AmbienteEventi Avversi V.C.SaluteScienza e Tecnologia

UNA PANDEMIA DI ALLERGIE. STIAMO AVVELENANDO I NOSTRI BAMBINI?

Perchè quasi tutti i bambini soffrono di allergie? Le allergie sono in aumento vertiginoso a livello globale.

Negli anni ’70, le allergie erano incredibilmente rare. Circa un bambino su 250 ne soffriva, soprattutto febbre da fieno. È stato stimato nel 2022 che quasi 1 bambino su 2 ha un’allergia o un’intolleranza di qualche tipo. 

La risposta è individuabile su più livelli. A un livello di base, il nostro cibo è diventato impuro, con l’uso di pesticidi ed erbicidi, l’uso diffuso del glifosato, sia nei giardini residenziali che nei campi coltivati, e la pletora di prodotti artificiali fatti in laboratorio conservanti, coloranti alimentari, dolcificanti e aromi.

Il solo glifosato è stato collegato a molteplici forme tumorali. Un uomo ha ricevuto 289 milioni di dollari dopo che un tribunale ha stabilito che il prodotto “Round-Up” di glifosato della Monsanto era la causa scatenante del suo cancro.

I legami tra glifosato e allergie sono stati fatti anche con numerosi articoli e studi che lo dimostrano:  La città argentina scopre un forte legame tra esposizione al glifosato e asma (organicconsumers.org)

E l’articolo abbastanza conclusivo del NIH ha scoperto che i pesci esposti al glifosato mostravano sintomi che rispecchiavano la celiachiaGlifosato, vie per le malattie moderne II: sprue celiaca e intolleranza al glutine – PMC (nih.gov)

È stato evidenziato come le budella di maiale non possono più essere utilizzate per fare le salsicce, nonostante questa sia una pratica comune da secoli. Questo è dovuto al glifosato nel mangime per suini, che abbatte il microbioma intestinale dei maiali, portando a quella che chiameremmo sindrome dell’intestino permeabile. Quindi, mentre i legami tra glifosato, il forte aumento della sindrome dell’intestino permeabile / permeabilità intestinale e reazioni allergiche / intolleranze sono apparentemente ovvi, l’industria alimentare occidentale continua a nasconderli silenziosamente sotto il tappeto.

Sebbene aziende come Monsanto e Bayer continuino a produrre glifosato e altri prodotti chimici per uccidere le api, sono anche fortemente coinvolte nella modificazione genetica degli alimenti (OGM). Non ci sono studi a lungo termine su OGM o “Frankenfoods”, come sono stati spesso chiamati. 

Una semplice ricerca ha mostrato che i dati semplicemente non ci sono. Non ci sono prove sufficienti. Una persona allergica eviterebbe semplicemente l’allergene, indipendentemente dal fatto che un alimento sia OGM o meno, ma è da notare che molti articoli e studi non sono stati condotti per collegare o meno gli OGM al declino della salute. Non ci sono dati a lungo termine. Gli studi non sono stati fatti.

Semplicemente, SIAMO l’esperimento.

E con l’aumento generale delle reazioni allergiche e il declino della salute in generale nella società occidentale, questo lascia un enorme punto interrogativo sugli alimenti OGM, il tutto mentre il dibattito infuria. 

Ma sicuramente la vera domanda è: un’industria multimiliardaria che trae profitto dalla vendita di sostanze chimiche per uccidere le api può essere considerata affidabile per nutrire il mondo in modo sicuro? Soprattutto se consideriamo come hanno tentato di mentire sulla sicurezza del loro prodotto:  Monsanto ha mentito sulla sicurezza di Roundup

Un’altra ragione potrebbe essere che nella generazione dei nostri nonni il cibo veniva consumato stagionalmente e la disponibilità di cibi importati era bassa. Ora abbiamo cibo a nostra disposizione tutto l’anno, volato da angoli remoti del globo, fuori stagione, e per giunta cibi non indigeni.

 Molte intolleranze alimentari derivano semplicemente dall’eccesso di cibo, quindi anche i cambiamenti nel nostro comportamento con il cibo possono avere un ruolo. Storicamente si usava l’intero animale, per zuppe e brodi di ossa, e per le interiora, e questi erano visti come dotati di benefici nutrizionali, e questo è qualcosa che raramente facciamo nella società moderna, un altro cambiamento che potrebbe aver fatto la differenza. Molti anni fa, “cucinare da zero” era la norma e ora la maggior parte degli alimenti proviene da un barattolo, una bottiglia o un pacchetto. 

L’aumento dei pasti cotti al microonde (da abolire), degli alimenti trasformati e confezionati, convenienza e fast-food hanno portato al peggioramento della nostra salute, quindi il collegamento potrebbe essere fatto anche con un aumento della tossicità e un calo della nutrizione. 

