CoronavirusEventi Avversi V.C.

UK, SECONDO IL PUBLIC HEALTH ENGLAND I VACCINATI RAPPRESENTANO IL 58% DEI MORTI COVID-19

L’ultimo rapporto di Public Health England su infezioni, ricoveri e decessi da Covid-19 mostra che le iniezioni di Covid-19 non funzionano e molto probabilmente peggiorano la situazione del ricevente se esposto al presunto virus Covid-19, infatti la popolazione completamente vaccinata rappresenta il 21% di tutte le infezioni e addirittura il 58% di tutti i decessi per Covid-19.

PHE rilascia un briefing tecnico sulle varianti Covid-19 di ogni due settimane e il 21° aggiornamento rilasciato il 20 agosto 2021 fornisce ulteriori prove; proprio come i rapporti precedenti, i vaccini Covid-19 stanno di fatto aumentando il rischio di ospedalizzazione e morte, piuttosto che ridurlo del 95% dichiarato dai produttori di vaccini.

Secondo il rapporto dal 1 febbraio 2021 e dal 15 agosto 2021 ci sono stati 183.133 casi confermati tra la popolazione non vaccinata, un aumento di 32.079 rispetto all’ultimo conteggio effettuato nel rapporto precedente dove il dato confermato era di 151.054 fino al 2 agosto 2021 .

Ci sono stati anche 26.194 casi confermati tra le persone che avevano ricevuto una singola dose di un vaccino contro il Covid-19, 21 giorni prima del loro test positivo, un aumento di 2.176 rispetto all’ultimo conteggio effettuato nel precedente rapporto in cui la cifra confermata era di 24.018 in aumento. al 2 agosto 2021.

I casi confermati tra le persone che avevano ricevuto una singola dose di un vaccino contro il Covid-19 più di 21 giorni prima del test positivo ammontano a 62.763 fino al 15 agosto 2021. Si tratta di un aumento di 17.674 rispetto al rapporto precedente in cui la cifra confermata era di 46.089 fino al 2 agosto 2021.

Infine, l’ultimo rapporto rivela che ci sono stati 73.372 casi confermati della variante Delta Covid-19 tra la popolazione completamente vaccinata, un aumento di 26.364 sull’ultimo conteggio effettuato nel precedente rapporto dove la cifra confermata era di 47.008 fino al 2 agosto. 2021.

Ciò significa che i vaccinati completamente rappresentano il 21% di tutte le infezioni, i vaccinati in parte più di 21 giorni prima di un test positivo rappresentano il 18% di tutte le infezioni, i vaccinati in parte meno di 21 giorni prima di un test positivo rappresentano il 7,5% di tutte le infezioni e i non vaccinati rappresentano il 52,8% di tutte le infezioni.

Questa è una chiara prova che i vaccini Covid-19 non prevengono l’infezione o la trasmissione, poiché i vaccinati completamente risultano positivi. Ciò è stato confermato anche dal fatto che gli studi clinici (che devono ancora concludersi) non hanno misurato se le iniezioni hanno prevenuto l’infezione o la trasmissione, ma hanno solo misurato se il rischio di ospedalizzazione e morte è stato ridotto.

È stato recentemente confermato anche dalla stessa SAGE in un rapporto per il governo del Regno Unito pubblicato il 26 luglio 2021, intitolato ” Evoluzione a lungo termine di SARS-CoV-2 “, in cui si affermava che i vaccini non prevengono completamente l’infezione nella maggior parte degli individui, e che la ricerca dovrebbe essere focalizzata sui vaccini che riducono l’infezione e la trasmissione.

SAGE ha tuttavia affermato di ritenere che gli attuali vaccini siano eccellenti per ridurre il rischio di ricoveri ospedalieri e malattie, e quindi di morte. Il che è strano considerando che i dati presentati nel 21° rapporto di PHE mostrano esattamente il contrario.

Secondo il rapporto dal 1° febbraio 2021 al 15 agosto 2021 ci sono stati 390 decessi tra la popolazione non vaccinata, un aumento di 137 rispetto all’ultimo conteggio effettuato nel precedente rapporto dove il dato confermato era di 253 fino al 2 agosto 2021. Ciò equivale allo 0,2% di tutte le infezioni confermate tra la popolazione non vaccinata, in linea con il tasso di mortalità medio osservato dall’inizio della presunta pandemia di Covid-19.

