Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali UN DOCUMENTO SHOCK SVELA LA CAMPAGNA DI PROPAGANDA DI GUERRA IN UCRAINA...

UN DOCUMENTO SHOCK SVELA LA CAMPAGNA DI PROPAGANDA DI GUERRA IN UCRAINA DEL GOVERNO TEDESCO

28
0

di ALEX THOMSON, APPROCCI ORIENTALIMercoledì 5 ottobre 2022

Quella che segue è una traduzione, fatta con il permesso dell’autore, della Parte I (datata 29 settembre 2022) dell’articolo esclusivo di Florian Warweg su NachDenkSeiten, una piattaforma di nuovi media tedesca attenta e affidabile. L’originale contiene diversi screenshot del documento tedesco che è trapelato.

Documento trapelato: come il governo federale tedesco sta lavorando alla ” Gleichschaltung  della narrativa” sulla guerra in Ucraina – Parte I

NachDenkSeiten ha fatto trapelare in esclusiva un documento interno del governo tedesco. Siamo stati in grado di verificare la carta e conosciamo anche l’identità dell’informatore. Il documento fornisce uno sguardo illuminante sulla portata delle strutture orizzontali e verticali della – non c’è altro modo di dirlo – propaganda dello Stato tedesco a livello federale, soprattutto per quanto riguarda il coinvolgimento ufficiale dei media (es. Der  Spiegel e Stern ). Le società di social media occidentali, le istituzioni educative e i cosiddetti “fact checker”. Anche i bambini delle scuole primarie sono presi di mira. Ne emerge un tentativo concertato da parte del governo federale di sottoporre le informazioni alla  Gleichschaltung .

Il documento si intitola ” Attività attuali dei dipartimenti e delle autorità contro la disinformazione in connessione con la guerra della RUS contro l’UKR “, dura dieci pagine ed elenca meticolosamente le attività rilevanti dei ministeri federali e delle autorità subordinate a partire dal 27 giugno 2022. Inoltre, queste le attività sono nel complesso piuttosto qualcosa.

In questa prima parte della sua valutazione, NachDenkSeiten si concentrerà sul ruolo di BMI (Ministero dell’Interno), AA (Ufficio Esteri Tedesco), BPA (Ufficio Stampa Federale) e BKM (Commissario Federale per la Cultura e i Media) . Nella seconda parte, esamineremo le attività del BMDV (Ministero degli Affari Digitali e dei Trasporti) nonché del BMFSFJ (Ministero degli Affari Familiari) e del BMVg (Ministero della Difesa) tutti ugualmente a livello federale.

Ministero dell’Interno gestito dai socialisti il ​​fulcro delle attività di propaganda di stato

L’elenco inizia con il Ministero federale degli interni (BMI) guidato dall’SPD sotto Nancy Faeser. Il BMI deve assumere un ruolo guida e coordinare “l’identificazione e la difesa contro le minacce ibride” in modo “interdipartimentale”. Questo sarà guidato da “UAG RUS/UKR” (UAG sta per “sottogruppi di lavoro” in gergo ministeriale). Uno degli impegni al riguardo è un rapporto sulla situazione sulle “Minacce ibride” con focus su Russia-Ucraina, da redigere ogni quindici giorni. Tuttavia, il “Piano di resilienza in dieci punti” elencato nel documento è particolarmente accattivante.

Il primo punto di questo “piano” è il “collegamento ai fact-checker sui siti web del governo federale”. I “fact-checker” privati ​​come Correctiv , o quelli finanziati da contributi come l’ARD-Faktenfinder, finanziati principalmente dal miliardario statunitense e fondatore di eBay Pierre Omidyar , saranno ampiamente pubblicizzati attraverso i “siti web del governo federale”. Questo per quanto riguarda la decantata “neutralità politica” e “indipendenza” dei fact-checker.

Inoltre, devono essere prodotti e inviati opuscoli sulla “disinformazione nel contesto della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina” ai ministeri federali e ai rappresentanti eletti del Bundestag, dei Länder (stati) e dei comuni. L’elenco è fitto di riferimenti: “È in corso la distribuzione ai moltiplicatori nella società civile”.

Particolarmente rivelatore è anche il quinto punto del “Piano di resilienza”; è dedicato alla cooperazione con la stampa. Si ricorda, ad esempio, una “discussione di fondo Spiegel ” del 31 marzo e la preparazione di servizi e interviste al ministro dell’Interno Faeser; in questo contesto si fa esplicito riferimento a Stern e Tagesspiegel. Viene anche menzionato che il termine “Task Force anti-disinformazione” è stato incorporato con successo nei rapporti. Nel documento, per “disinformazione” (russa) si intende tutto ciò che equivale a riportare accuratamente la posizione ufficiale russa. E questo è esclusivamente in relazione alla parte russa. Né i punti di discussione ufficiali ucraini né statunitensi sulla guerra in Ucraina sono valutati dal governo tedesco come “disinformazione” di per sé allo stesso modo.

Un altro aspetto del piano è “l’apertura nell’arena parlamentare”, cioè l’influenza dei membri del Bundestag e dei parlamenti statali. Non si tratta di un’impresa priva di problemi, vista la consolidata separazione dei poteri tra l’esecutivo e il legislatore.

Parimenti, il “piano di resilienza” ha come punto centrale l’intensificazione “occasionale” dei contatti e dei dialoghi con gli operatori di piattaforma dei social network “al fine di sensibilizzarli alla disinformazione statale”. Il documento cita esplicitamente Twitter, Meta, Google e Telegram a questo proposito. I colloqui si terranno a livello di “ministro minore  [Staatssekretär] ”.

Non meno problematico è il piano per influenzare i “curricula nelle scuole, nonché il coinvolgimento dei centri di educazione degli adulti e degli organismi di volontariato”.

Infine, il piano afferma che sono iniziati i lavori per l’attuazione del “Piano d’azione della Federazione e dei Länder (stati) contro la disinformazione e per una democrazia difendibile”.

Anche il ministero degli esteri tedesco, il servizio stampa e l’Ufficio dei media del cancelliere zar sono attori chiave nella propaganda statale e negli sforzi di censura

Oltre al ministero dell’Interno, il Ministero degli Esteri tedesco (AA) appare nel documento come protagonista della presunta “lotta alla disinformazione (russa)”. È evidente che l’intera gamma di misure dell’AA è formulata esclusivamente in termini di “disinformazione russa” e crea enfaticamente l’impressione che la “disinformazione” e la formazione delle narrazioni provengano da un solo paese al mondo.

Ad esempio, il documento del Ministero degli Esteri tedesco su “Misure come parte del concetto di comunicazione RUS/UKR” menziona:

  • Osservazione e analisi delle attuali narrazioni e disinformazione russe
  • Creazione di un “documento vivente” che “decostruisce/sfata le narrazioni russe classiche e attuali sulla guerra in Ucraina”
  • Promuovere progetti per “costruire resilienza alla disinformazione (soprattutto russa) […]”

Secondo questo documento, l’AA si collega principalmente – “intensamente e bilateralmente” – con le controparti statunitensi su questioni di disinformazione. In questo contesto sono esplicitamente menzionati il ​​Partenariato internazionale per contrastare la disinformazione sponsorizzata dallo Stato (IPCSD) e il Counter Foreign Interference Group (CFI).
[Nota di Alex Thomson: ‘CFI’ è un termine usato da altri paesi occidentali, inclusa l’Australia. Lo screenshot del documento trapelato incorporato nell’articolo originale menziona il “Gruppo Counter Foreign Interference (CFI)”, ma questo potrebbe benissimo essere un errore per un organismo dal nome simile, negli Stati Uniti, altrove o transnazionale. The column del Regno Unito ha riferito sull’entità dello  sforzo britannico .]

