Pedofilia

Una potente rete di pedofili sconvolge Berlino

Per decenni, i bambini affidati ai servizi sociali a Berlino sono stati consegnati nelle mani di molestatori sessuali. Ora un pool di esperti conferma che la rete abbia avuto diversi sostenitori – negli uffici di welfare della gioventù, nell’amministrazione, nella Free University e nel Max Planck Institute. 

Berlino. Per tre decenni, il Molestatore seriale Fritz H. è stato in grado di abusare e stuprare indisturbato almeno nove bambini come padre adottivo. I giovani, che avevano spesso solo sei o sette anni, gli venivano affidati dagli uffici di assistenza sociale per i giovani di Berlino.

Fritz H. era protetto dal professore Helmut Kentler, personaggio molto rispettato dall’amministrazione del Senato. Nonostante i precedenti penali per abuso di minori, gli uffici di assistenza ai giovani hanno più volte scelto Fritz H. come padre adottivo. E nonostante i segnali di avvertimento a volte estremi, hanno lasciato i bambini con lui per anni. I primi figli adottivi arrivarono nei primi anni ’70, l’ultimo lasciò la casa adottiva nel 2003 appena maggiorenne. Sono gravemente traumatizzati, per loro non è possibile una vita normale. Alcuni non sopravvissero: un ragazzo gravemente disabile morì nelle cure di Fritz H. Ciò è confermato dai file degli uffici dei servizi sociali, disponibili al Berliner Zeitung.

Le vittime chiedono giustizia. Due di loro hanno fatto causa al paese. Vogliono che il tribunale confermi che l’abuso pluridecennale è un abuso sistematico che è stato tollerato e sostenuto dall’amministrazione scolastica e dai servizi distrettuali per i giovani. Chiedono un risarcimento per il dolore e la sofferenza. Il senato, tuttavia, finora ha negato un processo alle vittime, annunciando di voler sollevare una cosiddetta obiezione basata sui limiti dello statuto.

Nuovo rapporto Kentler: “Benessere dei minori nella responsabilità pubblica”

Ma ora c’è un nuovo rapporto sul guru pederasta Helmut Kentler, molto popolare a Berlino, e sulla casa adottiva di Fritz H. Entrambi gli uomini sono già deceduti senza essere stati processati. Il nuovo rapporto conferma la prospettiva delle vittime. Il suo capitolo finale è intitolato: “Il benessere dei minori nella responsabilità pubblica”. Il rapporto di 57 pagine dà anche un’idea di quanto grande e potente fosse la rete pedofila a Berlino, di come si estendesse a tutta la Germania e di quanto poco di tutto ciò sia stato chiarito fino ad oggi.

Per più di un anno, gli esperti dell’Università di Hildesheim hanno esaminato i file che sono sempre stati disponibili anche per l’amministrazione, ma che non erano mai presi in considerazione.

Il risultato centrale dell’indagine fu che una “rete di attori nell’amministrazione del Senato e l’ istituzione di riforme educative durante la riforma degli anni ’70 che tolleravano la creazione di appartamenti condivisi e l’ affidamento a uomini già riconosciuti come pedofili.

C’era “una rete attraverso le istituzioni educative scientifiche e l’amministrazione del Senato fino ai singoli uffici di assistenza per i giovani del distretto di Berlino”, “in cui le posizioni dei pedofili venivano accettate, sostenute e difese”. Oltre all’amministrazione del Senato e agli uffici di protezione della gioventù, i ricercatori hanno anche nominato esplicitamente la Libera Università, il Max Planck Institute, l’ormai defunto Centro Pedagogico di Berlino e il Seminario Pedagogico di Gottinga. Sono anche dimostrabili i collegamenti tra l’amministrazione del Senato e la scuola di Odenwald, dove i bambini sono stati sistematicamente maltrattati per decenni.

Gli uffici di assistenza sociale per i giovani di Berlino hanno anche creato case di accoglienza per pedofili in altri stati federali

La rete pedofila non solo penetrò nelle istituzioni educative di Berlino, ma si diramò in tutto il paese. Esistono “prove chiare da parte delle vittime oltre che di svariati testimoni oculari” e i casi di affidatamento si riferiscono spesso a uomini single, a volte potenti (…) provenienti dal mondo della scienza, istituti di ricerca e altri contesti educativi.”

Kentler era noto ai senatori, redigeva opinioni, influenzava la politica 

La figura di spicco della rete di Berlino è stato il professore di pedagogia sociale Helmut Kentler. Fu celebrato negli anni ’60 e ’70 come pioniere dell’educazione sessuale rivoluzionaria ed emancipatoria. Nelle sue pubblicazioni specializzate, Kentler ha chiesto l’impunità per i pedosessuali e il sesso diffuso con i bambini come parte necessaria dell’educazione sessuale sana. A Berlino, Kentler godeva di una grande reputazione e aveva un’enorme influenza: era personalmente noto a senatori e politici, scrisse relazioni di esperti per conto del Senato e dal 1966 al 1974 era a capo del dipartimento di pedagogia sociale e educazione degli adulti presso il Centro pedagogico. 

Gli investigatori sottolineano esplicitamente il ruolo del Centro pedagogico istituito dal Senato di Berlino. L’istituzione è stata fondata nel febbraio del 1965 sotto il sindaco governativo e successivamente il cancelliere Willy Brandt (SPD), che, secondo i ricercatori di Hildesheim, ha sostenuto con forza il progetto. Il Centro pedagogico è stato esplicitamente incaricato di stimolare le riforme educative e sociali,collegando la teoria alla pratica e, in collaborazione con altre istituzioni come l’Istituto Max Planck, sviluppando nuove forme di insegnamento per lo Stato di Berlino. 

Quante vite sono state distrutte non è chiaro

Quante vite hanno distrutto il Senato, Kentler e i suoi amici? Quante vittime e quanti perpetratori ci sono? Quando e se è terminato l’abuso sistematico? Chi era il ragazzo morto nelle cure di Fritz H? La sua famiglia ha mai saputo della sua morte?

Anche dopo oltre un anno di ricerche, gli esperti di Hildesheim non possono rispondere a tutte queste domande. Nel loro rapporto di 57 pagine, fanno ripetutamente riferimento alla continua necessità di chiarimenti. Traggono le loro conclusioni per questo rapporto, tra l’altro, studiando i fascicoli degli uffici di assistenza per i giovani, dalle conversazioni con testimoni contemporanei, anche da parte delle autorità – e dalle conversazioni con tre parti interessate, due delle quali provenienti dall’affidamento di Fritz. 

Alla conferenza stampa, il gruppo di ricerca di Hildesheim ha sottolineato l’importante ruolo delle uniche tre vittime informative della rete pedofila, che secondo gli esperti è enorme. La conoscenza che è ora disponibile è dovuta principalmente alle due vittime, Marco e Sven, che stanno attualmente facendo causa al paese, “con coraggio e perseveranza”.  

Marco e Sven hanno combattuto fino a questo punto per quattro anni. Hanno dovuto rivivere i loro traumi, a volte sono quasi crollati sotto di loro.

Mancano i nomi di coloro che sono ancora responsabili.

Il rapporto del gruppo di ricerca di Hildesheim è importante per Marco e Sven. Un altro rapporto che conferma la sua storia. Ma non è il primo – e nulla nel rapporto è nuovo per nessuno dei due. “Sapevamo tutto questo, lo abbiamo sperimentato”, ha detto Marco al Berliner Zeitung lunedì. Ciò che lo preoccupa di più: “I nomi mancano ancora. I nomi di tutti coloro che sono ancora responsabili “.

Il gruppo di ricerca raccomanda inoltre vivamente di continuare a scavare. “Nel seminterrato dell’amministrazione dell’istruzione ci sono ancora circa 1000 file che non sono ancora stati elaborati”, afferma Wolfgang Schröer, esperto di Hildesheim per il benessere dei giovani e un membro del gruppo di studio.

Marco e Sven vogliono di più. Anche se la loro speranza è solo piccola dopo tutto questo tempo. Continuano a chiedere una revisione completa alle autorità di Berlino. E conseguenze per i dipendenti che erano responsabili della loro casa adottiva. Tagli di pensione, o almeno una denominazione del loro debito personale, dice Marco.  “Chiunque rompa il silenzio spezza il potere degli autori”.

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!