Database Italia

UK, IL GOVERNO METTE IN GUARDIA SU POSSIBILI EVENTI AVVERSI CON PFIZER.

Come abbiamo riportato all’inizio di questa settimana, il Regno Unito è diventato la prima nazione a rilasciare l’autorizzazione di emergenza per il vaccino mRNA COVID sperimentale Pfizer.

Il Dipartimento della Salute e dell’Assistenza Sociale del Regno Unito e l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari hanno appena pubblicato le linee guida per il lancio del vaccino Pfizer.

È disponibile un  documento di 10 pagine per gli operatori sanitari del Regno Unito e un documento più breve di  5 pagine per i destinatari . Si tratta di informazioni pubbliche (per ora) e  Health Impact News ne  ha copie protette.

Nel  foglio illustrativo per i destinatari , dà avvertimenti severi per le donne in gravidanza e allattamento.

Gravidanza e allattamento
Al momento sono disponibili dati limitati sull’uso di questo vaccino nelle donne in gravidanza. Se è in gravidanza o sta allattando, pensa di essere incinta o sta pianificando una gravidanza, chieda consiglio al medico o al farmacista prima di ricevere questo vaccino. Per precauzione, dovresti evitare di rimanere incinta fino ad almeno 2 mesi dopo il vaccino.

Tuttavia, nel  documento più lungo  rilasciato agli “Operatori sanitari”, viene fornito un avviso aggiuntivo (vedere l’evidenziazione in rosso):

4.6 Fertilità, gravidanza e allattamento

Gravidanza I
dati sull’uso del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non esistono o sono in numero limitato. Gli studi di tossicità riproduttiva sugli animali non sono stati completati. Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non è raccomandato durante la gravidanza. Per le donne in età fertile, la gravidanza deve essere esclusa prima della vaccinazione. Inoltre, alle donne in età fertile deve essere consigliato di evitare la gravidanza per almeno 2 mesi dopo la seconda dose.

Allattamento
Non è noto se il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 sia escreto nel latte materno. Non si può escludere un rischio per i neonati / bambini. Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non deve essere usato durante l’allattamento.

Fertilità
Non è noto se il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 abbia un impatto sulla fertilità.

Perché questa avvertenza non è stata inclusa nel foglietto illustrativo da distribuire ai destinatari del vaccino? Il volantino per i destinatari inizia con questo testo:

Legga attentamente questo foglio prima di ricevere questo vaccino perché contiene importanti
informazioni per lei .

*  Conservi questo foglio. Potrebbe essere necessario leggerlo di nuovo.
*  In caso di ulteriori domande, chiedere al medico, al farmacista o all’infermiere.
*  Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, si rivolga al medico, al farmacista o all’infermiere. Ciò include qualsiasi possibile
effetto indesiderato non elencato in questo foglio. Vedere la sezione 4.

Quindi, l’unico modo in cui una giovane donna potrebbe conoscere l’avvertimento sui potenziali problemi di infertilità, sarebbe se chiedesse al proprio medico o ad un altro operatore sanitario una domanda specifica sulla fertilità .

E anche allora, dipende dal fatto che quel medico abbia letto completamente il documento più lungo e abbia risposto accuratamente alla domanda della giovane donna su possibili problemi legati alla fertilità.

Se vivi nel Regno Unito, stampa il documento più lungo pubblicato per i medici e assicurati che tutti quelli che conosci che stanno valutando di prendere questo vaccino lo leggano, e non solo il documento più breve pubblicato per i “destinatari”.

Come abbiamo  riportato in precedenza , il dottor Michael Yeadon, l’ex capo della ricerca Pfizer, ha presentato uno STATO DI AZIONE  con l’Agenzia europea per i medicinali, insieme al dottor Wolfgang Wodarg, e li ha avvertiti dei potenziali effetti di questo vaccino sulla fertilità. Ha scritto che il vaccino sperimentale Pfizer COVID:

dovrebbe indurre la formazione di anticorpi umorali contro le proteine ​​spike di SARS-CoV-2. Syncytin-1 (vedere Gallaher, B., “Response to nCoV2019 Against Backdrop of Endogenous Retroviruses” – http://virological.org/t/response-to-ncov2019-against-backdrop-of-endogenous-retroviruses/396), che è derivato da retrovirus endogeni umani (HERV) ed è responsabile dello sviluppo di una placenta nei mammiferi e nell’uomo ed è quindi un prerequisito essenziale per una gravidanza di successo, si trova anche in forma omologa nelle proteine ​​spike dei virus della SARS.

Non c’è alcuna indicazione se gli anticorpi contro le proteine ​​spike dei virus della SARS agiscano anche come anticorpi anti-Syncytin-1. Tuttavia, se questo fosse il caso, ciò impedirebbe anche la formazione di una placenta che porterebbe le donne vaccinate a diventare essenzialmente sterili.

