CoronavirusDeep StateEight O’Clock in the MorningSaluteScienza e Tecnologia

Uno sguardo più da vicino ai guardiani della ricerca medica

Nel suo ultimo articolo, il famigerato biologo britannico Harold Hillman ha proclamato che “la biologia cellulare è in gravi difficoltà”. Quel documento è stato pubblicato nel 2011 e riassume la ricerca della sua vita (iniziata negli anni ’70), avvertendo biologi e fisiologi cellulari che qualcosa è seriamente sbagliato nella loro comprensione del corpo umano.

Ora eccoci nel 2022. La maggior parte della popolazione mondiale è stata costretta a intraprendere una terapia genica sperimentale, molti medici hanno violato il loro giuramento di “non nuocere” e innumerevoli morti inutili sono state causate sia dall’iniezione e la risposta draconiana al presunto virus.

Nelle parole di Hillman, la medicina moderna “è in gravi difficoltà”.

Articoli correlati

Ma come siamo arrivati ​​qui? Come siamo arrivati ​​a un punto in cui le cure naturali vengono evitate a favore di farmaci costosi e pericolosi? Com’è possibile che la maggior parte degli “esperti” medici sia disposta a ignorare l’uso di vitamine, minerali e altri trattamenti sicuri e provati e invece avallare terapie sperimentali e pericolose?

Perché le persone continuano a credere alla propaganda pro-farmaceutica esposta dai media mainstream, senza il minimo sospetto riguardo al denaro e al potere concessi ai tecnocrati e alle élite farmaceutiche che promuovono il paradigma della medicina basata sui farmaci?

E come è possibile che esista una cospirazione del genere? Se Sars-Cov-2 non esistesse, lo sapremmo, giusto? Se le cure naturali fossero efficaci, i nostri medici le prescriverebbero, giusto? Se i vaccini fossero pericolosi, ce lo direbbe il CDC, giusto?

Chiaramente no.

Come si suol dire, i soldi fanno girare il mondo . Quindi diamo un’occhiata ai maggiori finanziatori mondiali della ricerca sanitaria per vedere se riusciamo a discernere qualche ragione sul perché la medicina moderna abbia preso una svolta così orribile e terrificante.

FINANZIAMENTI PER LA RICERCA SANITARIA: DOVE VANNO A FINIRE I SOLDI?

In primo luogo, è necessario capire dove va la maggior parte dei fondi per la ricerca sanitaria. Per questo, faremo affidamento su un articolo pubblicato su Health Research Policy and Systems intitolato I 10 maggiori finanziatori pubblici e filantropici della ricerca sanitaria nel mondo: cosa finanziano e come distribuiscono i loro fondi.

Secondo i ricercatori, nel 2013 il National Institute of Health (NIH) ha concesso 4,8 miliardi di dollari per la ricerca sulle malattie infettive (di cui 113 milioni di dollari per le infezioni respiratorie e 2,8 miliardi di dollari per la ricerca sull’HIV/AIDS). Hanno anche concesso sovvenzioni alla ricerca su malattie cardiovascolari ($ 1,9 miliardi), cancro ai polmoni ($ 208 milioni) e salute mentale ($ 2,1 miliardi).

Anche la Commissione Europea, il Medical Research Council (MRC) e Wellcome Trust indirizzano la maggior parte delle loro sovvenzioni alla ricerca sulle malattie infettive.

Un articolo pubblicato su The Lancet , intitolato Investimenti del Regno Unito nella ricerca globale sulle malattie infettive 1997–2010: un caso di studio ha rilevato che tra il 1997 e il 2010 la virologia è stata la categoria più finanziata della ricerca sulle malattie infettive e i maggiori finanziatori di tale ricerca nel Regno Unito sono stati il Wellcome Trust (688 milioni di sterline) e l’MRC (673 milioni di sterline).

La fondazione Bill e Melinda Gates dirige anche la maggior parte dei loro sforzi “filantropici” verso la lotta alle malattie infettive, con meno del 3% del loro budget destinato alle malattie non trasmissibili.

Allora cosa significa tutto questo? Bene, significa che i virus valgono MOLTI soldi (e continueranno ad apprezzarsi in modo esponenziale per ovvi motivi).

Forse questo spiega perché l’affermazione che Sars-Cov-2 non esiste sia trattata con tale ardente censura e disprezzo rispetto alla teoria del “lab-leak” favorevole ai germi che ora si è insinuata nella narrativa mainstream , supportata anche da quelli dalla parte più alternativa.