La nutrizione influenza OGNI cellula del nostro corpo. La salute delle nostre cellule dipende dalla dieta e dallo stile di vita. 

Non stiamo più mangiando cibo, stiamo mangiando prodotti simili al cibo, che i nostri corpi, a un certo punto, potrebbero inevitabilmente rifiutare e diventare intolleranti o allergici.

L’aumento delle reazioni allergiche e intolleranze può, a mio avviso, essere legato anche alla vaccinazione.

Negli anni ’70, la vaccinazione era prevalentemente limitata a tre vaccini: tetano, poliomielite e difterite, con occasionali altri vaccini richiesti per i viaggi, ad esempio il vaccino contro il vaiolo necessario per entrare in alcuni stati. Il programma di vaccinazione è aumentato in modo fenomenale, e i bambini sono costretti a fare circa 76 richiami prima dei 18 anni. E rispecchiando l’aumento del programma vaccinale, è arrivato l’aumento delle reazioni allergiche, intolleranze alimentari, autismo, ADHD, malattie autoimmuni, tumori infantili, diabete infantile e SIDS. Ma di questo abbiamo parlato in tantissimi articoli su Database Italia.

I potenziali pericoli della vaccinazione sono il più grande elefante medico nella stanza. È l’argomento che non possiamo discutere. Chiunque parli contro la narrativa pro-vaccino è soggetto ad essere screditato e da una campagna diffamatoria, come nella storia del dottor Andrew Wakefield, un gastroenterologo che aveva semplicemente affermato che “sono necessarie ulteriori ricerche” dopo aver trovato un collegamento tra i bambini autistici ospiti della sua clinica per gravi problemi gastrointestinali.

Ha scoperto che gli adiuvanti nei vaccini combinati come l’MMR tre in uno stavano causando una rottura del microbioma intestinale in questi bambini.

 I vaccini contengono anche metalli altamente tossici come il thimerosal (una forma di mercurio) e l’alluminio, di cui non esiste un limite di sicurezza iniettabile, oltre a una pletora di materia animale, polisorbato 80 che apre la barriera ematoencefalica e altri ingredienti tossici, i quali possono aumentare il carico tossico per il corpo.

Sappiamo bene ormai che la vera natura dei vaccini sembra essere relegata, dalla macchina della censura e della propaganda, ai siti (a quanto pare siamo ai primi posti nella classifica italiana) che promuovono le “teorie della cospirazione”, eppure buona parte di ciò che scriviamo può essere letto e verificato semplicemente leggendo il foglietto illustrativo del vaccino.

Documentari come The Truth About Vaccines approfondiscono il modo in cui l’aumento del programma di vaccinazione sta portando alla fine della salute dei nostri bambini.

Negli anni ’70, le reazioni allergiche erano incredibilmente rare, con circa un bambino su 250 che soffriva di un’allergia di qualche tipo, e soprattutto febbre da fieno. È stato stimato nel 2022 che quasi 1 bambino su 2 ha un’allergia o un’intolleranza di qualche tipo. 

Uno studio di Harvard su VAERS, ha stimato che solo l’1% delle reazioni avverse da vaccino viene effettivamente riportato quindi il danno da vaccino e le reazioni allergiche che provocano sono molto più elevati di quanto sappiamo. Quanti genitori non hanno fatto il collegamento tra i vaccini dei loro figli e le loro allergie?

La frase “i vaccini sono sicuri ed efficaci” non è mai stata provata, né scientificamente né in tribunale.

Il sito Web Open VAERS ha mostrato un gran numero di reazioni allergiche (e decessi) dopo la vaccinazione Covid nei bambini:  Child Summaries (openvaers.com)  , questo dato semplicemente non può essere ignorato o escluso come causa dell’aumento delle allergie.

Per riassumere, l’aumento delle allergie e di altri sintomi sono il nostro sistema di allerta collettivo, il metodo per comunicarci che stiamo facendo qualcosa di sbagliato e collettivamente non stiamo ascoltando.

Gli esseri umani stanno trovando sempre più modi per vivere uno stile di vita tossico con la normalizzazione delle reazioni allergiche e delle malattie croniche, il che ovviamente è tutt’altro che normale.

Siamo collettivamente più malati e più allergici di quanto non lo siamo mai stati. Con la medicina tradizionale che fa poco affidamento sulla capacità naturale del corpo di guarire se stesso con cibo pulito, aria pulita e acqua pulita e concentrandosi invece molto su vaccinazioni, antibiotici, steroidi e altri medicinali. 

Stiamo costruendo un futuro di malati cronici? Solo il tempo lo dirà, ma sono sicuro che un giorno le persone del futuro guarderanno a ciò che stiamo facendo ora e penseranno che siamo stati dei pazzi a credere che iniettare e mangiare veleni ci avrebbe mantenuto in salute.

[jetpack_subscription_form]

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!