Per quanto ne so, Pfizer / BioNTech non ha ancora rilasciato alcun campione di materiale scritto fornito ai pazienti, quindi non è chiaro quali siano le eventuali informazioni relative ai (potenziali) rischi specifici per la fertilità causati dagli anticorpi.

Secondo la sezione 10.4.2 del protocollo di prova Pfizer / BioNTech, una donna in età fertile (WOCBP) è idonea a partecipare se non è incinta o allatta al seno e sta utilizzando un metodo contraccettivo accettabile come descritto nel protocollo di prova durante l’intervento periodo (per un minimo di 28 giorni dopo l’ultima dose di intervento in studio).

Ciò significa che potrebbe essere necessario un tempo relativamente lungo prima che si possa osservare un numero notevole di casi di infertilità post-vaccinazione. ( Fonte .)

Perché solo persone di età superiore ai 16 anni?

L’altro problema sollevato in queste linee guida che solleva seri interrogativi è perché consigliano il vaccino solo a persone di età superiore ai 16 anni? Affermano:

La sicurezza e l’efficacia del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 nei bambini di età inferiore a 16 anni non sono state ancora stabilite.

Ma uno dei gruppi di prova che hanno testato il vaccino aveva bambini di età compresa tra 12 e 15 anni. Dal  documento più lungo per i medici :

Lo studio BNT162-01 (Studio 1) ha arruolato 60 partecipanti, di età compresa tra 18 e 55 anni. Lo studio C4591001 (Studio 2) ha arruolato circa 44.000 partecipanti,  di età pari o superiore a 12 anni .

Nello studio 2, un totale di 21.720 partecipanti di età pari o superiore a 16 anni hanno ricevuto almeno una dose di vaccino COVID-19 mRNA BNT162b e 21.728 partecipanti di età pari o superiore a 16 anni hanno ricevuto placebo.

A meno che non mi manchi qualcosa qui, o la mia matematica sia sbagliata, se c’erano 44.000 partecipanti allo Studio 2 di età pari o superiore a 12 anni e “21.720 partecipanti di età pari o superiore a 16 anni hanno ricevuto almeno una dose di COVID-19 mRNA Il vaccino BNT162b e 21.728 partecipanti di età pari o superiore a 16 anni hanno ricevuto placebo “, significa che 552 partecipanti erano bambini di età compresa tra 12 e 15 anni.

Questo è più del totale dello Studio 1, che includeva solo 60 partecipanti di età compresa tra 18 e 55 anni.

Allora cosa è successo a questi bambini di età compresa tra 12 e 15 anni? Ovviamente sono stati inclusi nello studio per un motivo. I genitori hanno effettivamente dato il loro consenso a includere questi bambini? Oppure si tratta di bambini sotto tutela dello stato come spesso accade? quindi il consenso non era necessario?

Inoltre, qual è la percentuale di partecipanti sopra i 55 anni, il gruppo più a rischio? Non sono stati nemmeno inclusi nello Studio 1, per qualche motivo.

Altre avvertenze

Dal  documento più lungo rilasciato ai medici :

4.4 Avvertenze speciali e precauzioni d’impiego

Tracciabilità

Al fine di migliorare la tracciabilità dei medicinali biologici, il nome e il numero di lotto del prodotto somministrato devono essere chiaramente registrati.

Raccomandazioni generali

Come con tutti i vaccini iniettabili, devono essere sempre prontamente disponibili cure mediche e supervisione appropriate in caso di un raro evento anafilattico a seguito della somministrazione del vaccino.

La somministrazione del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 deve essere posticipata nei soggetti affetti da malattie febbrili acute gravi.

Gli individui che ricevono una terapia anticoagulante o quelli con una malattia emorragica che controindicherebbe l’iniezione intramuscolare, non devono ricevere il vaccino a meno che il potenziale beneficio non superi chiaramente il rischio della somministrazione.

Le persone immunocompromesse, comprese le persone che ricevono una terapia immunosoppressiva, possono avere una risposta immunitaria ridotta al vaccino. Non sono disponibili dati sull’uso concomitante di immunosoppressori.

Come con qualsiasi vaccino, la vaccinazione con il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 potrebbe non proteggere tutti i destinatari del vaccino.

Non sono disponibili dati sull’uso del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 in persone che hanno precedentemente ricevuto una serie di vaccini completa o parziale con un altro vaccino COVID-19.

Informazioni sull’eccipiente

Questo vaccino contiene potassio, meno di 1 mmol (39 mg) per dose, cioè essenzialmente “senza potassio”. Questo vaccino contiene meno di 1 mmol di sodio (23 mg) per dose, cioè è essenzialmente “privo di sodio”.

4.5 Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

Non sono stati effettuati studi di interazione.

La somministrazione concomitante del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 con altri vaccini non è stata studiata (vedere paragrafo 5.1).

