Database Italia

UNA PURGA ORWELLIANA. PERCHÉ “THE SHAPE OF THINGS TO COME” DI H.G.WELLS É OGGI



“È diventato evidente che intere masse della popolazione umana sono, nel loro insieme, inferiori nella loro pretesa sul futuro, rispetto ad altre masse, che non possono essere date loro opportunità o affidate al potere come ci si fida dei popoli superiori, che le loro debolezze caratteristiche sono contagiose e dannose per il tessuto civilizzatore e che la loro gamma di incapacità tenta e demoralizza i forti. Dare loro l’uguaglianza significa sprofondare al loro livello, proteggerli e amarli significa essere sommersi dalla loro fecondità. “

– HG Wells ‘in “Anticipations of the Reaction of Mechanical
and Scientific Progress on Human Life and Thought” 1901



In ” The Shape of Things to Come: The Ultimate Revolution ” (pubblicato nel 1933), HG Wells scrive del futuro prevedendo, piuttosto ottimisticamente, che ci sarebbe stata un’altra guerra mondiale dopo pochi anni, seguita da epidemia e carestia. In questo   futuro immaginario , la guerra continua per trent’anni fino agli anni ’60, nonostante le persone abbiano dimenticato il motivo per cui hanno iniziato a combattere. L’umanità entra in una nuova era oscura. In un ultimo tentativo di vittoria, il nemico dispiega un’arma biologica che provoca la “malattia errante”, producendo i primi zombi, e nel 1970 la popolazione globale è scesa a poco meno di un miliardo.

Anche se questo è descritto come orribile, è allo stesso tempo descritto  come una necessità  – un “grande ripristino”, per ripristinare l ‘”equilibrio” per così dire. È solo con questa dimensione ridotta della popolazione che il mondo può iniziare a ricostruirsi dal caos che era, ed entrare nella sua nuova fase di evoluzione come specie biologicamente superiore ( essendo l’inferiore stata abbattuta dalla guerra e dalla malattia), gestito da un sistema burocratico sotto forma di governo mondiale.

Questa è la fantasia fantascientifica di HG Wells ed è il tema centrale di  tutto ciò che  ha scritto, comprese le sue opere di saggistica. L’argomento sui modi per ridurre la popolazione mondiale era un dilemma preoccupante per Wells … non la parte riducente, ma il pensiero che ci sarebbero stati quelli così sciocchi da  proibirlo .

Vedete, alcuni ritennero che la specie umana si sarebbe trovata in crisi nel 1900. L’Europa, fino al XVII  secolo, aveva una popolazione che non superava mai i 100 milioni circa. Ma quasi raddoppiato a 180 milioni nel XVIII  secolo, e raddoppiato di nuovo a 390 milioni nel XIX secolo. HG Wells ha scritto di questo “lo stravagante sciame di nuove nascite” come “il disastro essenziale del diciannovesimo secolo”. (1) Non la guerra, non la malattia, non la fame, non la povertà assoluta, ma la crescita della popolazione è stata determinata come il disastro di un intero secolo.

Oggi la popolazione mondiale è di 7,9 miliardi di persone, ben lontana dall’auspicabile miliardo di Wells. Tuttavia, ci sono buone notizie! Il   sito worldometers.info prevede una variazione netta decrescente nella crescita della popolazione, in modo tale che entro il 2050 la variazione annuale sarà dello 0,50% di quella che è ora! In altre parole, il tasso di crescita della popolazione sarà ridotto della metà tra 29 anni! Queste sono proiezioni sorprendenti e comporterebbero un  massiccio limite alla crescita ! Ovviamente, questa è una proiezione basata sul presunto successo delle “riforme educative”. Anche se mi chiedo … cosa faremo se non  tutti  gli individui acconsentiranno a rispettare queste riforme? E cosa faremo se non  tutte le nazioni accettano di attenersi a queste riforme? Lo applicheremo comunque e, in caso affermativo … con quali metodi?

I fantasmi del passato di Wells

“La conoscenza di oggi è l’ignoranza di domani”

-H. G. Wells

Il Wells che abbiamo conosciuto oggi ha iniziato il suo viaggio da ragazzo vincendo una borsa di studio per studiare presso la prestigiosa Normal School of Science (ora chiamata Royal College of Science). Il suo soggetto preferito era la biologia e il suo insegnante, e subito dopo mentore, non era altro che Thomas Huxley, altrimenti noto come “il bulldog di Darwin” (parole sue).

Attraverso Huxley, la concezione di Wells della natura dell’umanità si formò con le sue fondamenta costruite sulle filosofie di Charles Darwin e Thomas Malthus.

Poiché Wells è molto influenzato da questi uomini, di fatto essi costituiscono la base stessa della sua etica; Mi è sembrato opportuno condividere con voi alcune citazioni.

In ” Essay on the Principle of Population ” (1799) di Thomas Malthus , scrisse:

“ Dovremmo facilitare, invece di sforzarci scioccamente e invano di impedire, le operazioni della natura nel produrre questa mortalità; e se temiamo la visita troppo frequente dell’orrenda forma di carestia,  dovremmo incoraggiare con seduzione le altre forme di distruzione, che costringiamo la natura a usare . Nelle nostre città dovremmo rendere le strade più strette, affollare più persone nelle case  e corteggiare il ritorno della peste. 

Questo approccio non sembra molto diverso da una proposta di ammucchiare le persone in un edificio con legna da ardere e poi procedere ad accenderlo. Dopo tutto, il fuoco è un   fenomeno naturale . Un rimedio molto più rapido ed efficace, penso, se si vuole adottare un tale approccio …

In ” The Descent of Man ” di Charles Darwin (no, non la sua autobiografia! Sebbene fosse molto spiritualmente in conflitto con le conseguenze sociali delle sue filosofie …) ha dichiarato i suoi pensieri sull’allevamento diretto in quanto tale:

“ Nessuno che si è occupato dell’allevamento di animali domestici dubiterà che ciò debba essere altamente dannoso per la razza umana. È sorprendente come presto una mancanza di cure, o una cura erroneamente diretta, conduca alla degenerazione di una razza domestica; ma tranne nel caso dell’uomo stesso, quasi nessuno è così ignorante da permettere ai suoi peggiori animali di riprodursi . 

Come afferma Darwin:

« Né potremmo frenare la nostra simpatia, anche sotto la spinta di una dura ragione,  senza deteriorarsi nella parte più nobile della nostra natura . Il chirurgo può indurirsi durante un’operazione, perché sa di agire per il bene del suo paziente; ma se dovessimo intenzionalmente trascurare i deboli e gli indifesi,  potrebbe essere solo per un beneficio contingente , con un opprimente male presente . ” [enfasi aggiunta] 

Tra Malthus, Huxley e Wells, Darwin era di gran lunga il più turbato dalle conseguenze sociali di quella che credeva essere una necessità inevitabile. Tuttavia non sarebbe mai riuscito a capire perché qualcosa di necessario potesse essere così moralmente distruttivo e questo fallimento nel rettificare le due vene di pensiero opposte gli sarebbe costato caro. Negli ultimi anni ha descritto la sua incapacità spirituale di trovare gioia in qualsiasi cosa facesse una volta, come afferma nella sua autobiografia:

“ Ho detto che sotto un aspetto la mia mente è cambiata negli ultimi venti o trent’anni. Fino all’età di trent’anni, o oltre, la poesia di molti tipi … mi dava un grande piacere, e anche da scolaro provavo un intenso piacere per Shakespeare, specialmente per le commedie storiche … la musica  [era una]  grandissima delizia. Ma ormai da molti anni non posso sopportare di leggere un verso di poesia: ultimamente ho provato a leggere Shakespeare, e l’ho trovato così intollerabilmente noioso da darmi nausea. Ho anche quasi perso il gusto per … la musica … La mia mente sembra essere diventata una specie di macchina per tritare leggi generali da vaste raccolte di fatti, ma perché questo avrebbe dovuto causare l’atrofia di quella parte del cervello da sola, su cui i gusti superiori dipendono, non riesco a concepire … La perdita di questi gusti è una perdita di felicità e può essere dannosa per l’intelletto, e più probabilmente per il carattere morale, indebolendo la parte emotiva della nostra natura “. (2)

Qual è il valore della vita, se lottando per la nostra presunta “sopravvivenza” perdiamo le nostre qualità più nobili? Perché dovremmo sacrificare le nostre migliori qualità in un umiliante compromesso per un “beneficio contingente” e “un male opprimente”?

Ministero della Propaganda britannico

Subito dopo lo scoppio della prima guerra mondiale (1914), il governo britannico scoprì che la Germania aveva un’agenzia di propaganda e quindi era ragionevole che fosse istituito un ufficio britannico di propaganda di guerra. David Lloyd George, il Cancelliere dello Scacchiere era a capo del compito.

