulla fertilità. Ma nonostante il consiglio del governo stesso dichiari chiaramente che le donne incinte non dovrebbero ricevere l’iniezione Pfizer Covid-19, sappiamo che invece è stato loro consigliato, diversi aborti infatti sono stati segnalati come reazioni avverse al programma MHRA Yellow Card dal 9 dicembre 2020 in poi.

Fonte

Uno studio del mondo reale rileva che il tasso di aborto spontaneo è dell’82% dopo la vaccinazione contro il Covid-19

Ma avanti veloce fino all’aprile 2021 e nonostante non siano stati condotti studi scientifici per confermare la sicurezza dell’uso del vaccino Pfizer durante la gravidanza, il governo del Regno Unito ha deciso che a tutte le donne incinte sarebbe stato somministrato il vaccino Pfizer su raccomandazione del Comitato congiunto di Vaccination and Immunization (JCVI), che ha citato che “i dati del mondo reale dagli Stati Uniti” mostrano che le donne in gravidanza erano state vaccinate senza che fossero sollevati problemi di sicurezza.

Sfortunatamente, però, i dati del mondo reale dagli Stati Uniti sono stati manipolati per mostrare che il tasso di aborto spontaneo era solo del 12,6%, quando il tasso effettivo di aborto spontaneo era dell’82%.

Nel luglio 2021, abbiamo rivelato in esclusiva come i dati erano stati manipolati dagli scienziati che conducevano uno studio del mondo reale per il CDC per dimostrare che i vaccini Covid-19 erano sicuri per l’uso durante la gravidanza.

Gli autori hanno affermato che il numero di persone che hanno subito un aborto spontaneo durante lo studio è stato di 104 su 827 gravidanze completate, pari al rischio di aborto spontaneo al 12,6%; 7 – 12% in meno rispetto al rischio di aborto spontaneo nella popolazione generale.

Fonte

Tuttavia, la nostra analisi ha dimostrato che questi numeri erano estremamente fuorvianti a causa del fatto che delle 827 gravidanze completate, 700 / 86% delle donne avevano ricevuto una dose del vaccino Pfizer o Moderna Covid-19 durante il terzo trimestre di gravidanza, il che significa che era impossibile per loro subire un aborto spontaneo perché possono verificarsi solo prima della settimana 20 di gravidanza.

Ciò significa che solo 127 donne hanno ricevuto il vaccino Pfizer o Moderna Covid-19 durante il primo/secondo trimestre, con 104 delle donne che purtroppo hanno perso il loro bambino.

Pertanto il tasso di incidenza di aborto spontaneo era dell’82% , non del 12,6% come presentato nei risultati dello studio, e da allora gli autori dello studio hanno ammesso di aver commesso un errore, emettendo una correzione con sei mesi di ritardo, perché lo studio è stato utilizzato per giustificare la vaccinazione contro il Covid-19 delle donne incinte e delle neomamme in tutto il mondo.

Fonte

Lo studio rileva che il vaccino Pfizer si accumula nelle ovaie

Un altro studio condotto in Giappone, sul vaccino Pfizer intitolato ‘Pfizer Confidential’ , mostra che il vaccino Covid-19 si accumula nelle ovaie.

Nei primi 15 minuti successivi all’iniezione del vaccino Pfizer, i ricercatori hanno scoperto che la concentrazione totale di lipidi nelle ovaie misurava 0,104 ml. Questo è poi aumentato a 1,34 ml dopo 1 ora, 2,34 ml dopo 4 ore e quindi 12,3 ml dopo 48 ore.

Fonte

Oltre 40.000 disturbi mestruali segnalati come reazioni avverse ai vaccini Covid-19

Questo potrebbe spiegare perché quasi 40.000 segnalazioni di modifiche al ciclo e sanguinamento vaginale inatteso sono state segnalate allo schema MHRA Yellow Card come reazioni avverse alle iniezioni di Covid-19?

Fino al 17 novembre 2021, l’MHRA ha ricevuto 1.724 segnalazioni di disturbi mestruali, 3.034 di irregolarità mestruali, 5.068 segnalazioni di forti emorragie mestruali, tra migliaia di altre come sospette reazioni avverse al vaccino Pfizer Covid-19.

Fonte – Pagina 84

Nel settembre 2021, la dottoressa Victoria Male, docente di immunologia riproduttiva per l’Imperial College di Londra, ha pubblicato un articolo sul British Medical Journal in cui afferma che un legame tra i cambiamenti mestruali e la vaccinazione contro il Covid-19 è perfettamente plausibile e dovrebbe essere studiato.

Fonte

La dottoressa Victoria Male conclude nel suo articolo che: “Una lezione importante è che gli effetti degli interventi medici sulle mestruazioni dovrebbero essere oggetto di ricerche future.

“Gli studi clinici forniscono l’ambiente ideale in cui distinguere tra i cambiamenti mestruali causati dagli interventi da quelli che si verificano comunque, ma è improbabile che i partecipanti riportino cambiamenti nei periodi se non specificamente richiesto.

“Le informazioni sui cicli mestruali e altri sanguinamenti vaginali dovrebbero essere attivamente sollecitate nei futuri studi clinici, compresi gli studi sui vaccini covid-19”.

Ma forse più interessanti dell’articolo stesso sono alcune delle risposte che sono state ricevute.

Fonte

Cancro ovarico e decessi neonatali in aumento

Il che ci porta agli ultimi dati disponibili da Public Health Scotland, sull’incidenza del cancro e dei decessi neonatali negli ultimi anni.

Public Health Scotland (PHS) ha una dashboard completa sugli impatti più ampi del Covid-19 sul sistema sanitario, che si trova qui , e include un’intera gamma di dati dalle statistiche dalla salute mentale alle gravidanze, ai dati sui disturbi cardiovascolari e al cancro.

I dati disponibili per tutti i tipi di cancro mostrano che il conteggio totale degli individui affetti da cancro nel 2021 è leggermente inferiore alla media 2017-2019, ma superiore ai numeri registrati nel 2020.

Tutti i tumori

Tuttavia, i dati per il numero di individui affetti da cancro ovarico mostrano che l’attuale tendenza nel 2021 è significativamente superiore al 2020 e alla media 2017-2019.

Cancro ovarico

Oltre a ciò, è stata avviata un’indagine su un picco di decessi tra i neonati in Scozia.

I dati ufficiali rivelano che 21 bambini sono morti a settembre entro 28 giorni dalla nascita, causando il superamento del tasso di mortalità neonatale per la prima volta in almeno quattro anni di una soglia di allerta superiore nota come “limite di controllo”.

I limiti di controllo e di avvertenza sono progettati per segnalare alle squadre di sanità pubblica quando si verificano decessi neonatali, nati morti o altri a livelli inaspettatamente alti o bassi che potrebbero non essere dovuti al caso.

Sebbene il tasso oscilli di mese in mese, la cifra di settembre, pari a 4,9 per 1000 nati vivi, è alla pari con i livelli che si registravano per l’ultima volta alla fine degli anni ’80.

Public Health Scotland (PHS), che è uno degli organismi che attualmente sta studiando il picco, ha affermato che il fatto che il limite di controllo superiore sia stato superato “indica che esiste una maggiore probabilità che ci siano fattori oltre la variazione casuale che potrebbero aver contribuito al numero dei decessi avvenuti”.

La colpa è dei vaccini Covid-19?

È ovviamente impossibile concludere in modo definitivo che le iniezioni di Covid-19 siano responsabili di un aumento del cancro ovarico e dei decessi neonatali in Scozia.

Ma con:

  • studi che dimostrano che il vaccino contro il Covid-19 si accumula nelle ovaie nel tempo,
  • i principali scienziati che hanno espresso preoccupazione per i sieri che potrebbero causare infertilità nel dicembre 2020,
  • i dati del mondo reale che mostrano che il tasso di aborto spontaneo raggiunge l’82% dopo la vaccinazione,
  • e oltre 40.000 disturbi mestruali segnalati come reazioni avverse alle iniezioni di Covid-19,

È abbastanza chiaro che le iniezioni di Covid-19 interferiscono con il sistema riproduttivo e ulteriori studi e indagini dovrebbero essere effettuati con effetto immediato.

FONTE

[jetpack_subscription_form]

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!