Home Eventi Avversi V.C. UK, L’OMS raccomanda il nuovo vaccino contro la poliomielite finanziato da Gates...

UK, L’OMS raccomanda il nuovo vaccino contro la poliomielite finanziato da Gates per affrontare l’epidemia di poliomielite di derivazione vaccinale

17
0

Funzionari sanitari nel Regno Unito questo mese  hanno identificato la prima epidemia di poliomielite nel paese  in 40 anni e ritengono che l’epidemia sia stata causata da un ceppo di poliomielite trovato nel vaccino antipolio orale.

Funzionari sanitari in Gran Bretagna  hanno avvertito i genitori  il 22 giugno di assicurarsi che i loro figli siano stati vaccinati contro la poliomielite dopo che più  versioni strettamente correlate del virus  che causa la malattia sono state trovate nelle acque reflue presso il London Beckton Sewage Treatment Works, il più grande impianto di trattamento delle acque del UK

“Il Global Polio Laboratory Network ha “confermato l’isolamento” del poliovirus di tipo 2 derivato dal vaccino (VDPV2) da campioni ambientali a Londra, Regno Unito, che sono stati rilevati come parte della sorveglianza in corso della malattia”,  afferma l’ Organizzazione Mondiale della Sanità  (OMS) sul suo sito web.

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha affermato di ritenere che il virus fosse “derivato da un vaccino”, il che significa che proveniva da qualcuno che ha ricevuto il vaccino vivo contro la poliomielite. Quella persona ha poi trasmesso il virus a persone a Londra, che hanno versato il virus nelle loro feci.

Le sequenze genetiche dei virus suggeriscono che “c’è stata una certa diffusione tra individui strettamente collegati nel nord e nell’est di Londra”,  ha affermato l’UKHSA .

Il virus è stato isolato da campioni ambientali raccolti tra febbraio e maggio e non sono stati rilevati casi correlati di paralisi, ha  affermato l’OMS . “Sono in corso di analisi ulteriori campioni di liquami raccolti a monte dall’ingresso del principale impianto di trattamento delle acque reflue”.

Leggi anche: Il vaccino orale dell’OMS scatena una nuova epidemia di poliomielite in Africa

Le persone vaccinate con il vaccino contro la poliomielite orale (OPV) perdono tracce del virus nelle feci, che alla fine finiscono nelle acque reflue,  secondo NPR . Gli scienziati ritengono che una persona abbia portato il virus a Londra e poi lo abbia diffuso ad altri che non erano vaccinati.

“Stiamo indagando con urgenza per comprendere meglio l’entità di questa trasmissione”, ha affermato nella dichiarazione Vanessa Saliba, un’epidemiologa che si consulta per l’UKHSA.

Si ritiene che il rischio per il pubblico in generale sia “estremamente basso”, ma l’agenzia incoraggia chiunque non sia completamente vaccinato a ricevere un vaccino contro la poliomielite.

L’OMS approva il vaccino antipolio orale di Gates per l’uso di emergenza

L’OMS il 13 novembre 2020 ha concesso l’  Emergency Use Listing  (EUL) a un nuovo vaccino antipolio orale chiamato nOPV2, progettato per trattare il tipo di epidemia di poliomielite che si verifica nel Regno Unito

Sulla base della  revisione dell’OMS dei dati  e delle ricerche disponibili su nOPV2, lo Strategic Advisory Group of Experts on Immunization (SAGE) ha raccomandato che il nOPV2 di Gates diventi il ​​”vaccino d’elezione” per rispondere alle epidemie di poliomielite di tipo 2 causate da OPV.

La Bill & Melinda Gates Foundation ha fornito il 100% dei finanziamenti per lo  sviluppo e le sperimentazioni cliniche  del vaccino.

La Global Polio Eradication Initiative (GPEI)  afferma sul suo sito web :

“La Bill & Melinda Gates Foundation ha finanziato tutto lo sviluppo e le sperimentazioni cliniche di nOPV2 fino ad oggi, lavorando a stretto contatto con i partner GPEI durante tutto il processo per garantire che le risorse vadano verso uno strumento che potrebbe rivelarsi fondamentale per aiutare a porre fine a tutte le forme di polio.

“Sulla base dei dati promettenti degli studi clinici e dell’emergenza sanitaria che costituisce il cVDPV2 [poliovirus di tipo 2 derivato dal vaccino], la Fondazione finanzia la produzione a rischio di 160 milioni di dosi di nOPV2 per garantire che possa essere distribuito immediatamente dopo l’emissione della raccomandazione per l’uso dell’Emergency Use Listing (EUL) dell’OMS.

“L’elenco degli usi di emergenza, o EUL, è il primo del suo genere per un vaccino” progettato per “aprire la strada a un potenziale elenco di  vaccini COVID-19  “, ha affermato l’OMS  sul suo sito web .

Il 31 dicembre 2020, l’OMS  ha pubblicato il suo primo elenco EUL  per un vaccino COVID-19. Secondo l’OMS, l’agenzia ha concesso l’elenco del vaccino Pfizer  Comirnaty  .

L’EUL è un percorso normativo che consente all’OMS – il cui  secondo donatore finanziario  è la Gates Foundation – di  distribuire un prodotto senza licenza  per un'”emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale”, che l’organizzazione afferma che la poliomielite sia stata dal 2014.

L’EUL consente  di rendere disponibili più rapidamente vaccini e medicinali  per affrontare le emergenze sanitarie, senza dati di fase 3 a lungo termine, ed è lo  stesso meccanismo  utilizzato per la distribuzione dei vaccini Zika, Ebola e  COVID-19 .

Leggi anche: OMS APPROVA E CONSIGLIA NUOVO VACCINO CONTRO MALARIA DI BILL GATES – MA FUNZIONA O È ALMENO SICURO? I risultati della sperimentazione

Secondo l’OMS, in “casi molto rari”, la  somministrazione di OPV  provoca poliomielite paralitica associata al vaccino associata a un “ritorno dei ceppi vaccinali al profilo più neurovirulento del poliovirus selvaggio”.

Oltre a causare la poliomielite paralitica associata al vaccino, i ceppi vaccinali  hanno la capacità  di causare malattie del sistema nervoso e di trasmettersi da persona a persona con conseguente poliomielite infettiva.

Sulla base della  revisione dell’OMS dei dati  e delle ricerche disponibili su nOPV2, lo Strategic Advisory Group of Experts on Immunization (SAGE) ha raccomandato che il nOPV2 di Gates diventi il ​​”vaccino d’elezione” per rispondere alle epidemie di poliomielite di tipo 2 causate da OPV.

Secondo la Global Polio Eradication Initiative (GPEI), il nOPV2  è stato sviluppato per affrontare  i focolai di poliovirus di tipo 2 derivati ​​dal vaccino, che “possono emergere quando il ceppo indebolito del virus del vaccino circola in popolazioni sotto immunizzate e, con il tempo, può geneticamente tornare in una forma che causa la paralisi.

In altre parole, le popolazioni “sotto immunizzate” – non l’OPV – sono responsabili dei ceppi di poliomielite correlati al vaccino.

In un’e-mail a  The Defender , il Dr.  Brian Hooker , Ph.D., PE,  Chief Scientific Officer di Children’s Health Defense  e professore di biologia alla Simpson University, ha dichiarato:

“Ancora una volta,  Big Pharma , alimentata dalla Gates Foundation, ha creato un enorme problema che solo loro possono risolvere. L’introduzione del nuovo OPV nel Regno Unito ha prevedibilmente portato al virus della polio nelle acque reflue (ovvero, dove si propaga il poliovirus) e ora “l’unica soluzione” è iniettare ai cittadini britannici nPOV2 per prevenire la diffusione della polio indotta da OPV. Se questa non è una truffa, non so cosa lo sia!”

Il 17 giugno la Medicines and Regulatory Health Products Agency (MHRA) del Regno Unito ha  dichiarato in un tweet : “Un nuovo entusiasmante studio globale, coautore del nostro scienziato capo Javier Martin, mostra che il nuovo vaccino contro la poliomielite nOPV2 è uno strumento efficace per ridurre il rischio di virus della poliomielite derivati ​​da vaccini.“

Il tweet è  collegato a uno studio  pubblicato dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) che sostiene l’uso del vaccino nOPV2 di Gates.

Tra il lancio di nOPV2 nel marzo 2021 e la fine di maggio 2022, sono state somministrate oltre  350 milioni di dosi  in 18 paesi.

Il GPEI ha confermato che, al 30 maggio, altri 16 paesi sono “pronti a utilizzare nOPV2” e altri 17 sono nel mezzo dei preparativi.

OMS, GPEI e altre organizzazioni che promuovono il vaccino finanziato da Gates

Secondo l’  UNICEF , il GPEI è un partenariato pubblico-privato guidato da governi nazionali con sei partner principali: Rotary International, OMS, CDC, UNICEF, Gates Foundation e Gavi, Vaccine Alliance.

La Fondazione Gates, oltre a finanziare il vaccino nPOV2, GPEI e l’OMS, finanzia anche  Rotary International ,  UNICEF ,  Gavi  e la  Fondazione CDC .

L’entità responsabile del monitoraggio  degli eventi avversi del vaccino a  seguito della somministrazione di nPOV2 è il Comitato consultivo globale dell’OMS sulla sicurezza dei vaccini (GACVS).

“Il sottocomitato GACVS sulla sicurezza nOPV2 fornirà consulenza all’OMS e ai suoi Stati membri sugli esiti di sicurezza a seguito dell’uso del nuovo vaccino orale contro il poliovirus di tipo 2 inizialmente pre-autorizzato, durante il periodo EUL, prima della disponibilità dei risultati della sperimentazione clinica di Fase III, ”  secondo GPEI .

In sostanza, la Gates Foundation ha  finanziato  la creazione, lo sviluppo e le sperimentazioni cliniche per il nuovo vaccino antipolio nPOV2,  finanzia le organizzazioni  che hanno somministrato milioni di dosi da somministrare  sotto EUL  senza dati a lungo termine,  finanzia le organizzazioni che ne  implementano il lancio e sorveglianza e finanzia l’entità che  monitora gli eventi avversi  associati all’uso di nPOV2.

La Gates Foundation è anche  finanziatrice di NPR e del blog di NPR , che hanno pubblicato numerosi articoli su VDPV2 e hanno aperto la strada al vaccino nPOV2 di Gates come soluzione.

Vaccini contro la poliomielite orale contro la poliomielite inattivata

Secondo l’  OMS , l’OPV originale utilizza una miscela di “ceppi di poliovirus vivi attenuati di ciascuno dei tre sierotipi”, selezionati per la loro capacità di imitare la risposta del sistema immunitario in seguito all’infezione da poliovirus selvatici, ma con una ridotta possibilità di diffusione al sistema nervoso centrale.

Per ottenere la risposta immunitaria desiderata, sono necessarie tre o più dosi di OPV distanziate in un periodo di tempo.

Gli Stati Uniti e alcuni paesi occidentali utilizzano un vaccino antipolio inattivato (ucciso) (IPV) sviluppato dal dottor Jonas Salk e utilizzato per la prima volta nel 1955.

Gli scienziati  affermano che  il virus inattivato non presenta alcun rischio di diffusione, sebbene il sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino mostri due  casi segnalati  di poliomielite segnalati a seguito della vaccinazione con IPV.

Gli Stati Uniti  hanno smesso di usare OPV  nel 2000 perché causava la poliomielite paralitica.

Secondo NPR, paesi in Africa, Medio Oriente e parti dell’Asia stanno registrando un  aumento dei casi  di poliomielite da vaccino. Questi paesi utilizzano principalmente l’OPV sviluppato da Albert Sabin e utilizzato per la prima volta nel 1961.

Il vaccino nOPV2 di Gates è una versione modificata del vaccino OPV esistente di Sabin.

“La diffusione del virus della poliomielite derivato dal vaccino dal vaccino OPV in più paesi dell’Africa e dell’Asia ha provocato 1.612 casi di poliomielite paralitica dal 2017 al 2020”,  ha  detto a The Defender la dott.ssa Liz Mumper, pediatra ed ex direttrice medica dell’Autism Research Institute .

“Dato che questi campioni di virus della poliomielite si trovano nelle acque reflue di un paese sviluppato, coloro che hanno accesso all’acqua pulita non dovrebbero essere a rischio”, ha affermato Mumper. “Tuttavia, i media lanciano allarmi. Questa è una battuta d’arresto per la Global Polio Eradication Initiative”.

Secondo il CDC,  negli Stati Uniti sono stati segnalati tre casi di poliomielite paralitica  causata dal vaccino OPV da quando il vaccino è stato interrotto nel 2000.

Il Vaccine Adverse Event Reporting System del CDC, o VAERS, mostra  66 segnalazioni  di poliomielite in seguito alla somministrazione dell’OPV.

VAERS mostra anche 14  casi segnalati  di poliomielite dopo la vaccinazione con IPV. Storicamente, è stato dimostrato che VAERS riporta solo l’  1% degli effettivi eventi avversi del vaccino .

Clicca Qui
Previous articlePerché lo iodio è così essenziale
Next articlePILLOLE DI SCIENZA A OROLOGERIA: Secondo il NEJM Il riscaldamento globale provoca aborti, e problemi cardiaci infantili. Chi finanzia lo studio? Bill Gates ovviamente