Database Italia

USA, accuse formali per New York, Portland e Seattle. Ecco come hanno consentito e incoraggiato violenze e la distruzione di proprietà

L’identificazione è la risposta al memorandum presidenziale sulla revisione dei finanziamenti federali ai governi statali e locali che consentono l’anarchia, la violenza e la distruzione nelle città americane

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha oggi identificato le seguenti tre giurisdizioni che hanno consentito il persistere della violenza e la distruzione di proprietà e si sono rifiutate di adottare misure ragionevoli per contrastare le attività criminali: New York City; Portland, Oregon; e Seattle, Washington. Il Dipartimento di Giustizia sta continuando a lavorare per identificare le giurisdizioni che soddisfano i criteri stabiliti nel Memorandum del Presidente e aggiornerà periodicamente l’elenco delle giurisdizioni selezionate come richiesto in esso.

L’elenco è stato pubblicato oggi sul sito web del DOJ in risposta al memorandum del presidente Trump del 2 settembre 2020, intitolato “Memorandum on Review Funding to State and Local Government Recipients That are Permitting Anarchy, Violence, and Destruction in American Cities”. 

“Quando i leader statali e locali impediscono alle proprie forze dell’ordine e alle agenzie di svolgere il proprio lavoro, si mettono in pericolo i cittadini innocenti che meritano di essere protetti, compresi quelli che stanno cercando di riunirsi pacificamente e protestare”, ha detto il procuratore generale William P. Barr. “Non possiamo permettere che i dollari delle tasse federali vengano sprecati quando la sicurezza dei cittadini è in bilico. La mia speranza è che le città identificate oggi dal Dipartimento di Giustizia invertano la rotta e diventino seri nello svolgere la funzione di governo di base e inizino a proteggere i propri cittadini “.

 Di seguito sono riportati i criteri per la valutazione di ciascuna città:

  • Se una giurisdizione vieta alle forze di polizia di intervenire per ristabilire l’ordine in mezzo a violenze o distruzioni diffuse o prolungate.
  • Se una giurisdizione ha ritirato la protezione delle forze dell’ordine da un’area geografica o una struttura a cui le forze dell’ordine hanno il diritto di accedere ma a cui è stato ufficialmente impedito di accedere o cui è stato consentito l’accesso solo in circostanze eccezionali, tranne quando le forze dell’ordine sono trattenute brevemente come tattica decisione intesa a risolvere in modo sicuro e rapido un incidente illecito specifico e in corso che rappresenta una minaccia imminente per la sicurezza delle persone o delle forze dell’ordine.
  • Se una giurisdizione svaluta o defunda i dipartimenti di polizia.
  • Se una giurisdizione rifiuta irragionevolmente di accettare offerte di assistenza da parte delle forze dell’ordine da parte del governo federale.
  • Qualsiasi altro fattore correlato che il procuratore generale ritenga appropriato.

New York City

  • Le sparatorie a New York City sono aumentate da quando i saccheggi e le proteste sono iniziate intorno al 28 maggio 2020. Per luglio 2020, le sparatorie sono aumentate da 88 a 244, un aumento del 177% rispetto a luglio 2019. Nell’agosto 2020, le sparatorie sono aumentate da Da 91 a 242, un aumento del 166% rispetto ad agosto 2019.
  • Mentre la città ha dovuto affrontare un aumento dei disordini, della violenza armata e dei danni alla proprietà, il Consiglio di New York City ha tagliato $ 1 miliardo dal budget FY21 del NYPD.
  • Il budget ha comportato la cancellazione della nuova classe di reclutamento della polizia, tagli alla spesa per gli straordinari e il trasferimento di alcune funzioni di polizia, inclusa la sicurezza scolastica, fuori dal NYPD.
  • Nel frattempo, i procuratori distrettuali di Manhattan e Brooklyn hanno rifiutato di perseguire le accuse di condotta disordinata e riunione illegale derivanti dalle proteste, e i procuratori distrettuali del Queens e del Bronx hanno rifiutato di perseguire altre accuse relative alle proteste.
  • Sia il sindaco de Blasio che il governatore Cuomo hanno respinto con la forza il sostegno alle forze dell’ordine federali.

Portland, Oregon

  • Questo mese, Portland ha segnato 100 notti consecutive di proteste segnate da atti di vandalismo, caos e persino omicidi.
  • Coloro che si dedicavano alla violenza accendevano regolarmente incendi, lanciavano proiettili contro le forze dell’ordine e distruggevano proprietà. Numerosi agenti delle forze dell’ordine, tra gli altri, hanno subito lesioni.
  • Le riprese sono aumentate di oltre il 140% a giugno e luglio 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
  • In mezzo a questa violenza, il consiglio comunale di Portland ha tagliato 15 milioni di dollari dall’ufficio di polizia, eliminando 84 posizioni. Fondamentalmente, i tagli includevano il Gun Violence Reduction Team, che indaga sulle sparatorie, e diverse posizioni della squadra di polizia che risponde agli incidenti di emergenza.
  • Ad agosto, il sindaco di Portland Wheeler ha inviato una lettera al presidente Trump rifiutando espressamente l’offerta dell’amministrazione di forze dell’ordine federali per fermare le proteste violente.

Seattle, Washington

  • Per quasi un mese, a partire da giugno, la città di Seattle ha permesso ad anarchici e attivisti di impossessarsi di sei isolati quadrati del quartiere cittadino di Capitol Hill, nominando la loro nuova enclave “Capitol Hill Autonomous Zone” (CHAZ) e poi “Capitol Hill Occupied”. Protesta “(CHOP).
  • Alle forze dell’ordine e ai vigili del fuoco è stato precluso l’ingresso nel territorio. Al dipartimento di polizia di Seattle è stato ordinato di abbandonare il proprio distretto all’interno del CHOP.
  • La criminalità correlata alla persona nel CHOP è aumentata del 525% rispetto allo stesso periodo di tempo nella stessa area dell’anno precedente, incluso secondo il conteggio del sindaco Durkan “due ulteriori omicidi, 6 rapine aggiuntive e 16 aggressioni aggravate aggiuntive (per includere 2 ulteriori sparatorie non fatali). “
  • Il CHOP è stato lasciato in piedi per quasi un mese, durante il quale due adolescenti sono stati uccisi nella zona.
  • Il Consiglio comunale di Seattle, il sindaco Durkan e il governatore di Washington Jay Inslee hanno pubblicamente respinto il coinvolgimento federale nelle attività di contrasto all’interno della città di Seattle.


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments