Home Coronavirus UNA MONTAGNA DI PROVE. La vaccinazione COVID-19 provoca infertilità sia negli uomini...

UNA MONTAGNA DI PROVE. La vaccinazione COVID-19 provoca infertilità sia negli uomini che nelle donne e aumenta il rischio di subire un aborto spontaneo

70
0

Rispettati medici e scienziati hanno scoperto che la vaccinazione contro il Covid-19 decima il numero di spermatozoi e hanno pubblicato i loro risultati sulla fertilità degli uomini vaccinati contro il Covid-19 in uno studio scientifico pubblicato di recente.

Le nuove scoperte sono tuttavia solo la punta dell’iceberg.

Perché una montagna di prove trovate nei documenti riservati di Pfizer dimostra che la vaccinazione contro il Covid-19 ha anche un effetto negativo sulla fertilità nelle donne, aumenta il rischio di interruzione della gravidanza e provoca danni significativi al feto in via di sviluppo con conseguente morte prematura dei neonati.

A causa del tasso di vaccinazione estremamente elevato, questi risultati suggeriscono che la vaccinazione contro il Covid-19 potrebbe benissimo portare allo spopolamento, se non in tutto il mondo, sicuramente in Europa e America.

Partiamo dalle evidenze contenute nel nuovo studio.

Un recente studio israeliano sulla rivista Andrology ha rilevato una riduzione del numero di spermatozoi pari a una media del 22% tra i campioni di donatori tre mesi dopo che i partecipanti avevano ricevuto una seconda dose dell’iniezione sperimentale di Pfizer mRNA Covid-19.

La tabella seguente tratta dallo studio mostra i risultati –

Fonte

Il grafico sopra mostra che il “conta mobile totale” – il numero di spermatozoi nel seme eiaculato – è precipitato del 22%, da tre a cinque mesi dopo il secondo richiamo (T2) e si è ripreso a malapena durante il conteggio finale (T3) quando era ancora 19 per cento al di sotto del livello pre-iniezione.

Purtroppo dopo questo periodo non sono state effettuate osservazioni quindi non abbiamo idea se le cose migliorino o peggiorino.

Il dottor Ranjith Ramasamy, direttore di medicina e chirurgia riproduttiva maschile presso il sistema sanitario dell’Università di Miami, ha affermato che lo studio aggiunge informazioni estremamente “interessanti” al campo della ricerca in corso sugli effetti di questa iniezione sperimentale.

Il dottor Ramasamy ha affermato che “sarebbe tra i primi a dimostrare che i vaccini COVID-19 potrebbero portare a una diminuzione dei parametri dello sperma”.

Con le cifre ufficiali che stimano che oltre 500 milioni di uomini potrebbero aver ricevuto un’iniezione di mRNA Covid-19, è abbastanza facile vedere come questo studio da solo dimostri che la vaccinazione contro il Covid-19 porterà allo spopolamento di massa a causa dell’infertilità.

Ma questo non sarà l’unico fattore a cui contribuisce la vaccinazione contro il Covid-19.

La  Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha tentato di ritardare di 75 anni il rilascio dei dati sulla sicurezza del vaccino COVID-19 di Pfizer nonostante avesse approvato l’iniezione dopo soli 108 giorni di revisione della sicurezza l’  11 dicembre 2020 .

Ma all’inizio di gennaio 2022, il giudice federale Mark Pittman ha ordinato loro di pubblicare 55.000 pagine al mese. Hanno pubblicato 12.000 pagine entro la fine di gennaio.

Da allora, PHMPT ha pubblicato tutti i  documenti  sul suo sito web. L’ultimo è avvenuto il 1 giugno 2022 .

Uno degli studi , che si trova nel lungo elenco di documenti riservati della Pfizer, rivela che il contenuto del vaccino Pfizer si accumula nelle ovaie.

Lo studio è stato condotto su ratti Wistar Han, di cui 21 femmine e 21 maschi.

Ciascun ratto ha ricevuto una singola dose intramuscolare dell’iniezione di Pfizer Covid-19 e quindi il contenuto e la concentrazione della radioattività totale nel sangue, plasma e tessuti sono stati determinati in punti predefiniti dopo la somministrazione.

In altre parole, gli scienziati che hanno condotto lo studio hanno misurato quanta parte dell’iniezione di Covid-19 si è diffusa ad altre parti del corpo come pelle, fegato, milza, cuore, ecc.

Ma uno dei risultati più preoccupanti dello studio è il fatto che l’iniezione di Pfizer si accumula nelle ovaie nel tempo.

Un “ovaio” è una di una coppia di ghiandole femminili in cui si formano le uova e vengono prodotti gli ormoni femminili estrogeni e progesterone.

Fonte

Nei primi 15 minuti successivi all’iniezione del vaccino Pfizer, i ricercatori hanno scoperto che la concentrazione totale di lipidi nelle ovaie misurava 0,104 ml. Questo è poi aumentato a 1,34 ml dopo 1 ora, 2,34 ml dopo 4 ore e quindi a 12,3 ml dopo 48 ore.

Gli scienziati, tuttavia, non hanno condotto ulteriori ricerche sull’accumulo dopo un periodo di 48 ore, quindi semplicemente non sappiamo se quell’accumulo è continuato.

Stiamo però assistendo alle conseguenze di questa azione. I dati ufficiali del Regno Unito pubblicati da Public Health Scotland, che possono essere trovati qui , mostrano che il numero di donne affette da cancro alle ovaie nel 2021 era significativamente più alto rispetto al 2020 e alla media 2017-2019.

Cancro ovarico – Fonte

Il grafico sopra mostra fino a giugno 2021, ma i grafici trovati sul dashboard di Public Health Scotland ora mostrano cifre fino a dicembre 2021 e sfortunatamente rivelano che il divario si è ulteriormente ampliato con il numero di donne che soffrono di cancro alle ovaie in aumento in modo significativo.

clicca per ingrandire

La stessa dashboard “Covid-19 Wider Impacts” di Public Health Scotland rivela anche che il tasso di decessi neonatali è aumentato a 4,6 ogni 1000 nati vivi nel marzo 2022, un aumento del 119% rispetto al tasso di decessi previsto. Ciò significa che il tasso di mortalità neonatale ha superato per la seconda volta negli ultimi 7 mesi una soglia di allerta superiore nota come “limite di controllo”.

L’ultima volta è stato nel settembre 2021, quando i decessi neonatali per 1000 nati vivi sono saliti a 5,1. Sebbene il tasso fluttui di mese in mese, la cifra sia per settembre 2021 che per marzo 2022 è alla pari con i livelli tipicamente osservati per l’ultima volta alla fine degli anni ’80.

Clicca per ingrandire
Fonte

Public Health Scotland (PHS) non ha annunciato formalmente di aver avviato un’indagine, ma questo è ciò che dovrebbero fare quando viene raggiunta la soglia di allerta superiore, e lo hanno fatto nel 2021.

All’epoca, PHS ha affermato che il fatto che il limite superiore di controllo sia stato superato ” indica che esiste una maggiore probabilità che ci siano fattori oltre la variazione casuale che potrebbero aver contribuito al numero di decessi avvenuti “.

Ulteriori prove trovate nei documenti riservati di Pfizer suggeriscono che il fattore è molto probabilmente la vaccinazione Covid-19.

Il documento in questione è “reissue_5.3.6 postmarketing experience.pdf” . La pagina 12 contiene dati sull’uso dell’iniezione Pfizer Covid-19 in gravidanza e allattamento.

Il 58% delle madri che hanno riferito di aver subito reazioni avverse hanno subito un grave evento avverso che va dalla contrazione uterina alla morte fetale.

E un totale di 4 casi gravi di feto/neonato sono stati segnalati a causa dell’esposizione all’iniezione di Pfizer.

Ecco gli esiti noti delle gravidanze:

C’erano 34 risultati in tutto al momento della relazione, ma 5 di loro erano ancora in sospeso. Pfizer ha osservato che solo 1 dei 29 esiti noti era normale, mentre 28 dei 29 esiti hanno provocato la perdita/morte del bambino. Ciò equivale al 97% di tutti i risultati noti della vaccinazione contro il Covid-19 durante la gravidanza con conseguente perdita del bambino.

