CoronavirusSalute

UK, L’80% dei decessi per Covid-19 ad agosto riguarda i vaccinati secondo i dati ufficiali

Sono state rilasciate ulteriori prove che dimostrano che il programma di vaccinazione contro il Covid-19 è un enorme fallimento, il che conferma che per tutto agosto l’80% delle persone che sarebbero morte di Covid-19 erano state vaccinate contro la malattia.

Viviamo in tempi strani e se credi che il programma di vaccinazione contro il Covid-19 stia funzionando perché le autorità in televisione ti dicono che lo fa, allora devi sicuramente trovare estremamente strano che il Regno Unito sia nel mezzo di una terzo ondata in piena estate. Soprattutto se si considera che nell’estate 2020 i decessi per Covid-19 sono stati azzerati anche se non era disponibile un’iniezione di Covid-19.

Ma la stranezza non finisce qui, basta dare un’occhiata all’ultimo Covid-19 Statistical Report pubblicato da Public Health Scotland (PHS) l’8 settembre 2021.

Il rapporto fornisce una serie di dati su test, quarantena, vaccinazioni, casi, ricoveri e decessi, ma non diventa molto interessante finché non si legge la Tabella 15 che copre il numero di casi positivi al Covid-19 per settimana e lo stato di vaccinazione.

Interessante perché mostra che la maggior parte dei casi confermati è ora tra la popolazione vaccinata. Nella settimana più recente, dal 28 agosto al 3 settembre 2021, il rapporto mostra che ci sono stati 20.744 casi confermati tra la popolazione non vaccinata, che hanno maggiori probabilità di essere testati per il semplice motivo che non sono stati vaccinati.

Ma mostra anche che c’erano 5.508 casi confermati tra la popolazione parzialmente vaccinata e 16.810 casi tra la popolazione completamente vaccinata, due popolazioni che hanno meno probabilità di essere testate perché vaccinate.

Ciò significa che tra il 28 agosto e il 3 settembre ci sono stati 22.318 casi tra la popolazione vaccinata, quasi 2.000 in più rispetto alla popolazione non vaccinata.

Lo stesso si può dire anche per la settimana dal 21 agosto al 27 agosto che ha visto 15.647 casi tra la popolazione non vaccinata e 22.234 casi tra la popolazione vaccinata, e lo stesso si può dire anche per le due settimane precedenti.

I dati mostrano infatti che tra il 7 agosto 2021 e il 3 settembre 2021 ci sono stati 47.580 casi tra la popolazione non vaccinata, 21.020 casi tra la popolazione parzialmente vaccinata e 41.748 casi tra la popolazione completamente vaccinata. Ciò significa che c’erano 15.188 casi in più tra la popolazione vaccinata.

Quindi, ora che abbiamo chiarito che le iniezioni sperimentali di Covid-19 chiaramente non prevengono l’infezione o la diffusione del Covid-19, scopriamo se prevengono i ricoveri come sostengono le autorità.

Secondo la tabella 16 del rapporto tra il 28 agosto 2021 e il 3 settembre 2021 si sono verificati 36 ricoveri ospedalieri correlati al Covid-19 tra la popolazione over 60 non vaccinata, mentre sono stati 7 i ricoveri per la popolazione parzialmente vaccinata.

Tuttavia, ci sono stati ben 299 ricoveri tra la popolazione over 60 completamente vaccinata e lo stesso schema può essere visto per le settimane precedenti fino al 7 agosto 2021.

In tutto per la settimana dal 28 agosto al 3 settembre 2021 ci sono stati 271 ricoveri tra l’intera popolazione non vaccinata ma 423 ricoveri tra la popolazione completamente vaccinata. Se basiamo questi ricoveri avvenuti dopo i casi confermati delle settimane precedenti, possiamo calcolare il tasso di ospedalizzazione dei casi.

