Database Italia

Un nuovo propulsore NASA potrebbe avvicinarsi alla velocità della luce senza utilizzare propellente

 il “motore MEGA” potrebbe consentire il volo spaziale ai sistemi stellari vicini, perché, miracolosamente, non ha bisogno di propellente.

Sopravvissuto ad un cancro al polmone a 80 anni è alla California State University, il professore di fisica emerito di Fullerton Jim Woodward ha un’idea fuori dal mondo per consentire ai velivoli spaziali di viaggiare verso i sistemi stellari vicini: minuscoli cristalli che vibrano decine di migliaia di volte al secondo quando viene applicata una corrente elettrica.

La sua invenzione, soprannominata guida MEGA (Gravitational Assist a effetto Mach), fa la straordinaria promessa di un sistema di propulsione che non si basa su nient’altro che una fonte di elettricità: non è necessario alcun combustibile a combustione pesante, come riporta Wired in un nuovo affascinante articolo .

L’idea è di accelerare lentamente, ma per un periodo di tempo molto lungo. Secondo Woodward, un velivolo spaziale con un motore MEGA potrebbe alla fine raggiungere velocità prossime alla velocità della luce, con l’aiuto di un reattore nucleare a bordo per fornire decenni di energia elettrica.

L’unità MEGA si basa sul principio di Mach, chiamato così dallo stesso Albert Einstein, che afferma che l’inerzia è correlata a effetti gravitazionali distanti. Quando l’energia di un oggetto cambia, anche la materia stessa dello spazio e del tempo cambia intorno ad esso, un’interpretazione controversa del famoso principio di equivalenza massa-energia di Einstein E = mc².

In altre parole, secondo Wired , se parte di un oggetto – nel caso dell’azionamento MEGA, parti di minuscoli dischi piezoelettrici – cambiasse simultaneamente la sua massa e lo stato energetico, potrebbe teoricamente iniziare ad accelerare.

Il lavoro di Woodward sulla sua unità MEGA è in corso da oltre trent’anni. Nel 2017 gli è stato persino assegnato un finanziamento tramite il programma Innovative Advanced Concepts della NASA.

Con i soldi della sovvenzione, Woodward ei suoi collaboratori hanno persino progettato un concept di veicolo spaziale senza equipaggio chiamato SSI Lambda, un veicolo dall’aspetto insolito che ospita una serie di circa 1.5000 unità MEGA ridimensionate.

Più recentemente, l’ultimo motore MEGA di Woodward ha prodotto molta più spinta di tutti i suoi precedenti prototipi.

“Sono rimasto scioccato dall’enorme aumento della forza misurata”, ha detto a Wired Hal Fearn, stretto collaboratore e fisico presso la California State University, Fullerton. Tuttavia, altri ricercatori sono ancora scettici sul nuovo dispositivo. “Direi che c’è tra una probabilità su 10 e 1 su 10.000.000 che sia reale, e probabilmente verso l’estremità superiore di quello spettro”, ha detto Mike McDonald, un ingegnere aerospaziale del Naval Research Laboratory del Maryland. “Ma immagina quell’unica possibilità; sarebbe fantastico “, ha aggiunto. “Ecco perché svolgiamo lavori ad alto rischio e ad alto rendimento. Ecco perché facciamo scienza “.

Woodward e Fearn stanno ora pianificando di inviare una dimostrazione del dispositivo in orbita per testare come si comporta nello spazio.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.