Tuttavia, fino al 15 agosto 2021 la popolazione completamente vaccinata ha subito un totale di 679 decessi. Questo in un aumento di 277 rispetto al rapporto precedente in cui la cifra confermata era 402. Equivale anche allo 0,9% di tutte le infezioni confermate tra la popolazione completamente vaccinata. Ciò suggerisce che il vaccino contro il Covid-19 aumenta effettivamente il rischio di morte di almeno il 338% anziché ridurre il rischio di morte del 95%.

Ci sono stati anche 90 decessi tra coloro che sono stati vaccinati più di 21 giorni prima del test positivo e 14 decessi tra coloro che sono stati vaccinati meno di 21 giorni prima del test positivo. Ciò significa che coloro che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino contro il Covid-19 rappresentano il 66% di tutti i decessi, mentre i vaccinati rappresentano il 58% di tutti i decessi.

Purtroppo per chi è stato vaccinato aumenta anche il rischio di morire se capita di essere ricoverato con Covid-19.

Secondo il rapporto dal 1 febbraio 2021 al 15 agosto 2021 ci sono stati 4.033 ricoveri tra la popolazione non vaccinata che includono casi positivi in ​​cui è stato prelevato un campione al momento del ricovero, confermando successivamente il risultato del test positivo per Covid-19. Si tratta di un aumento di 1.073 rispetto all’ultimo conteggio effettuato nel precedente rapporto in cui la cifra confermata era di 2.960 fino al 2 agosto 2021.

Dei 390 decessi tra i non vaccinati, questo mostra che il 6% della popolazione non vaccinata è morto dopo essere stato ricoverato in ospedale con Covid-19.

Leggi anche: UK, UNA CATASTROFE DI REAZIONI AVVERSE AI VACCINI COVID-19

Tuttavia, il rapporto mostra che fino al 15 agosto 2021 ci sono stati 2.204 ricoveri tra la popolazione completamente vaccinata che includono casi positivi in ​​cui è stato prelevato un campione al momento del ricovero, confermando in seguito il risultato del test positivo per Covid-19. Si tratta di un aumento di 849 rispetto all’ultimo conteggio effettuato nel precedente rapporto in cui la cifra confermata era di 1.355 fino al 2 agosto.

Dai 679 decessi tra la popolazione completamente vaccinata, ciò mostra che il 30% della popolazione completamente vaccinata è morto dopo essere stato ricoverato in ospedale con Covid-19.

Tuttavia, prendendo i dati sui ricoveri che escludono i casi confermati in cui il campione è stato prelevato dopo il ricovero in ospedale, il tasso di morte per i completamente vaccinati è ancora peggiore.

Secondo il rapporto dal 1 febbraio 2021 al 15 agosto 2021 sono stati 2.270 i ricoveri tra la popolazione non vaccinata che escludono casi positivi in ​​cui è stato prelevato un campione al momento del ricovero, confermando successivamente il risultato del test positivo per Covid-19. Si tratta di un aumento di 532 rispetto all’ultimo conteggio effettuato nel precedente rapporto in cui la cifra confermata era di 1.738 fino al 2 agosto 2021.

Dei 390 decessi tra i non vaccinati, questo mostra che il 17% della popolazione non vaccinata è morto dopo essere stato ricoverato in ospedale con Covid-19.

Mentre il numero di persone completamente vaccinate ricoverate fino al 15 agosto è di 1.236, in aumento rispetto al precedente rapporto. Dai 679 decessi tra i vaccinati completi, questo mostra che il 55% dei vaccinati completi è morto dopo essere stato ricoverato in ospedale con Covid-19.

Le autorità della sanità pubblica, il governo e i consulenti scientifici con interessi acquisiti nell’industria farmaceutica cercheranno ovviamente di uscire da questa situazione sostenendo che le cifre dovrebbero essere calcolate in termini di popolazione nel suo insieme. Sarebbe un ottimo metodo se si dimostrasse che le iniezioni di Covid-19 prevengono l’infezione e la trasmissione e se tutti nel Regno Unito fossero nati con il Covid-19.

Ma nessuna delle due è vera, e quindi i dati dovrebbero essere analizzati rispetto al numero di casi confermati di Covid-19 in ciascuna popolazione, e questo ultimo rapporto di PHE mostra che il rischio di ospedalizzazione e morte aumenta nella popolazione completamente vaccinata.

Questa deveLA CATASTROFE ALLE PORTE. STUDIO SUL THE JOURNAL OF INFECTION: RISCHIO ALTO DI ADE PER I VACCINATI semplicemente non funzionano, perché altrimenti il ​​tasso di morte tra i completamente vaccinati sarebbe in linea con la popolazione non vaccinata, ma in realtà è più alto del 338%.

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!