Anche l’ultimo punto del documento relativo alle attività dell’AA è rivelatore. Si parla di “[…] promuovere le proposte di progetto presentate da Deutsche Welle e DW Akademie per l’espansione del reporting su UKR/RUS, nonché rafforzare la competenza dei media […]”. Notiamo quindi che il Ministero degli Esteri tedesco, un ministero federale guidato dalla massima politica dei Verdi, Annalena Baerbock, sta pianificando di finanziare progetti del servizio di radiodiffusione estero tedesco (finanziato dai contribuenti) , Deutsche Welle. Come questo sia compatibile con il Deutsche Welle Statute (DWG), che obbliga l’emittente a facilitare “una formazione di opinioni indipendente”, sarebbe solo una delle numerose domande sollevate da questi piani del Foreign Office rivelati nel documento.

L’Ufficio federale della stampa (BPA), insieme al Ministero federale degli affari esteri (AA), è responsabile della cosiddetta “EG Desinformation” (quando il 27 settembre NachDenkSeiten ha chiesto telefonicamente cosa significhi “EG” in questo contesto, il responsabile del servizio presso la BPA non ha potuto fornire alcuna informazione). Secondo il documento, il BPA ha il compito di “sensibilizzare il Governo sull’argomento e affrontare la disinformazione”. Inoltre, offre “formazione interdipartimentale” sulla disinformazione. Ciò che colpisce qui è che la formazione non è fornita dalla BPA stessa, ma da fornitori privati ​​di terze parti come l’ Institute for Strategic Dialogue (ISD) e il Business Council for Democracy della Hertie Stiftung [fondazione tedesca esentasse].

L’ISD, con il suo orientamento espressamente transatlantico e la sua sede a Londra, ha membri del consiglio illustri come Karl-Theodor zu Guttenberg, il consulente di gestione Roland Berger e il CEO di Axel Springer SE, Matthias Döpfner.

La “formazione interdipartimentale” sulla disinformazione per i dipendenti dei ministeri federali viene così svolta da un’organizzazione lobby transatlantica il cui “consiglio” comprende plagiatori smascherati, e il capo della Springer-Presse – parlando di disinformazione – che diffonde regolarmente fake news, pure come fondazione privata di un magnate dei grandi magazzini. L’approccio delle autorità federali all’esternalizzazione probabilmente non va molto meglio di questa riduzione all’assurdo.

Infine, il documento elenca che i vice portavoce del governo si impegnano regolarmente in “scambi bilaterali con Google/YouTube, Twitter, Meta, TikTok e LinkedIn per discutere le “rispettive strategie delle piattaforme per combattere la disinformazione, in particolare nel contesto della guerra in Ucraina” .

Vale a dire che, secondo il documento, sia il Ministero dell’Interno che quello degli Esteri, nonché l’Ufficio stampa federale, tengono ciascuno incontri bilaterali regolari (a livello di junior minster ) con i principali operatori di piattaforma sulla “disinformazione russa” sulla guerra in Ucraina. La pressione per conformarsi e censurare a cui tutto questo si aggiunge può essere considerata significativa.

Bambini di sei anni a bordo

Un altro attore importante è il commissario federale per la cultura e i media (BKM), Claudia Roth, che riporta direttamente al Cancelliere. Ha un budget di oltre due miliardi di euro, 400 dipendenti ed è responsabile della politica dei media del governo federale (e degli organismi finanziari tra cui il servizio di radiodiffusione estero tedesco, Deutsche Welle, come parte di questo quadro).

Nel documento interno visionato da NachDenkSeiten si parla, tra le altre idee, di “costituire una redazione russa-in-esilio a Riga [capitale della Lettonia] ” e “se necessario, di allestire una redazione ucraina-in- esilio a Cracovia, Polonia”. Secondo il documento, il BKM sembra svolgere un ruolo centrale e proattivo all’interno del Consiglio dei ministri dei media dell’UE nell'”agire contro i media di propaganda russi”.

Allo stesso modo, il BKM sta assumendo un ruolo guida nei negoziati sull'”European Media Freedom Act” dal suono orwelliano e sta cercando di concentrarsi sulla “disinformazione” lì.

Secondo il documento, il BKM sta anche pianificando un nuovo programma di finanziamento “con un focus sulla promozione dell’alfabetizzazione giornalistica tra la popolazione in generale per combattere la disinformazione”.

Un altro progetto che solleva interrogativi è l’utilizzo di giornalisti minori a partire dai 6 anni contro la “disinformazione”, termine non ulteriormente specificato. Il documento afferma, tra l’altro:

Reporter per bambini — Rafforzare la competenza giornalistica, e quindi la resilienza alla disinformazione, dei bambini di età compresa tra 6 e 14 anni attraverso il lavoro attivo sui media.

Infine, si fa riferimento al progetto di Deutsche Welle “Artificial Intelligence Against Disinformation” (KID), in cui “i moduli AI della digital forensics devono essere utilizzati per migliorare l’identificazione (parzialmente) automatizzata delle manipolazioni e delle campagne concertate di disinformazione”. Nuovo mondo…

Le preoccupazioni dell’informatore

L’informatore ci ha anche spiegato cosa lo ha motivato a fare questa fuga di notizie. Ha detto a NachDenkSeiten che quando questo documento è arrivato sul suo computer di lavoro, è rimasto profondamente scioccato. Per lui, ha detto, questo è stato “un tentativo concertato di sincronizzazione narrativa”. Prosegue:

Ai miei occhi, stiamo scrutando qui nell’abisso delle consolidate attività di integrazione orizzontale (interministeriale) e verticale della moderna propaganda di stato: dai ministeri – e le loro partnership con i think tank transatlantici come l’ ISD di Londra – fino a la stampa, i “fact-checker”, i social media, i “moltiplicatori”, la “società civile critica” e così via. Ci stiamo anche abbassando a coinvolgere le scuole e i bambini in età scolare.

Inoltre, ha detto a NachDenkSeiten che questo documento è solo “la punta dell’iceberg” e che i progetti elencati non sono esaustivi. Tutto ciò che è elencato in questo documento sarebbe comunque una fuga di notizie gestibile per il governo federale, ha affermato, poiché includeva solo le misure che potrebbero essere ammesse nelle comunicazioni [PR] in caso di dubbio. Il pubblico tedesco non aveva idea di cos’altro stesse succedendo dietro le quinte, ha aggiunto.

Infine, qualcosa sul presunto autore di questo documento interno. Secondo i metadati del documento originale di Word, questa lista del governo tedesco è stata compilata da una persona di cui stiamo nascondendo il nome per rispetto della sua vita privata, ma il cui curriculum vitae fornisce spunti interessanti su chi redige tali documenti “interdipartimentali” su questo argomento.

Praticamente nulla si può scoprire sull’autore online, ma quel poco che si può trovare parla da sé. Su LinkedIn, c’è un post di ringraziamento all’autore del documento ” Attività correnti dei dipartimenti e delle autorità contro la disinformazione in connessione con la guerra della RUS contro l’UKR “, scritto da BwConsulting (BwConsulting è la società di consulenza interna del Ministero Federale della Difesa ) per il partenariato, e l’autore ha anche scritto un libro di riferimento sulla gestione delle operazioni militari della NATO e dell’UE .

Addendum di Alex Thomson

La parte II può essere letta nell’originale tedesco qui . Lo screenshot finale incorporato nella Parte II parla della Bundeswehr (forze armate tedesche) che coinvolge “in particolare i giovani” nel dialogo sulla politica di sicurezza, con un pacchetto sulle “ minacce ibride ” consegnato di concerto con la Security Policy Academy (BAKS) e un altro pacchetto previsto su “Società e resilienza ”, da consegnare di concerto con la Bertelsmann Stiftung .

Il testo nello screenshot prosegue affermando che gli “ufficiali giovanili” della Bundeswehr, “specialmente formati sui metodi di insegnamento”, sono – apparentemente già – inviati nelle scuole per “aumentare la consapevolezza della politica di sicurezza e della politica di difesa” attraverso il “dialogo diretto ”.

https://www.ukcolumn.org/article/leak-german-governments-ukraine-war-propaganda-campaign-part-i

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articlePilastri di luce brillano sulla parte europea della Russia. Video
Next articleCREDIT SUISSE COME LEHMAN? NO, MOLTO PEGGIO!
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.