Non mescolare COVID-19 mRNA Vaccine BNT162b2 con altri vaccini / prodotti nella stessa siringa.

4.8 Effetti indesiderati

Le reazioni avverse riportate negli studi clinici sono elencate in questa sezione per classificazione per sistemi e organi MedDRA, in ordine decrescente di frequenza e gravità. La frequenza è definita come segue: molto comune (≥ 1/10), comune (da ≥ 1/100 a <1/10), non comune (da ≥ 1 / 1.000 a <1/100), raro (da ≥ 1 / 10.000 a < 1 / 1.000), molto raro (<1 / 10.000), non nota (non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Patologie del sistema sanguigno e linfatico

Non comune: linfoadenopatia

Disturbi del sistema nervoso

Molto comune: mal di testa

Disturbi muscoloscheletrici e del tessuto connettivo

Molto comune: artralgia; mialgia

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Molto comune: dolore al sito di iniezione; fatica; brividi; piressia

Comune: arrossamento al sito di iniezione; gonfiore al sito di iniezione

Non comune: malessere

Disordini gastrointestinali

Nausea comune

Previste enormi quantità di vittime?

L’Independent ha annunciato  questa settimana che il governo del Regno Unito ha concesso alla Pfizer un’indennità legale proteggendola dall’essere citata in giudizio per lesioni o decessi dovuti al vaccino COVID sperimentale.

Il governo del Regno Unito   ha concesso al gigante farmaceutico  Pfizer un’indennità legale per proteggerlo dall’essere citato in giudizio, consentendo al suo vaccino contro il coronavirus   di essere lanciato in tutto il paese già la prossima settimana.

Il  Dipartimento di Salute e Assistenza Sociale  ha confermato che l’azienda ha ricevuto un’indennità proteggendola da azioni legali a seguito di eventuali problemi con il vaccino.

I ministri hanno anche cambiato la legge nelle ultime settimane per dare nuove tutele ad aziende come Pfizer, dando loro l’immunità dal rischio di essere citati in giudizio dai pazienti in caso di complicazioni.

Anche il personale dell’NHS che fornisce il vaccino, così come i produttori del farmaco, sono protetti.

Mercoledì in una conferenza stampa con i giornalisti, Ben Osborn, amministratore delegato di Pfizer nel Regno Unito, si è rifiutato di spiegare perché la società avesse bisogno di un’indennità.

Ha detto: “In realtà non stiamo rivelando nessuno dei dettagli su nessuno degli aspetti di tale accordo e in particolare sulle clausole di responsabilità”. ( Fonte .)

A ottobre, l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari ( MHRA ) del governo britannico ha pubblicato una  richiesta di offerta  affermando che “Per motivi di estrema urgenza”, cercano “uno strumento software di intelligenza artificiale (AI) per elaborare il volume elevato previsto di reazione avversa al farmaco da vaccino (ADR). “

La richiesta prosegue spiegando che:

“Non è possibile aggiornare i sistemi legacy dell’MHRA per gestire il volume di ADR che sarà generato da un vaccino Covid-19”, e questo “rappresenta una minaccia diretta per la vita dei pazienti e la salute pubblica”.

Il tempo stringe!

L’unica cosa che ora può fermare il possibile genocidio della maggioranza del pubblico nelle aree in cui questo vaccino sperimentale è stato lanciato è la massiccia resistenza pubblica.

Le autorità del Regno Unito probabilmente se lo aspettano, soprattutto viste le recenti proteste contro i blocchi, quindi sono pronte a schierare i militari, proprio come sta facendo anche il presidente Trump negli Stati Uniti.

L’Unità per la guerra dell’informazione dell’esercito britannico è stata schierata per occuparsi della “propaganda anti-vaccino” che si appresta a introdurre il vaccino, riferisce il Daily Mail. L’unità è stata lanciata nel 2010 e fa parte della 77a Brigata dell’Esercito, che “lavora spesso con operazioni psicologiche”.

In effetti, “i venditori stanno già monitorando il cyberspazio per i contenuti Covid-19”, rivela il rapporto. La mossa arriva come risposta a un numero crescente di proteste sia anti-blocco che anti-vaccino. Alla fine della scorsa settimana, ad esempio, più di 155 manifestanti anti-lockdown si sono organizzati nel centro di Londra, marciando per Westminster e cantando “vergogna su di te” e “libertà”.

Altri sventolavano cartelli con la scritta “Tutto quello che voglio per Natale è la mia libertà”, “Abbandona le maschere” e “Smettila di controllarci”. Il paese sta implementando multe e restrizioni simili per le imprese come il governo degli Stati Uniti. Allo stesso modo, le aziende stanno iniziando a prendere in mano la situazione e sfidare gli ordini di blocco. ( Fonte .)

Diffondi queste informazioni in lungo e in largo finché puoi.

Di Brian Shilhavy
Editore, Health Impact News

 



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.