Che sia vero o falso, ciò che molte persone non considerano è la misura in cui questa teoria favorisce l’industria farmaceutica.

Infatti, non solo favorisce Big Pharma, favorisce gli hoaxster del WEF rafforzando la narrativa del “virus mortale”, favorisce i produttori di vaccini, favorisce i virologi, favorisce le potenze occidentali, favorisce i banchieri, favorisce Hollywood, favorisce il CDC e favorisce l’OMS!

L’ipotesi del “lab-leak” favorisce praticamente ogni organizzazione o gruppo associato alla truffa Covid .

E non dimentichiamo che le teorie sui virus mutanti in fuga dai laboratori favoriscono sicuramente qualsiasi ricercatore che potrebbe trarre vantaggio dalle enormi quantità di denaro dei guardiani medici del mondo.

Ma chi sono questi guardiani che controllano, dirigono e manipolano la ricerca medica per il controllo e il profitto? Questo è l’argomento principale di questo articolo.

1. IL NATIONAL INSTITUTE OF HEALTH (USA)

Secondo healthresearchfunders.org , il National Institute of Health è il più grande finanziatore della ricerca medica al mondo. L’istituto ha speso più di 26 miliardi di dollari per la ricerca sanitaria nel 2013.

Contrariamente alla credenza popolare, le iniezioni di mRNA non sono una nuova tecnologia. Negli anni ’80, il NIH ha assegnato sovvenzioni ai ricercatori del Salk Institute per la ricerca che coinvolge la tecnologia del vaccino mRNA. In effetti, è stata la ricerca finanziata dal NIH sulla “trasfezione dell’RNA mediata da liposomi cationici” a gettare le basi per decenni di ulteriore lavoro nell’area.

Non sorprende, quindi, che il NIH abbia sostenuto ardentemente le iniezioni di Covid-19 da quando è stata diffusa la notizia del loro sviluppo.

In effetti, il NIH possiede metà del brevetto chiave per il vaccino Covid-19 di Moderna, consentendo loro di riscuotere royalties per ogni fiala venduta. Anche quattro scienziati del NIH hanno depositato il proprio brevetto, sostenendo di essere co-inventori della tecnologia.

Senza dubbio ti starai chiedendo come potrebbe verificarsi un conflitto di interessi così flagrante. Se è così, potresti rimanere scioccato nell’apprendere che i regolamenti del NIH consentono agli scienziati di raccogliere fino a $ 150.000 in pagamenti di royalty ogni anno per i vaccini che hanno contribuito a sviluppare!

Come affermato da Robert F. Kennedy Junior in un articolo per Children’s Health Defense:

“La partecipazione di NIH nella riceeca sui vaccini potrebbe spiegare perché Anthony Fauci ha spostato il vaccino di Moderna in prima linea e per consentire a Moderna di saltare le sperimentazioni sugli animali nonostante la tecnologia sperimentale e i pericoli intrinseci dei vaccini contro il Coronavirus … Potrebbe anche spiegare perché Anthony Fauci ha elargito $ 483 milioni a Moderna da un’agenzia sorella NIH, BARDA, nonostante Moderna non abbia mai lanciato un prodotto sul mercato o ottenuto l’approvazione.

Inoltre, è stato il dottor Anthony Fauci, il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases del NIH (e capo consigliere medico del presidente) insieme all’ex direttore del NIH, il dottor Francis Collins, che hanno collaborato per reprimere le opinioni dissenzienti sulle misure Covid-19.

Lo ha rivelato grazie a una richiesta di libertà di informazione avanzata dall’American Institute for Economic Research (AIER) che ha portato a una cache di email tra Fauci e Collins. I due hanno utilizzato i loro contatti nei media per reprimere le proposte avanzate nella Dichiarazione di Great Barrington, chiedendo una soluzione di “protezione mirata” alla pandemia di Covid.

In un articolo per il Brownstone Institute, Jeffery Tucker rivela gli strumenti utilizzati dalla dirigenza del NIH per manipolare l’opinione pubblica e promuovere narrazioni favorevoli (a loro favore, cioè).

“Cosa impariamo da queste email? Gli attacchi a decine di migliaia di professionisti medici e scienziati sono stati effettivamente incoraggiati dall’alto. La base degli attacchi non erano articoli scientifici. Erano pezzi popolari fortemente politici”.

2. IL DIPARTIMENTO DELLA DIFESA DEGLI STATI UNITI

Si è vero. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti è uno dei maggiori finanziatori della ricerca sanitaria globale. In effetti, secondo healthresearchfunders.org, è il sesto più grande finanziatore, con spese per la ricerca sanitaria che hanno superato il miliardo di dollari nel 2013.

E quando parliamo del DoD, in realtà parliamo della DARPA, la “Defense Advanced Research Projects Agency” che ha finanziato Moderna per 25 milioni di dollari nel 2013.

Insieme al NIH menzionato sopra, DARPA finanzia anche Profusa, una startup biotecnologica sostenuta da Google che attualmente sviluppa la tecnologia dei biosensori iniettabili. Secondo Profusa , la loro tecnologia di biosensori può

“Misurare i livelli di ossigeno nei tessuti, fornisce potenziali indicatori della risposta umana alle infezioni o all’esposizione a malattie in volontari sani”

Il progetto è realizzato in collaborazione con l’Imperial College London, lo stesso istituto che ha ricevuto finanziamenti significativi da Bill Gates e lo stesso istituto responsabile della produzione dei modelli epidemiologici orribilmente imprecisi che sono stati utilizzati per influenzare direttamente la politica di salute pubblica attorno alla narrativa Covid.

Come il NIH, DARPA sostiene da tempo la tecnologia mRNA. In effetti, hanno iniziato a investire nella tecnologia nel 2011, più o meno nello stesso periodo in cui Bill Gates ha fatto il suo primo investimento in Moderna.

Ma il loro interesse per la terapia genica va oltre i vaccini. Gli scienziati della DARPA stanno anche cercando modi per utilizzare la terapia genica per “migliorare tutta una serie di funzioni corporee alterando letteralmente il DNA di una persona con virus o sostanze chimiche”. Bello.

Un altro programma DARPA, chiamato ECHO , sta sviluppando “test diagnostici che misurano la risposta del corpo all’infezione virale piuttosto che testare il virus stesso” e il loro programma SIGMA+ sta “valutando il potenziale utilizzo della tecnologia indossabile per rilevare COVID-19 e altre malattie infettive. ”

3. THE WELLCOME TRUST (REGNO UNITO)

Il Wellcome Trust è un ente di beneficenza scientifico con sede a Londra, fondato con i fondi del magnate farmaceutico Henry Wallace.

Secondo healthresearchfunders.org, il Wellcome Trust è il settimo più grande finanziatore della ricerca sanitaria globale, sborsando quasi $ 1 miliardo nel 2013.

Wellcome ha precedentemente fondato quello che oggi è uno dei più grandi colossi farmaceutici del mondo, GlaxoSmithKline, e oggi il trust utilizza la sua dotazione di 25,9 miliardi di dollari per scopi “filantropici”, inclusi il finanziamento di studi clinici, sviluppo di vaccini e altre ricerche relative alla salute.

Sì, uno dei maggiori finanziatori mondiali della ricerca sanitaria non solo è stato fondato da Big Pharma, ma ha anche fondato uno dei più grandi colossi farmaceutici del mondo!

Ancora più preoccupante è il legame del Trust con la British Eugenics Society (ora ribattezzata “Galton Institute”). Non solo la biblioteca del Wellcome Trust ospita gli archivi della British Eugenics Society, ma molti dei loro scienziati continuano a ricoprire posizioni di vertice al Galton Institute. Secondo la giornalista Whitney Webb:

“Diverse posizioni dirigenziali presso l’ex British Eugenics Society, ora Galton Institute, includono individui che originariamente lavoravano presso il Wellcome Trust, incluso il presidente del Galton Institute Turi King”.

Cntinua a scrivere,

“La ricercatrice genetica senior del Galton Institute, Jess Buxton, era in precedenza una “ricercatrice genetica” presso il Wellcome Trust e poi ha condotto ricerche indipendenti finanziate da Wellcome”.

Anche lo sviluppatore principale del vaccino Oxford-Astrazeneca, Adrian Hill, guida un gruppo di ricerca presso Wellcome volto a scoprire la suscettibilità genetica alle malattie infettive.

In qualità di maggiore finanziatore della ricerca virologica nel Regno Unito e sostenitore dell’Edward Jenner Institute for Vaccine Research dell’Università di Oxford (istituito grazie al finanziamento di GlaxoSmithKline!), il Wellcome Trust è il principale motore della rete di vaccini del Regno Unito.

E come puoi immaginare, il Trust non è privo di controversie.

Nel 2013, il Wellcome Trust ha finanziato una sperimentazione clinica per testare un nuovo vaccino contro la tubercolosi in Sud Africa. Sette bambini sono morti a causa del vaccino, che aveva già mostrato segni di tossicità durante gli studi sugli animali.

I genitori hanno acconsentito alla sperimentazione dopo aver ricevuto informazioni fuorvianti , inclusa l’affermazione che il vaccino “è stato testato sugli animali e si è dimostrato sicuro ed efficace”.

A peggiorare le cose, al momento del processo, gli scienziati della Wellcome avevano una partecipazione finanziaria nel vaccino.

Un’indagine condotta in seguito dal British Medical Journal ha posto la questione più importante , se le università (enfasi aggiunta) “sono attrezzate o disposte a indagare sulle accuse di cattiva condotta scientifica contro accademici di alto profilo che portano ingenti finanziamenti. 

Nel 2018, il Wellcome Sanger Institute, un centro di ricerca sul genoma e una sussidiaria del Wellcome Trust collegato all’Eugenics, è stato smascherato per aver tentato di commercializzare un chip genetico senza il consenso delle centinaia di africani che hanno donato il loro DNA al progetto. Jantina de Vries, bioetica dell’Università di Cape Town in Sud Africa, ha definito le azioni di Wellcome Sanger “chiaramente non etiche. Punto.”

4. LA COMMISSIONE EUROPEA

La Commissione Europea (CE) è il ramo esecutivo dell’Unione Europea. Il lavoro della CE è diretto da un gabinetto di commissari e guidato dal suo presidente, la dott.ssa Ursula Von der Leyen (stretta alleata di Angela Merkel).

Secondo healthresearchfunders.org, la Commissione europea è il secondo finanziatore della ricerca sanitaria globale, con una spesa di oltre 3 miliardi di dollari in ricerca relativa alla salute nel 2013.

In un documento del 2020 intitolato “Strategia farmaceutica per l’Europa”, la Commissione europea raddoppia la sua fedeltà alle Big Pharma e al paradigma della medicina basata sui farmaci. Dopo aver esposto l’efficacia delle terapie geniche e dei vaccini, il rapporto prosegue commentando come l’UE intende accelerare l’approvazione normativa per i prodotti farmaceutici. La formulazione è tipicamente vaga, impiegando le solite parole d’ordine.

“La Commissione valuterà le procedure per esplorare nuovi approcci alla valutazione delle prove scientifiche per la sicurezza e l’efficacia dei medicinali nell’ambito della revisione della legislazione e cercherà di portare i tempi di approvazione normativa dell’UE alla pari con quelli in altre parti del mondo. Considererà come l’infrastruttura e i processi normativi adattati potrebbero sfruttare la tecnologia digitale e l’intelligenza artificiale per supportare il processo decisionale normativo e aumentare l’efficienza”.

La cosa più inquietante è la menzione dell’integrazione dell’intelligenza artificiale nel già dubbio processo decisionale normativo, un sogno bagnato per i tecnocrati transumanisti, senza dubbio.

Come accennato in precedenza, il presidente della Commissione europea è Ursula Von der Leyen, l’ex ministro della Difesa tedesco che ha alle spalle rapporti loschi.

Durante il suo periodo a capo dell’esercito tedesco, ha assegnato una serie di contratti redditizi a consulenti esterni senza un’adeguata supervisione. Gli investigatori sospettavano che lei e i suoi funzionari avessero assegnato contratti in base alla loro rete di connessioni personali.

Ad esempio, secondo la rivista Spiegel , entro quattro anni dall’assunzione della carica di ministro della Difesa di Von der Leyen, i guadagni di Accenture dal lavoro con l’esercito tedesco sono aumentati da 459.000 euro nel 2014 a 20 milioni di euro nel 2018.

Nonostante ciò, Von der Leyen è stata nominata capo della Commissione europea, ed ecco, il suo comportamento losco è continuato. Durante il culmine della saga di Covid, Von der Leyen ha negoziato “il più grande contratto mai siglato per i vaccini COVID-19” con il capo della Pfizer Albert Bourla, tramite messaggio di testo .

Il contratto ha visto l’UE impegnarsi ad acquistare 900 milioni di vaccini Pfizer-BioNTech, con un’opzione per acquistarne altri 900 milioni dopo che l’UE aveva già negoziato un accordo per 600 milioni di dosi nell’ambito di due contratti precedenti.

In risposta a una successiva richiesta pubblica di visualizzare i messaggi, è stato rivelato che non era stata tenuta alcuna registrazione dello scambio. In altre parole, Von der Leyen aveva cancellato di proposito i messaggi, indicando che probabilmente stava nascondendo qualcosa.

Nel dicembre 2021, Von der Leyen ha affermato che l’UE deve prendere in considerazione la vaccinazione obbligatoria in risposta alla variante Omicron “altamente contagiosa”. A quel tempo, c’erano un totale di 59 casi di Omicron in Europa, tutti con “sintomi lievi” o completamente asintomatici .

Ursula Von Der Leyen è sposata con Heiko Von der Leyen, discendente della nobile famiglia tedesca dei Von der Leyen. Nel settembre 2020, Heiko è diventato Direttore medico di Orgenesis , una startup biotecnologica con sede negli Stati Uniti “che lavora per sbloccare il potenziale della terapia cellulare e genica”.

Orgenesis sta attualmente lavorando a una serie di progetti, incluso lo sviluppo del proprio vaccino contro il Covid-19!

Probabilmente non lo sapremo mai se Orgenesis abbia collegamenti con Pfizer e se la promozione di Heiko a Direttore medico abbia qualcosa a che fare con il losco scambio di messaggi di testo di Ursula Von der Leyen con il CEO di Pfizer, Albert Bourla.

5. L’HOWARD HUGHES MEDICAL INSTITUTE (STATI UNITI)

L’Howard Hughes Medical Institute (HHMI) è un’organizzazione di ricerca medica senza scopo di lucro con sede in America. È stata fondata nel 1953 da Howard Hughes, un magnate americano degli affari.

Durante i primi giorni, l’istituto fu istituito come paradiso fiscale per l’enorme fortuna personale di Hughes e la maggior parte del denaro per l’istituto sanitario proveniva dalla vendita di armi di difesa aerea alle potenze occidentali.

Secondo healthresearchfunders.org, l’Howard Hughes Medical Institute è l’undicesimo più grande finanziatore della ricerca sanitaria nel mondo, con una spesa di oltre 750 milioni di dollari per la ricerca sanitaria nel 2013.

Degno di nota è che l’istituto ha una collaborazione di lunga data con la Fondazione Rockefeller. È saggio per noi ricordare che furono i Rockefeller a promuovere e finanziare il movimento eugenetico americano. Sono stati anche determinanti nella promozione dell’uso di OGM e di altre tecnologie agricole pericolose.

Secondo il sito web della Rockefeller University,

“HHMI supporta la ricerca dei docenti Rockefeller che hanno appuntamenti HHMI con finanziamenti per stipendi, forniture, attrezzature e personale di laboratorio, inclusi collaboratori post-dottorato, tecnici e assistenti amministrativi”.

L’HHMI impiega un certo numero di scienziati, chiamati “ricercatori”, e finanzia nuove ricerche sotto forma di borse di studio. Molti degli investigatori dell’HHMI sono coinvolti nella ricerca sul vaccino contro il Covid-19 (quindi soldi ben spesi) e in altre ricerche genetiche che coinvolgono la tecnologia CRISPR.

Ad esempio, nel 2020, la ricercatrice HHMI Jennifer Doudna ha ricevuto il premio Nobel per la chimica per il suo lavoro come pioniere di un nuovo metodo di editing del genoma. Un altro degli investigatori di HHMI, Robert Horvitz, è un consulente della Fondazione Gates.

Ma questo non è l’unico collegamento che HHMI ha con la Gates Foundation. Nel 2017, l’HHMI, la Gates Foundation e il Wellcome Trust si sono uniti per sponsorizzare “41 International Research Scholars, scienziati all’inizio della carriera pronti a far progredire la ricerca biomedica in tutto il mondo”.

Insieme hanno assegnato un totale di 26,7 milioni di dollari a questi ricercatori in una mossa che dimostra chiaramente come queste grandi fondazioni “filantropiche” siano colluse per dirigere e manipolare la ricerca sanitaria globale e influenzare il consenso medico prevalente.

Degno di nota è che l’esercito degli Stati Uniti, la Gates Foundation, il NIH e l’HHMI finanziano tutti il ​​MIT Media Lab, lo stesso istituto che ha accettato finanziamenti da Jeffery Epstein, condannato per reati sessuali e pedofilo.

