Database Italia

UMANI: FATE SCHIFO!

Ce lo dicono in tutti i modi e la gente ci crede.

Nuovo record! Un nuovo record per l’S&P 500. Il vapore dentro la bolla è caldo di soldi appena sfornati perché il meccanismo non è cambiato e non importa niente altro. Il meccanismo è sempre il solito e finché esso non cambia, quello che osserveremo sarà la stessa cosa, ma sempre più amplificata. Una bolla grande che diventa più grande ogni giorno. Quello che conta è solo la crescita dei mercati azionari per dare la sensazione mendace che una borsa ipertrofica sia sinonimo di salute economica. Niente altro ha rilevanza.

·         L’economia in caduta libera? Non importa.

·         La spesa pubblica pagata a deficit con nuovo debito astronomico? Non importa!

·         L’inflazione che distrugge i risparmi e affama la gente? Non importa!

·         Debito pubblico esplosivo? Non importa!

·         Disoccupazione a livelli di tragedia umana? Non importa!

·         Intere categorie tipo palestre, spettacoli e ristoranti azzerate? Bleah..chissenefrega!

Le banche centrali controllano il gioco. Le banche centrali monetizzano tutto il debito ed ecco perché i tassi d’interesse sono mantenuti artificialmente bassi. In circostanze normali, il tasso d’interesse dovrebbe misurare il rischio di un investimento, ma se la banca centrale, monopolista dell’emissione monetaria, crea soldi dal niente e con quei soldi ci compra tutto il debito, ciò vuol dire che non siamo in un libero mercato, ma in un oligopolio manipolato, dove il mercato di fatto non esiste più. Questa è una distorsione che prima o poi dovrà aggiustarsi e non sarà indolore.

Il tasso a 10 anni del titolo di stato americano e il dollaro sono i principali fautori del mercato. La banca centrale per poter creare soldi ha prima bisogno di comprare un buono del tesoro. Con questo meccanismo, la banca centrale colloca sul mercato il suo prodotto, ovvero il debito, e i cittadini si impegnano a ripagarlo, attraverso la ripartizione del debito. Il debito è quindi pubblico dei cittadini indebitati, mentre il credito è privato, ovvero della banca che percepisce l’interesse e comanda i debitori con arroganza.

Oltre alle borse americane, anche le cripto valute stanno decollando. Una linea verticale che non si ferma. Non sembra ci sia niente che possa arrestarne l’ascesa tipo razzo lanciato nello spazio. Bitcoin a 62000. Era a 3000 a marzo del 2020. Pazzesco!

Anche questa è inflazione. Vuol dire che occorrono più unità monetarie per comprare le stesse quote di un prodotto.  

Il banchiere centrale Patrik Harker

ci fa sapere: “non vi preoccupate dell’inflazione”. 

https://www.reuters.com/article/usa-fed-harker-inflation/feds-harker-says-he-does-not-anticipate-inflation-running-out-of-control-idUSN9N2GC02I

Secondo le sue dichiarazioni, la Federal Reserve ha tutti gli strumenti necessari per controllare l’inflazione.

Abbiamo visto benissimo quali sono stati gli strumenti fino ad ora: stampa di soldi con il turbo e distruzione dell’economia al dettaglio per impedire la circolazione della moneta con il contestuale trasferimento della stessa al ceto ultra ricco mediante la crescita dei mercati azionari e la confisca del risparmi sia con l’inflazione strisciante nascosta dentro i beni di prima necessità, quindi irrinunciabili e la politica di tassi a zero che non remunerano il risparmio, oltre alle scelleratezze sanitarie obbligatorie che costano al cittadino e portano profitti incalcolabili alll’oligopolio farmaceutico del settore del Pharma-Dollar. Vedi newsletter appositamente dedicata:

https://andreacecchi.substack.com/p/il-farma-dollaro

Quindi penso che non sia prudente credere alle parole di Patrik Harker. Secondo me è invece il caso di preoccuparsi. Stiamo navigando in acque inesplorate e bisogna tenere gli occhi sgranati. 

Guardando al passato si vede che da una grossa crisi monetaria debitoria si può uscire solo in tre modi:

1) Ripagando il debito, cosa che non è mai avvenuta.

 2) Diluendo il debito con inflazione che parte piano e si trasforma in iper inflazione nella fiammata finale.

3) Con una grande guerra. In genere la storia ci ha dimostrato che le opzioni che si sono verificate sono la 2 e poi la 3 come conseguenza della 2.  

Chi ha dei risparmi, inizi a preoccuparsi che prima o poi la bolla esploderà. Meglio convertire in beni reali e tangibili, scarsi per natura. Ognuno scelga ciò che preferisce. A me piacciono oro, argento, terreni con acqua, immobili in zone selezionate, materie prime. Molti investitori stanno comprando anche antiquariato, auto e moto d’epoca, opere d’arte, orologi e altri oggetti tangibili, di cui si può avere possesso e disponibilità. Cose che mantengono il valore. Molte persone sono totalmente affascinate anche dalle criptovalute.