Nella settimana che inizia il 21 agosto ci sono stati 15.047 casi confermati tra la popolazione non vaccinata. Pertanto, sulla base dei dati sui ricoveri non vaccinati di 271 nella settimana che inizia il 28 agosto, il tasso di ospedalizzazione dei casi è dell’1,7%. Tuttavia, quando eseguiamo lo stesso calcolo per i ricoveri della popolazione completamente vaccinata (423) e per i casi (14.519), possiamo vedere che il tasso di ricoveri dei casi è del 2,9%.

Pertanto, ciò dimostra che le iniezioni di Covid-19 stanno aumentando il rischio di ricovero in caso di esposizione a Covid-19 del 70% anziché ridurre il rischio del 95% dichiarato dai produttori di vaccini e dalle autorità.

Quindi ora che abbiamo chiarito che le iniezioni di Covid-19 aumentano il rischio di ospedalizzazione anziché ridurlo, scopriamo se prevengono i decessi come sostengono le autorità.

La tabella 17 del rapporto Public Health Scotland mostra il numero di decessi avvenuti a causa dello stato di vaccinazione. Tuttavia, i PHS sono stati molto intelligenti nel presentare il numero di morti. Perché invece di presentarli settimana per settimana come hanno fatto con il numero di casi e ricoveri, hanno invece incluso i decessi fino al 29 dicembre.

Ciò significa che stanno includendo i decessi all’apice della presunta seconda ondata di Covid-19 in cui solo il 9% della popolazione aveva ricevuto una singola dose e solo lo 0,1% dell’intera popolazione era completamente vaccinato d. Pertanto, i PHS sono subdolamente in grado di dare l’impressione che la maggior parte dei decessi per Covid-19 si verifichi tra la popolazione non vaccinata.

La tabella sopra è tratta dal rapporto pubblicato da Public Heal th Scotland il 18 agosto 2021 e mostra i decessi dovuti a Covid-19 per stato di vaccinazione tra il 29 dicembre 2020 e il 5 agosto 2021. Come puoi vedere chiunque legga il rapporto avrebbe l’impressione che i vaccini stiano facendo un ottimo lavoro nel prevenire la morte a causa di Covid-19.

Ma avanti velocemente al rapporto più recente e troverai nella Tabella 17 che ci sono stati 3.102 decessi tra la popolazione non vaccinata, 279 decessi tra la popolazione parzialmente vaccinata e 298 decessi tra la popolazione completamente vaccinata tra il 29 dicembre e il 26 agosto 2021 .

Pertanto, il numero reale di decessi per stato vaccinale tra il 5 agosto 2021 e il 26 agosto 2021 è il seguente:

  • Popolazione non vaccinata – 25 morti
  • Popolazione parzialmente vaccinata – 6 decessi
  • Popolazione completamente vaccinata – 92 decessi

Ciò significa che la popolazione non vaccinata ha rappresentato solo il 20% dei presunti decessi per Covid-19 durante tutto il mese di agosto, mentre i completamente vaccinati ne hanno rappresentato il 75%. Ma accoppia le morti parzialmente vaccinate con le morti completamente vaccinate e puoi vedere che per tutto agosto l’80% dei decessi si è verificato tra la popolazione vaccinata.

Tuttavia, questo rende difficile calcolare il tasso di mortalità, quindi per farlo dobbiamo guardare a quanti decessi si sono verificati nel rapporto delle settimane precedenti . Fino al 19 agosto si erano registrati 3.096 decessi tra i non vaccinati, 277 tra i parzialmente vaccinati e 264 tra i completamente vaccinati.

Pertanto, il numero reale di decessi per stato vaccinale tra il 19 agosto 2021 e il 26 agosto 2021 è il seguente:

  • Popolazione non vaccinata – 6 decessi
  • Popolazione parzialmente vaccinata – 2 decessi
  • Popolazione completamente vaccinata – 34 decessi

Se basiamo queste morti sul verificarsi di due settimane dopo il numero di casi confermati, possiamo calcolare il tasso di mortalità.

