Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali Ursula von der Leyen MINACCIA L’ITALIA

Ursula von der Leyen MINACCIA L’ITALIA

0

Bruxelles ha modi di trattare con gli Stati membri che si discostano dai suoi valori, ha affermato Ursula von der Leyen

L’UE ha ” strumenti ” per rispondere se la situazione politica in Italia va in una ” direzione difficile “, ha affermato giovedì la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Ha accennato al fatto che il paese potrebbe subire punizioni come quelle recentemente inflitte contro Ungheria e Polonia se le imminenti elezioni dovessero risultare nella prevista spazzata di destra.

” Il mio approccio è che qualunque governo democratico deve essere disposto a lavorare con noi, stiamo lavorando insieme “, ha detto in risposta alla domanda se avesse ” preoccupazioni ” per il voto parlamentare italiano di domenica, in cui i conservatori di Fratelli d’Italia dovrebbero occupare il primo posto.

” Se le cose vanno in una direzione difficile, come per Ungheria e Polonia, abbiamo gli strumenti “, ha spiegato von der Leyen.

Mentre il portavoce della CE Eric Mamer si è affrettato a chiarire che von der Leyen stava semplicemente “sottolineando il ruolo della Commissione come custode dei trattati europei per quanto riguarda lo stato di diritto”, non tutti hanno interpretato le sue parole in questo modo.

Matteo Salvini, leader della Lega, ha denunciato la “ vergognosa arroganza ” di von der Leyen e ha invitato la CE a “ rispettare il voto libero, democratico e sovrano del popolo italiano! Nell’ultimo turno di sondaggi all’inizio di questo mese, la Lega avrebbe dovuto portare a casa il 12% dei voti.

La CE all’inizio di questo mese ha raccomandato di sospendere 7,5 miliardi di euro (7,5 miliardi di dollari) di finanziamenti all’Ungheria – un terzo del denaro che riceve da Bruxelles – per la presunta “ erosione dello stato di diritto. L’anno scorso Bruxelles ha inflitto una punizione simile alla Polonia dopo che il tribunale costituzionale del paese ha ritenuto che alcune leggi polacche prevalgono su quelle dell’UE.

Le elezioni parlamentari anticipate in Italia sono state innescate dalle dimissioni del primo ministro Mario Draghi a luglio dopo che i suoi partner nella coalizione di governo lo hanno abbandonato. Dal 9 settembre, quando è entrato in vigore il blackout sulla pubblicazione dei sondaggi elettorali, i Fratelli d’Italia avrebbero preso il 25% dei voti. Oltre al 12% della Lega, si prevede che il partner della coalizione Forza Italia guadagnerà l’8%, il che significa che una vittoria per il blocco conservatore è facilmente raggiungibile. Fratelli d’Italia ha vinto a malapena il 4% dei voti nel 2018.

Come il resto dell’UE, l’Italia sta lottando con una crisi del costo della vita esacerbata dalle sanzioni a livello di blocco contro petrolio e gas russi. In precedenza erano state fissate le elezioni generali per il prossimo anno.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleINTEL NATO CLASSIFICATE COME “SEGRETE” DATE ALL’UCRAINA 
Next articleL’Ucraina usa le armi della NATO per uccidere civili innocenti nel Donbass. Il silenzio dei media occidentali
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.