Il laboratorio del MIT Media ospita anche Robert Langer, il co-fondatore di Moderna, e Kevin Esvelt, il leader di “Sculpting Evolution”, un gruppo che sviluppa tecnologie di editing genetico per “modificare in modo sicuro e umano le popolazioni e gli ecosistemi selvatici”.

FINANZIAMENTI COVID-19: UNA TRAPPOLA DEL DEBITO DELIBERATA?

Prima di concludere, è necessario richiamare l’attenzione su un importante sviluppo dei finanziamenti sanitari che si è verificato negli ultimi due anni. E questo è il finanziamento dell’acquisto di miliardi di iniezioni di Covid-19.

Come avrai intuito, i banchieri stanno usando questa come un’opportunità per trascinare i paesi in una trappola del debito, favorendo la propria ricchezza e il proprio controllo. La sola Banca Mondiale si è impegnata a finanziare iniezioni di Covid-19 per un importo di 20 miliardi di dollari.

Secondo un rapporto compilato dall’organizzazione umanitaria CARE, intitolato Who Pays to Deliver Vaccines?

“L’86% dei finanziamenti in questa analisi è sotto forma di prestiti. Ciò dà ai paesi un debito che potrebbe indebolire la futura preparazione alla pandemia piuttosto che rafforzare i sistemi sanitari”.

Quello che stanno veramente dicendo qui è che le enormi somme di denaro spese dai governi mondiali per procurarsi i vaccini contro il Covid-19, e le enormi somme di denaro che dovranno restituire ai banchieri negli anni a venire, martelleranno le loro economie così tanto che i vaccini finiranno per indebolire i loro sistemi sanitari, non per rafforzarli.

Chi l’avrebbe mai detto?

DETTARE IL CONSENSO MEDICO E INGEGNERIZZARE SOCIALMENTE LA CULTURA SCIENTIFICA

Il fatto che i ricercatori vengano pagati per i loro sforzi è una buona cosa e avere soldi a disposizione per approfondire la nostra conoscenza delle malattie e sviluppare trattamenti efficaci e salvavita è una buona cosa.

Tuttavia, quando la stragrande maggioranza di tale finanziamento è controllata e diretta da un piccolo numero di gruppi che sembrano operare all’interno di un paradigma medico specifico (ad esempio uno basato sull’editing genetico, farmaci e vaccini), è tempo di interrogarsi i motivi dietro i soldi.

Se il loro finanziamento sta dando più potere alle aziende farmaceutiche, promuovendo tecnologie transumanistiche e minando trattamenti più sicuri e naturali, è ancora una buona cosa?

Nel documento citato in precedenza in questo articolo intitolato I 10 maggiori finanziatori pubblici e filantropici della ricerca sanitaria nel mondo: cosa finanziano e come distribuiscono i loro fondi, i ricercatori alludono proprio a questo problema.

“C’è anche bisogno di un maggiore dibattito su dove dovrebbe risiedere il potere di decidere le priorità per la ricerca sanitaria finanziata con fondi pubblici (con parlamenti, ministeri, agenzie di finanziamento o comitati indipendenti di esperti). Tale dibattito è necessario perché ci sono risorse limitate per investire nella ricerca sanitaria e quindi è necessario stabilire le priorità utilizzando metodi equi e legittimi e utilizzando le migliori prove possibili”.

Continuano a mettere in discussione le basi per le decisioni di finanziamento, affermandolo correttamente

“In pratica, le decisioni di finanziamento della ricerca sanitaria nel settore pubblico non vengono prese solo sulla base di ciò che per la ricerca è necessario, ma sono regolarmente influenzate da altri fattori, come interessi politici, advocacy e lobbying .” (corsivo aggiunto)

Pertanto, il finanziamento della ricerca sanitaria può essere visto come un modo per dettare il consenso medico prevalente e “ingegnerizzare socialmente” la cultura scientifica per accettare cose come i vaccini mRNA e le soluzioni basate sui farmaci, indipendentemente dal fatto che siano efficaci, sicure, convenienti o etiche.

Ora, la prossima volta che ascolterai storie di virus mutanti che scappano dai biolab e provocano ogni sorta di orrore tra la popolazione, fermati e pensa due volte a quanti soldi ci sono su quella richiesta.

Articolo tradotto da fonte https://www.newbraveworld.org/gatekeepers-of-medical-research/

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!