CoronavirusSalute

UNO STUDIO CONFERMA: IL VACCINO PFIZER PUÒ CAUSARE MIOCARDITE SOTTO I 30 ANNI

I dettagli trapelati da un rapporto del ministero della Salute israeliano hanno sollevato preoccupazioni tra gli esperti su un possibile collegamento tra il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 e la miocardite, secondo The Times of Israel  e altri organi di  stampa. Già ne avevamo parlato nel mese di febbraio quando un 19 enne israeliano era finito in terapia intensiva dopo essere aver ricevuto il siero Pfizer.

Il  rapporto preliminare di  un comitato incaricato di monitorare gli effetti collaterali del vaccino ha rilevato 62 casi di miocardite, inclusi due decessi, in persone che hanno ricevuto il vaccino Pfizer. Cinquantasei casi si sono verificati dopo la seconda dose del vaccino e 55 casi si sono verificati negli uomini, la maggior parte di età compresa tra  18 e 30 anni .

Secondo quanto riferito, i due pazienti deceduti erano  sani  fino al ricevimento del vaccino e non presentavano condizioni preesistenti. Una era una donna di 22 anni, l’altra era un uomo di 35 anni.

La miocardite , o infiammazione del muscolo cardiaco, può portare ad aritmia cardiaca e morte.

Il coordinatore israeliano della risposta alla pandemia, Nachman Ash, ha  confermato che   “decine di incidenti” di miocardite si sono verificati in persone vaccinate, principalmente dopo la seconda dose, ma ha sottolineato che il ministero della salute non ha ancora tratto alcuna conclusione.

Determinare un collegamento, ha detto Ash, sarebbe difficile perché la miocardite, una condizione che spesso scompare senza complicazioni, può essere causata da una varietà di virus e un numero simile di casi è stato segnalato negli anni precedenti, ha  riferito Reuters .

Tuttavia,  secondo i ricercatori  della National Organization for Rare Disorders, la miocardite può derivare da infezioni, ma “più comunemente la miocardite è il risultato della reazione immunitaria del corpo al danno cardiaco iniziale”.

I ricercatori israeliani hanno  presentato i  loro risultati al direttore generale del ministero della Salute israeliano, alla Pfizer, ai Centers for Disease Control and Prevention e alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Alla domanda di  Reuters  sulla revisione, Pfizer ha detto di essere in contatto regolare con il ministero della Salute israeliano per rivedere i dati sul suo vaccino e che era a conoscenza delle osservazioni israeliane di miocardite che si sono verificate prevalentemente nei giovani uomini.

“Gli eventi avversi vengono regolarmente e accuratamente esaminati e non abbiamo osservato un tasso di miocardite più elevato di quello che ci si aspetterebbe nella popolazione generale”, ha affermato la società  . “Non è stato stabilito un nesso causale con il vaccino. Non ci sono prove in questo momento per concludere che la miocardite sia un rischio associato all’uso del vaccino Pfizer / BNT COVID-19 “. un classico.

Pfizer ha affermato di non aver rilevato risultati simili nel resto del mondo, ma avrebbe approfondito il fenomeno.

Tuttavia, una ricerca di “miocardite” nel sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino del CDC ha  rivelato 62 casi di miocardite , di cui il 70% in persone di età compresa tra 17 e 44 anni. Dei casi segnalati,  23 sono stati segnalati  dopo il vaccino Pfizer.

I ricercatori che hanno condotto lo studio israeliano hanno sottolineato che erano necessarie ulteriori indagini per confermare un legame tra miocardite e vaccino, ma hanno aggiunto di avere preoccupazioni significative. Hanno scritto :

“In questa fase, secondo i risultati preliminari, che necessitano di ulteriori conferme, si ha l’impressione di un numero maggiore del previsto, soprattutto per le età fino ai 30 anni. Sarà presto preparato un rapporto più avanzato sull’argomento”.

“L’impressione è che ci sia un aumento dell’incidenza del fenomeno soprattutto nei giovani sulla scala di 1: 20.000 dopo la vaccinazione. È probabile che l’insorgenza della miocardite sia associata alla ricezione del vaccino (in particolare la seconda dose). “

Gli esperti del ministero della salute stanno esaminando il rapporto e  renderanno pubblici i risultati . Tuttavia in  un’intervista , Ash ha affermato che i benefici del vaccino sono così grandi che “anche se troviamo una connessione tra alcuni dei casi e il vaccino, non sarà giustificato intraprendere alcuna azione riguardo al vaccino”.

Ricerche passate suggeriscono che i vaccini a mRNA possono causare gli stessi sintomi di COVID

Secondo Lyn Redwood, RN, MSN e presidente emerita di  Children’s Health Defense , “Non sorprende che stiamo assistendo alla stessa risposta immunitaria con conseguente miocardite dalla proteina spike dei vaccini come vediamo nell’infezione effettiva”.

Redwood ha spiegato che  i vaccini a mRNA  funzionano incorporando il modello genetico per la proteina spike chiave sulla superficie del virus in una formula che, quando iniettata negli esseri umani, istruisce le nostre stesse cellule a produrre la proteina spike.

“Il problema con questo approccio è che la sola proteina spike – che i vaccini a mRNA istruiscono il corpo a produrre – è stata  implicata  come causa chiave di danno cardiaco e morte nelle persone con COVID-19″, ha detto Redwood.

Secondo Redwood, sulla base delle  ricerche condotte fino ad oggi , è molto probabile che alcuni destinatari dei vaccini con mRNA della proteina spike sperimentino gli stessi sintomi e lesioni associate al virus.

Come  riportato da The Defender  il 10 febbraio, il dottor  J. Patrick Whelan, MD, Ph.D ha  cercato di  avvisare la FDA  della possibilità che i vaccini COVID causino lesioni. In particolare, Whelan era preoccupato che la  tecnologia del vaccino a mRNA  utilizzata da  Pfizer  e  Moderna  avesse “il potenziale per causare lesioni microvascolari (infiammazione e piccoli coaguli di sangue chiamati microtrombi) al cervello, cuore, fegato e reni in modi che non sono stati valutati nelle prove di sicurezza. “

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!