Il destino dell’euro per ora è incerto. La Brexit ha dato un forte segnale. Il destino dell’euro va a braccetto con quello delle banche europee. Il reattore nucleare bollente dentro la massa critica chiamata euro è Deutsche Bank: la controparte predominante di tutti i contratti derivati nel mondo. Il rischio sistemico è ben rappresentato nell’illustrazione qui sotto.  Il mondo farà di tutto per tenere a galla Deutsche Bank. Tutte le misure economiche infatti, ed è facilmente osservabile, sono poste in essere per agevolare al massimo l’economia tedesca anche a discapito degli altri paesi membri dell’Unione Europea. In Italia stiamo assistendo ad un accelerazione “turbo boost” delle fusioni tra banche, per ridurre al minimo il numero dei soggetti coinvolti nei derivati otc e quindi poter intervenire con più tempestività e facilità qualora si verificassero altri episodi come i contratti derivati che hanno affossato MPS (e il povero Davide Rossi) nel 2011. Questa illustrazione spiega tutto! Guardare anche le linee non colorate per capire quanto sia pazzesco l’intreccio. Se salta una di quelle linee, esplode tutta la galassia, in un attimo!

Siamo sotto attacco da più fronti.

Oltre al fattore economico bisogna considerare anche quello demografico perché è a quello che stanno guardando i “pianificatori centrali” del progetto del Grande Reset.

Mia figlia sta studiando biologia marina e mi ha parlato di questo documentario che in questi giorni sta facendo molto discutere: il documentario Seaspiracy dove l’umanità viene messa sotto accusa per il consumo di pesce.

Il messaggio è chiaro, e ce lo ripetono continuamente sotto varie forme:

UMANI: FATE SCHIFO! LA VOSTRA ESISTENZA È ANTI ECOLOGICA E NOCIVA AL PIANETA TERRA!

LA VOSTRA VITA È INUTILE E DANNOSA PERCHÉ DISTRUGGE IL PIANETA TERRA.

Ho cancellato anche l’abbonamento al National Geographics per lo stesso motivo. Il messaggio era diventato sempre il solito: umanità=cancro della terra.

(Nessuno però di questi promotori dell’ecologia anti umana che abbia dato il buon esempio, magari avviandosi al Creatore per primo, che strano).

Ci accorgiamo quindi che anche il prolungato battage ecologista che ha come immagine iconica l’attivista svedese Greta Thunberg, sia stato un passaggio propedeutico all’Operazione Corona, (vedi libro che si può acquistare a questo link):

lanciata contestualmente al Grande Reset di Davos. Economia ed ecologia sono strumenti che suonano la stessa musica.  

Il progetto finale è stato suggerito nel 1998 dallo scrittore americano Tom Clancy nel libro Rainbow Six: “ un gruppo terroristico di matrice ecologista e proprietario di una multinazionale farmaceutica pianifica la morte della quasi totalità della popolazione terrestre attraverso lo sviluppo e la diffusione di un terribile virus, “Shiva”, derivato dall’ebola, che ha intenzione di spargere tra l’umanità intera per “ripulire” la Terra dal suo peggior virus, l’uomo. Inoltre, la ex-moglie del capo del gruppo terroristico, occupa il ruolo di sottosegretario all’ambiente nel governo degli Stati Uniti, ma in realtà è una infiltrata dell’organizzazione. Lo scenario previsto per diffondere il virus sono le Olimpiadi di Sidney, attraverso i dispositivi rinfrescanti che nebulizzano le goccioline d’acqua, e a questo scopo un’ azienda di sicurezza collegata al gruppo ha ottenuto un ruolo primario nella sorveglianza degli impianti”.

È molto probabile che un piano del genere sia veramente in agenda. Non credo ci sia un solo piano monolitico, ma varie opzioni dalle quali i farabutti sceglieranno divertendosi e sognando, come fanno gli sposini guardando i cataloghi dei matrimoni e dei viaggi di nozze.

In ogni caso, la crescita demografica mondiale ha raggiunto adesso la cifra di 7,9 circa miliardi di persone ed è in costante aumento. Questo vero e proprio “boom” umano è la conseguenza diretta di altri due boom che, se osservati su curve cartesiane seguono l’esatto andamento. Si tratta di curve esponenziali che sono adesso impostate in verticale. Curve iperboliche. Esse mostrano:

·         L’espansione del debito, 

·         L’espansione dello sfruttamento delle risorse del pianeta terra,

·         La crescita demografica.

Aumentare il debito significa ipotecare il futuro per vivere meglio oggi. Il debito si può aumentare finché le curve smettono di poter crescere perché si scontrano con le leggi della natura. E allora, inevitabilmente, non solo smettono di crescere, ma si contraggono. E quella è la fine, o il nuovo inizio. Dipende da chi sopravvive.   

Soluzioni? Parlare di soluzioni è veramente difficile. Si rischia di sfociare nel “wishful thinking”, nel “sarebbe bello”! La natura umana essenzialmente avida pone un limite invalicabile ad ogni tentativo di trovare una soluzione. Potremmo anche dirci che ci sono abbastanza risorse per tutti, ma basta che all’interno di una comunità ci sia un solo soggetto avido e non è più possibile rimanere in equilibrio. Supponiamo di essere dieci persone ed avere un albero con dieci frutti, Basta che uno di noi ne mangi due, dicendo “avevo fame” ed uno di noi resterebbe inevitabilmente a bocca asciutta. E questo si verifica sempre. Ripeto, è la natura umana! 

Basterebbe seguire la semplice regola di fare agli altri quello che vorremmo fosse fatto a noi

C’è un passaggio nei ricordi di Marco Aurelio che dovrebbe essere la base per ricostruire la società che recita così: “siamo nel mondo per reciproco aiuto, come piedi, come mani, come palpebre, come i denti, di sopra e di sotto in fila; in conseguenza è contro natura ogni azione di reciproco contrasto“! Una volta arrivati a questo traguardo, forse saremo pronti a meritarci di vivere in pace e in armonia. 

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.