Il 2 settembre ° 1914, HG Wells (che era 48 per allora) è stato invitato tra gli altri dodici partecipanti (tra cui Arthur Conan Doyle e Rudyard Kipling)  per discutere i modi migliori per promuovere gli interessi della Gran Bretagna  durante la guerra. Tutti gli scrittori presenti alla conferenza concordarono con la massima segretezza e fu solo nel 1935 che le attività del War Propaganda Bureau divennero note al grande pubblico. È stato deciso di scrivere opuscoli e libri per promuovere il punto di vista del governo sulla situazione.

Altro che scrivere libri per il Ministero della Propaganda, Wells ha fatto anche un po ‘il giornalista, sotto la supervisione di Lord Northcliffe, il proprietario di  The Times  e il  Daily Mail  (il più grande giornale che circola nei primi anni del 20 °  secolo), tra gli altri giornali .

I giornali di Northcliffe fecero propaganda per la creazione di un ministro delle munizioni, che fu detenuto per la prima volta da David Lloyd George (1915), e giocò un ruolo determinante nel farlo nominare Primo Ministro della Gran Bretagna nel 1916. Lloyd George poi nominò Lord Northcliffe come Direttore della Propaganda. (3)

Pertanto, HG Wells non solo ha partecipato al British War Propaganda Bureau, ma ha lavorato direttamente sotto il Direttore della Propaganda. E così, gran parte dei suoi scritti dal 1914 in poi, dovrebbero essere considerati al servizio (e certamente non in contrasto) agli interessi dell’Impero britannico.

Tra la pletora di libri scritti da Wells, c’era “The New World Order” (1940). Sembra che Wells sia stato davvero il primo a pioniere dell’ormai famigerato termine.

La visione di Wells per una nuova Repubblica contro il popolo degli abissi

Nelle “Anticipations” di Wells, pubblicate nel 1901, scrive le “masse viziose, indifese e povere”, che si sono diffuse con la diffusione dei sistemi ferroviari e che rappresentano una parte integrante del processo di industrializzazione, come il prodotto di scarto di un sano organismo. Per queste “grandi masse di persone inutili” egli adotta il termine “Popolo dell’Abisso” e prevede che la “nazione che più risolutamente seleziona, istruisce, sterilizza, esporta o avvelena il suo Popolo dell’Abisso” sarà in ascesa . (4)

Il sistema etico stabilito nella Nuova Repubblica di Wells proibisce l’ulteriore crescita del “Popolo dell’Abisso”. In passato, la Natura li ha uccisi  e in alcuni casi sarà ancora necessario uccidere . E non dovremmo essere sconvolti da questo compito, come sostiene il signor Wells. La morte per queste persone significherà semplicemente “la fine dell’amarezza del fallimento, la misericordiosa cancellazione delle cose deboli, sciocche e inutili”. Chiaramente l’effetto di questo sarà moralmente giustificabile secondo Wells:

“ La nuova etica considererà la vita un privilegio e una responsabilità, non una sorta di rifugio notturno per spiriti vili usciti dal vuoto; e l’alternativa nella giusta condotta tra il vivere in modo completo, bello ed efficiente sarà morire . Per una moltitudine di creature spregevoli e sciocche, guidate dalla paura e indifese e inutili, infelici o odiose felici in mezzo a squallido disonore, deboli, brutte, inefficienti, nate da desideri sfrenati, e che aumentano e si moltiplicano per pura incontinenza e stupidità, il gli uomini della Nuova Repubblica avranno poca pietà e meno benevolenza. “(5)

Se “l’intero tenore delle azioni di un uomo” gli mostra di non essere idoneo a vivere, i nuovi repubblicani lo stermineranno. Non saranno schizzinosi sull’infliggere la morte perché avranno un senso più pieno delle possibilità della vita. “Avranno un ideale che farà valere la pena uccidere.” L’omicidio, spiega Wells, non sarà inutilmente brutale. “Tutte queste uccisioni saranno fatte con un oppiaceo.” Se questo sarà somministrato con la forza o se la vittima sarà persuasa a ingoiarlo, non lo rivela. I criminali selezionati verranno distrutti con gli stessi mezzi. La pena di morte servirà anche per prevenire la trasmissione di malattie genetiche. Alle persone che soffrono di malattie geneticamente trasmissibili sarà vietata la propagazione e, se lo faranno, verranno uccise. (6)

