Home Coronavirus UK, IL 92% DEI DECESSI COVID-19 RIGUARDA I COMPLETAMENTE “VACCINATI”

UK, IL 92% DEI DECESSI COVID-19 RIGUARDA I COMPLETAMENTE “VACCINATI”

0
Dati mortalità Covid-19 su base vaccinale

I dati ufficiali pubblicati dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito confermano che la popolazione completamente vaccinata ha rappresentato uno scioccante 92% di tutti i decessi per Covid-19 in tutta l’Inghilterra nel mese di marzo, ma ciò che è ancora più scioccante è che l’82% di quei decessi era tra la popolazione con tripla vaccinazione.

Ma sta accadendo anche qualcosa di ancora più strano. Il Covid-19 è attualmente in aumento in tutto il Regno Unito, ma i dati confermano che casi, ricoveri e decessi sono in aumento solo tra la popolazione con tripla vaccinazione, mentre stanno diminuendo significativamente tra la popolazione non vaccinata.
La Fonte per questo articolo è The Exposè

Negli ultimi due anni sei stato preso in giro dal governo, dai suoi consulenti scientifici e dai media mainstream. Ma la bugia più grande di tutte è forse che le iniezioni di Covid-19 sono sia sicure che efficaci. Nessuna di queste affermazioni è vera. Se vuoi prove recenti della loro non sicurezza, non guardare oltre il recente annuncio dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA).

Il 6 aprile 2022, l’UKHSA ha rilasciato una dichiarazione in cui confermava che stavano avviando un’indagine urgente a causa del rilevamento di un tasso di infiammazione del fegato (epatite) superiore al normale tra i bambini e che casi simili erano stati valutati anche in Scozia.

Hanno già escluso i virus comuni che causano l’epatite, quindi ora non hanno bisogno di guardare oltre l’iniezione di Covid-19 che è stata offerta inutilmente ai bambini, perché lo stesso studio di Pfizer conferma che l’ mRNA di Covid-19 si accumula nel fegato dopo la vaccinazioneprovocando l’epatite.

Forse stai pensando che i benefici molto probabilmente superano i rischi? Dopotutto, sei stato ripetutamente incoraggiato da questa bugia dal tuo governo, dai suoi consulenti scientifici e dai media mainstream. Ma se vuoi che le prove recenti delle iniezioni Covid-19 non siano efficaci, non guardare oltre l’ultimo rapporto di sorveglianza sui vaccini dell’UKHSA, perché mostra esattamente il contrario.

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) pubblica un rapporto settimanale di sorveglianza sui vaccini Covid-19 e il rapporto Settimana 13 – 2022 contiene dati sul Covid-19 per le prime 4 settimane di marzo 2022.

La tabella 11, che si trova a pagina 41 dell’ultimo rapporto, mostra il numero di casi di Covid-19 per stato di vaccinazione in Inghilterra tra il 28 febbraio e il 27 marzo 22, e conferma che la stragrande maggioranza è stata registrata tra la popolazione con tripla vaccinazione.

Fonte – Pagina 41
Fonte – Pagina 41

In tutto, tra il 28 febbraio e il 27 marzo, sono stati registrati un totale di 1.486.973 casi di Covid-19 in tutta l’Inghilterra e la popolazione triplamente vaccinata ne ha rappresentato l’incredibile cifra di 1.011.153, mentre la popolazione non vaccinata ha rappresentato solo 258.357 casi.

Complessivamente la popolazione vaccinata ha rappresentato 1.011.153 casi, il che significa che hanno rappresentato l’83% di tutti i casi di Covid-19 tra il 28 febbraio e il 27 marzo 22. Ma qui sta succedendo qualcosa di strano, perché nell’arco di 1 mese i casi tra i non vaccinati sono diminuiti del 36%, mentre i casi tra i triplamente vaccinati sono aumentati del 34%.

Il grafico seguente mostra il numero di casi di Covid-19 per stato di vaccinazione in Inghilterra un mese prima tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22, i dati sono stati estratti dalla Settimana 8 – Rapporto di sorveglianza sui vaccini 2022 –

Fonte – Pagina 41

A febbraio ci sono stati 404.030 casi tra i non vaccinati, ma a marzo questo numero è sceso a 258.357 casi. Mentre il triplo vaccinato ha subito 752.126 casi a febbraio, ma a marzo è aumentato a 1,01 milioni.