Leggi anche: La FDA sapeva che il 44% delle donne incinte nello studio Pfizer ha subito aborti spontanei

Quando includiamo i 5 casi in cui l’esito era ancora in sospeso equivale all’82% di tutti gli esiti della vaccinazione Covid-19 durante la gravidanza con conseguente perdita del bambino. Ciò equivale a una media di circa il 90% tra le cifre dell’82% e del 97%.

A giugno/luglio 2022, la guida documentata ufficiale sulla somministrazione dell’iniezione di Covid-19 durante la gravidanza è la seguente:

Ciò porta a diverse domande che richiedono risposte urgenti se consideriamo che dall’inizio del 2021 alle donne in gravidanza è stato detto che la vaccinazione contro il Covid-19 è perfettamente sicura.

Leggi anche: Specialista in medicina materno-fetale dimostra che i vaccini Covid-19 hanno causato un enorme aumento di aborti spontanei

Lo studio limitato sugli animali di cui si parla nella guida ufficiale ha effettivamente scoperto il rischio di danni significativi per il feto in via di sviluppo, ma le autorità di regolamentazione dei medicinali negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia hanno scelto attivamente di rimuovere queste informazioni dai documenti pubblici.

Lo studio vero e proprio può essere visualizzato per intero qui ed è intitolato ” Mancanza di effetti sulla fertilità femminile e sullo sviluppo della prole prenatale e postnatale nei ratti con BNT162b2, un vaccino COVID-19 a base di mRNA “ .

Lo studio è stato condotto su 42 ratti Wistar Han femmine. Ventuno hanno ricevuto l’iniezione Pfizer Covid-19 e 21 no .

Ecco i risultati dello studio –

I risultati del numero di feti osservati con costole lombari soprannumerarie nel gruppo di controllo erano 3/3 (2,1). Ma i risultati del numero di feti con costole lombari soprannumerarie nel gruppo vaccinato erano 6/12 (8,3). Pertanto, in media, il tasso di occorrenza era del 295% più alto nel gruppo vaccinato.

Le costole soprannumerarie, chiamate anche costole accessorie, sono una variante non comune di costole extra che originano più comunemente dalle vertebre cervicali o lombari.

Quindi ciò che questo studio ha trovato è la prova della formazione fetale anormale e dei difetti alla nascita causati dall’iniezione di Pfizer Covid-19.

Ma i risultati anormali dello studio non finiscono qui. Il tasso di “perdita pre-impianto” nel gruppo di ratti vaccinati era il doppio di quello del gruppo di controllo.

La perdita pre-impianto si riferisce agli ovuli fecondati che non riescono a impiantarsi. Pertanto, questo studio suggerisce che l’iniezione di Pfizer Covid-19 riduce le possibilità che una donna possa rimanere incinta. Quindi, aumenta il rischio di infertilità.

Quindi, stando così le cose, come mai le autorità di regolamentazione della medicina in tutto il mondo sono riuscite ad affermare nella loro guida ufficiale che “gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti rispetto alla gravidanza” ? E come sono riusciti ad affermare “ Non si sa se il vaccino Pfizer abbia un impatto sulla fertilità ”?

La verità è che non ci si può fidare dei regolatori della medicina. Sono acquistati e pagati dalle stesse aziende farmaceutiche i cui prodotti esaminano per l’approvazione da offrire e somministrare al pubblico in generale.

La vaccinazione contro il Covid-19 porterà allo spopolamento di massa , e lo farà riducendo la fertilità degli uomini attraverso un abbassamento del numero di spermatozoi, influenzando la fertilità delle donne attaccando le ovaie, causando aborti spontanei durante il primo trimestre di gravidanza e aumento del numero di decessi neonatali.

E con 4,78 miliardi di persone presumibilmente completamente vaccinate in tutto il mondo, sembra che siamo molto più avanti sulla strada dello spopolamento di massa di quanto chiunque possa immaginare.

Fonte – The Exposè

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleIl famoso cardiologo britannico cambia idea: “Fino a prova contraria, è probabile che i vaccini mRNA abbiano svolto un ruolo significativo in tutti gli attacchi di cuore inspiegabili dal 2021”
Next articleSoros e il regime di Kiev… Cenando con il diavolo