Nella settimana a partire dal 7 agosto ci sono stati 3.788 casi confermati tra la popolazione completamente vaccinata. Pertanto, sulla base dei dati sui decessi non vaccinati di 6 nella settimana che inizia il 19 agosto, il tasso di mortalità è dello 0,15%. Tuttavia, quando eseguiamo lo stesso calcolo per i ricoveri della popolazione completamente vaccinata (34) e per i casi (3.490), possiamo vedere che il tasso di ricoveri per casi è dell’1%.

Pertanto, ciò dimostra che le iniezioni di Covid-19 stanno aumentando il rischio di morte se esposti a Covid-19 di un enorme 566% piuttosto che ridurre il rischio del 95% dichiarato dai produttori di vaccini e dalle autorità.

Ciò che è ancora più preoccupante è che il numero di casi confermati tra la popolazione completamente vaccinata è aumentato significativamente nella settimana più recente rispetto alle quattro settimane precedenti. Pertanto il numero di ricoveri e decessi che potrebbero verificarsi nelle prossime settimane potrebbe essere sufficiente alle autorità per giustificare un altro lockdown.

I dati mostrano chiaramente che i sieri non prevengono l’infezione o la trasmissione e mostrano chiaramente che stanno aumentando il rischio di ospedalizzazione e morte piuttosto che ridurre il rischio.

FONTE

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

5 1 vote
Article Rating
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Armando

Il report si riferisce alla Scozia che ha una popolazione di circa 6 ml. contro Regno Unito+Galles+Irlanda del Nord di 61 ml. con una situazione di distribuzione della popolazione completamente diversa.
Non mi pare serio nel titolo dire UK.

utente

Non va bene confrontare i numeri assoluti. Ad esempio la seguente frase

“I dati mostrano infatti che tra il 7 agosto 2021 e il 3 settembre 2021 ci sono stati 47.580 casi tra la popolazione non vaccinata, 21.020 casi tra la popolazione parzialmente vaccinata e 41.748 casi tra la popolazione completamente vaccinata. Ciò significa che c’erano 15.188 casi in più tra la popolazione vaccinata.”

non ha alcuna rilevanza dal punto di vista statistico. Dovete confrontare sulla popolazione e guardare le percentuali.

È ovvio che ci siano più morti nei vaccinati in senso assoluto poiché ci sono più vaccinati che non vaccinati, ma in senso relativo (percentuale) ce ne sono di meno. Ad es. quelli completamente vaccinati tra il 27 agosto e il 3 settembre sono 3.528.050 mentre i non vaccinati sono 1.005.572, ossia 3.528.050/1.005.572~=3.5 volte di più dei non vaccinati, ma il numero dei casi nei vaccinati è 16.810/20.744~=0.8 quello dei non vaccinati. Ossia nonostante quelli completamente vaccinati siano 3.5 volte quelli non vaccinati, i casi totali sono solo 0.8 volte. Il vaccino funziona (io non sono vaccinato e non intendo vaccinarmi; tuttavia guardo i dati).

Inoltre, dov’è che prendete 15.047 e 271 in

“Nella settimana che inizia il 21 agosto ci sono stati 15.047 casi confermati tra la popolazione non vaccinata. Pertanto, sulla base dei dati sui ricoveri non vaccinati di 271 nella settimana che inizia il 28 agosto, il tasso di ospedalizzazione dei casi è dell’1,7%. Tuttavia, quando eseguiamo lo stesso calcolo per i ricoveri della popolazione completamente vaccinata (423) e per i casi (14.519), possiamo vedere che il tasso di ricoveri dei casi è del 2,9%.”

Penso che il 15.047 si riferisca al 15.647, tuttavia non capisco da quale calcolo salti fuori il 271.

Vogliate cortesemente aggiornare l’articolo per chiarire meglio i calcoli e correggere gli errori di calcolo poiché sono molto interessato a comprendere se quanto dite è veramente supportato dai numeri. Cordiali saluti.

Last edited 2 mesi fa by utente
Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito.

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!