Se pensavi che il vaccino prevenisse sia l’infezione che la trasmissione, allora hai davvero avuto la testa sepolta nella sabbia e sei caduto nella rete di bugie, ma sicuramente se il vaccino è efficace dovrebbe almeno ridurre il rischio di infezione. I dati sopra suggeriscono che aumenta il rischio di infezione e ulteriori dati dell’UKHSA lo confermano .

La tabella seguente è tratta da pagina 45 del Rapporto di sorveglianza sui vaccini della settimana 13 e mostra il tasso di casi per 100.000 tra i non vaccinati e i tripli vaccinati. L’unico gruppo di età in cui il tasso di casi per 100.000 è più basso tra i non vaccinati è quello dei minori di 18 anni, e circa il 95% di loro non è nemmeno idoneo per una terza dose.

Fonte – Pagina 45

I dati di cui sopra mostrano che la maggior parte degli adulti con tripla vaccinazione ha in realtà cinque volte più probabilità di essere infettata da Covid-19 rispetto agli adulti non vaccinati.

Riesci a vedere ora quanto ti hanno mentito?

La tabella 12, che si trova a pagina 42 dell’ultimo rapporto, mostra il numero di ricoveri Covid-19 per stato di vaccinazione in Inghilterra tra il 28 febbraio e il 27 marzo 22, e conferma che la stragrande maggioranza è stata nuovamente registrata tra la popolazione triplamente vaccinata.

Fonte – Pagina 42

In tutto, ci sono stati 10.326 ricoveri per Covid-19 in Inghilterra tra il 28 febbraio e il 27 marzo, un aumento del 12% tra il numero di ricoveri registrati fino a febbraio. La popolazione triplamente vaccinata ha rappresentato 6.750 di quei ricoveri in ospedale per tutto il mese di marzo, mentre la popolazione non vaccinata ne ha rappresentato 2.065, 965 dei quali sarebbero stati bambini.

Ma è qui che i dati non hanno molto senso. Sappiamo che l’Omicron è ora la variante dominante in Inghilterra e sappiamo che provoca malattie di gravità equivalente al comune raffreddore. Allora perché i dati mostrano che i ricoveri per Covid-19 tra i bambini sono più del doppio di quelli registrati quando Delta era il ceppo dominante?

La tabella seguente è tratta dal ‘ Covid-19 Vaccine Surveillance Report – Week 36 – 2021 ‘ di Public Health England, e mostra che tra la settimana 32 e la settimana 35 del 2021 (quando Delta era la variante dominante) c’erano solo 404 ricoveri registrati tra i minori di 18 anni in Inghilterra.

Questo numero di ricoveri tra i minori di 18 anni è tipico per la maggior parte dei rapporti settimanali, quindi perché mai i ricoveri per Covid-19 sono ora pari a 965 tra i bambini?

Sappiamo che i bambini non sono mai stati ad alto rischio di soffrire di malattie gravi a causa del Covid-19, e tutti dovrebbero ormai sapere che una persona potrebbe essere ricoverata in ospedale con una gamba rotta e classificata come ricovero Covid-19 se dovesse risultare positiva per con un test (altamente discutibile) entro 28 giorni dall’ammissione.

Ma sappiamo anche che il governo del Regno Unito e il SSN stanno tentando di giustificare la decisione del professor Chris Whitty di annullare il comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione e offrire il vaccino Covid-19 ai bambini di età superiore ai 12 anni, e che vorrebbero coinvolgere anche i bambini di 5 anni.

Stiamo assistendo alla manipolazione da parte dell’UKHSA delle cifre attraverso test di massa su bambini già ricoverati in ospedale, per dare l’impressione che la vaccinazione sperimentale contro il Covid-19 gioverebbe ai bambini?

Quindi ecco fatto, mentre sei stato distratto dalla guerra in Ucraina, il governo del Regno Unito ha pubblicato un rapporto in cui conferma che i vaccinati hanno rappresentato il 92% di tutti i decessi per Covid-19 in Inghilterra nel mese di marzo, e che le infezioni e i ricoveri sono attualmente in aumento solo tra i triplamente sierati. Con notizie come questa spazzate sotto il tappeto dai media mainstream, chiediti cos’altro cercheranno di nascondere nelle prossime settimane.

Previous articleUCRAINA – USA FINANZIARONO RICERCA SU COVID-19 GIÀ TRE MESI PRIMA CHE SI SAPESSE DELLA SUA ESISTENZA. NUOVI DOCUMENTI ESPLOSIVI LO DIMOSTRANO
Next articleI vaccini Covid aumentano il rischio di decessi correlati al cuore fino al 50%. Lo studio su The Lancet