Quanto agli “sciami di neri, bruni, bianchi sporchi e gialli”, che non soddisfano le nuove esigenze di efficienza, la volontà, insiste “deve andare”. È “la loro parte morire e scomparire”. (7)

Nel 1938, la “Guerra dei mondi” di Wells fu trasmessa come un dramma radiofonico e narrata da Orson Welles. A quanto pare, durante la trasmissione non si era chiarito al suo pubblico che si trattava in realtà di un dramma radiofonico e non della notizia vera e propria. Basti dire che la notizia di un’invasione aliena divoratrice di uomini ha causato un bel panico nei suoi quartieri londinesi, e sono sicuro che il British Propaganda Bureau ha avuto un bel po ‘da ridere. Era una grande notizia per loro, perché mostrava quanto sarebbe stato facile controllare la narrazione anche se fosse stata eseguita in misura assurda. Ha confermato loro che il pubblico  crederà a qualsiasi cosa .

Wells ha scritto del panico causato dal dramma radiofonico nei quartieri di Londra:

” Se quella mattina di giugno si fosse appesa a una mongolfiera nell’azzurro sfolgorante sopra Londra, ogni strada verso nord e verso est che usciva dall’infinito groviglio di strade sarebbe sembrata punteggiata di nero dai fuggitivi, ogni punto un’agonia umana di terrore e disagio fisico… Mai prima nella storia del mondo una tale massa di esseri umani si era mossa e sofferta insieme… senza ordine e con un obiettivo, sei milioni di persone, disarmate e senza provviste, guidavano a capofitto. Era l’inizio della disfatta della civiltà, del massacro dell’umanità . “(8) [enfasi aggiunta]

Penso che non sia una coincidenza che la nostra industria dell’intrattenimento oggi, così fortemente saturata dall’influenza della propaganda di Wells, sia ossessionata dal tema di un mondo post-apocalittico, il gioco della morte in continua rotazione in cui i suoi avatar sono messi alla prova sulla loro capacità di sopravvivere. ad ogni costo. Attraverso queste avventure, noi spettatori veniamo portati avanti e ci viene insegnato come provare il brivido della caccia, la catarsi delle randellate, la liberazione che viene dal caos. Perché noi siamo i figli dell’ultima rivoluzione … l’alba della grande  Purga .

Religione moderna: una mente orwelliana collettiva

In “Open Conspiracy: Blue Prints for a World Revolution” di HG Wells, non esita a dichiarare la sua trilogia: “The Outline of History” (1919), “The Science of Life” (1929) e “The Work, Ricchezza e felicità dell’umanità “(1932) come la nuova Bibbia:

“ Ho già raccontato come ho progettato un gruppo di scritti per incarnare le idee necessarie del nuovo tempo in una forma adattata all’attuale pubblico di lettori; Ho creato una sorta di “Bibbia” provvisoria, per così dire, almeno per alcuni fattori nell’Open Conspiracy. “(9)

Il lettore dovrebbe essere consapevole che Julius Huxley è stato un coautore di “The Science of Life”. Julian è stato anche un membro di spicco della British Eugenics Society, in qualità di vicepresidente dal 1937 al 1944 e presidente dal 1959 al 1962. Interessanti scelte di vita degli autori della nuova Bibbia.

Della visione di Wells per una “religione moderna” ha scritto:

“ … Se la religione deve sviluppare un potere unificante e direttivo nell’attuale confusione delle questioni umane, deve adattarsi a questa mentalità lungimirante, che analizza l’individualità; deve spogliarsi delle sue sacre storie … Il desiderio di servizio, di subordinazione , di effetto permanente, di fuga dalla meschinità e dalla mortalità angoscianti della vita individuale,  è l’elemento immortale  in ogni sistema religioso.

È giunto il momento di spogliare la religione fino a che  [il servizio e la subordinazione sono tutto ciò che Wells vuole mantenere dell’antica reliquia della religione] … La spiegazione del perché le cose stanno è uno sforzo inutile … Il fatto essenziale … è il desiderio di religione e non come è avvenuto … La prima frase nel  credo moderno deve essere, non “credo”, ma “mi dono”.  ‘(10) [enfasi aggiunta]

E a cosa dobbiamo “darci” senza fare domande, ma adorare con una fede cieca ciò che ci viene detto è il bene?

Wells ce lo spiega così:

“ Il personaggio di Open Conspiracy verrà ora mostrato chiaramente. Sarà diventato un grande movimento mondiale tanto diffuso ed evidente quanto il socialismo o il comunismo. Avrà largamente preso il posto di questi movimenti. Sarà più di quello che erano, sarà francamente una religione mondiale. Questa grande, sciolta massa assimilatoria di movimenti, gruppi e società tenterà sicuramente e ovviamente di inghiottire l’intera popolazione del mondo e diventare la nuova comunità umana. “(11)

Conclusione

Nel film di Alfred Hitchcock “The Rope” (1948), due studenti di Harvard uccidono uno dei loro amici come esperimento per commettere l ‘”omicidio perfetto” e una dimostrazione della loro superiorità intellettuale. Ficcano il corpo in una grande cassa al centro della sala da pranzo e organizzano una festa, l’idea è che tutti i loro ospiti saranno troppo sciocchi per capire che stanno cenando in una stanza con un cadavere fresco, cioè , tutti tranne Rupert Cadell (interpretato da James Stewart), un loro ex insegnante. Rupert, riconoscono che sarà la loro vera sfida e la loro più grande prova di superiorità intellettuale se riusciranno a gettargli la lana sugli occhi.

In effetti, è stato Rupert che ha insegnato ai due uomini questo modo di pensare che “l’omicidio è un crimine per la maggior parte degli uomini, ma un privilegio per pochi”. Ciò è motivato dalla convinzione che “i concetti morali del bene e del male non appartengono all’essere superiore”.

Questo argomento è discusso alla cena, gli ospiti pensano che all’inizio Rupert stia scherzando, ma assicura loro che il mondo sarebbe un posto migliore se al superiore fosse permesso di commettere un omicidio, e che un tale omicidio sarebbe una “forma d’arte . ” Afferma “pensa a cosa significherebbe per la disoccupazione, la povertà, l’attesa in lunghe file”. Pensa che la stagione aperta per l’omicidio sarebbe troppo e suggerisce durate più brevi come “tagliare una settimana alla gola” o “giorno di strangolamento”.

Mentre la serata avanza, Rupert, l’uomo astuto che è, osserva una serie di strani comportamenti da parte dei due uomini. David (il giovane assassinato) è stato infatti invitato alla festa, suo padre e il suo fidanzato sono tra gli ospiti e cresce la preoccupazione per il motivo per cui David non si è presentato.

Per farla breve: dopo che tutti gli ospiti se ne sono andati, nell’appartamento rimangono solo Rupert ei due giovani assassini. Rupert scopre che hanno ucciso David (che era anche uno studente di Rupert), e apre la cassa per trovare il corpo. Inorridito e disgustato, chiede “perché l’hai fatto?” Ovviamente hanno risposto, “abbiamo semplicemente messo in opera ciò di cui hai sempre parlato”.

Di fronte alla realtà delle sue parole, Rupert si vergogna di essere parzialmente responsabile di questa scena macabra. Tuttavia, afferma Rupert, “c’era sempre qualcosa di profondo dentro di me che mi ha impedito di mettere in pratica le mie parole”, in altre parole, non ha mai pensato che fosse possibile che qualcuno avesse davvero dentro di sé per attuarle.

È in questo momento che Rupert si rende conto che non è in realtà l’essere superiore che è in grado di commettere un omicidio, ma il pazzo criminale. Che l’idea di ripulire il mondo dai suoi “inferiori”, in effetti libererebbe il mondo dai suoi esseri più amorevoli e morali, i loro tratti considerati intollerabilmente sciocchi e deboli.

Alla fine, saremmo rimasti con il peggio dell’umanità, una razza umana che si era cannibalizzata.

Appunti

(1) HG Wells,  Kipps , Fontana Books, Londra, 1961, p. 240
(2) Darwin’s Autobiography, pg 26
(3) James K. Boyce ” Democratizing Global Economic Governance ” 2004
(4) HG Wells ‘”Anticipations of the Reaction of Mechanical and Scientific Progress on Human Life and Thought”, Chapman e Hall, Londra, 1901, pg 81-2, 211-12.
(5) Ibid. pg 298-9.
(6) Ibid. pg 300-301
(7) Ibid. pg 280, 317.
(8) “A Modern Utopia” di GG Welles, Chapman and Hall, Londra, 1905, pg 135
(9) ” Open Conspiracy ” di HG Wells pg 50
(10) Ibid
(11) Ibid, pg 58

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

3 1 vote
Article Rating
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments