Quantcast
Database Italia

USA CERCANO ESCALATION CON RUSSIA, VIA DIECI DIPLOMATICI E NUOVE SANZIONI



Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato giovedì un decreto che impone un nuovo ciclo di sanzioni alla Russia. Si rivolgono a più di 30 persone e organizzazioni. La Casa Bianca si è mossa anche per espellere quasi una dozzina di diplomatici di Mosca

La mossa, che secondo la Casa Bianca è in risposta alla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, vedrà alle società americane il divieto di acquistare direttamente azioni del debito nazionale russo. Il Cremlino ha costantemente negato di aver tentato di immischiarsi nella gara, in cui Biden ha sconfitto l’ex presidente Donald Trump. Le sanzioni sono state anche collegate al colossale caso di spionaggio informatico SolarWinds, di cui Washington sostiene che la Russia fosse dietro.

All’inizio di questo mese, il viceministro degli esteri del paese Alexander Pankin ha avvertito che gli Stati Uniti potrebbero ricorrere ad attaccare le obbligazioni come parte di “un calcolo deliberato per creare un’atmosfera tossica intorno ai titoli russi al fine di ridurre il loro potenziale di investimento”. Ha aggiunto che Mosca stava già lavorando per creare un piano di battaglia per limitare l’effetto che tali sanzioni avrebbero sull’economia.

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha difeso la mossa più tardi giovedì, affermando che il pacchetto di sanzioni comprendeva  “misure proporzionate per difendere gli interessi americani in risposta alle azioni dannose della Russia, comprese le intrusioni informatiche e le interferenze elettorali”.

Allo stesso tempo, dieci rappresentanti diplomatici di Mosca negli Stati Uniti sono stati dichiarati persona non grata e hanno ricevuto l’ordine di lasciare il Paese. Di ritorno a Mosca, prima che la decisione fosse annunciata, Alexey Chepa, il vicepresidente della commissione per gli affari internazionali del parlamento russo, ha avvertito che una tale mossa avrebbe portato a un’espulsione da Mosca. “Se gli inviati russi vengono espulsi”, ha detto il parlamentare, “naturalmente ci dovrà essere una risposta speculare”.

L’annuncio è arrivato poche ore dopo che il Cremlino ha affermato che parlare di sanzioni ostacolerebbe le prospettive di migliori relazioni bilaterali. Il presidente russo Vladimir Putin era stato invitato a partecipare a un vertice bilaterale da Biden “nelle prossime settimane”, ma il suo addetto stampa, Dmitry Peskov, ha indicato che non accadrà ” nel prossimo futuro”.

“Il fatto che le sanzioni siano probabilmente in discussione non aiuterà in alcun modo la probabilità che si svolga un tale incontro – che può essere affermato in modo inequivocabile”, ha aggiunto.

A marzo, Washington ha annunciato di aver imposto sanzioni a un certo numero di funzionari russi che sosteneva di essere dietro l’incarcerazione del personaggio dell’opposizione sostenuto dall’Occidente Alexey Navalny, nonché per presunti  abusi dei “diritti umani” durante il controllo delle proteste successive. Sono stati presi di mira anche un piccolo numero di aziende e un istituto di ricerca che i funzionari statunitensi hanno suggerito essere coinvolti in un oscuro programma di armi chimiche.

Il Cremlino nega che tali armi siano in fase di sviluppo e insiste sul fatto che l’arresto di Navalny è stato puramente una questione interna e una conseguenza delle leggi nazionali.

La mossa per limitare gli acquisti di debito sovrano russo, tuttavia, dovrebbe essere vista come un’escalation più significativa. Allo stesso modo, l’espulsione del personale dall’ambasciata russa di Washington arriva dopo che Mosca ha richiamato il suo ambasciatore, Anatoly Antonov, per colloqui di crisi sulle relazioni con il paese. Il diplomatico è tornato a casa nello stesso momento in cui è scoppiata una furiosa lite in seguito a un’intervista in cui a Biden è stato chiesto se credeva che Putin fosse “assassino” e ha risposto: “Mmm hmm, lo penso”.

Il ministero degli Esteri russo aveva precedentemente affermato che Antonov non sarebbe tornato al suo posto e che le relazioni diplomatiche complete non sarebbero state ripristinate, finché gli Stati Uniti non saranno “in grado di dimostrare il desiderio di stabilizzare almeno relativamente le nostre relazioni e faranno qualcosa di visibile e evidente in questo riguardo. “

Sulla scia dell’annuncio che Washington avrebbe imposto nuove sanzioni giovedì, la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha detto ai giornalisti che l’ambasciatore statunitense a Mosca, John Sullivan, era stato convocato per colloqui. “Condivideremo con voi un aggiornamento sui risultati di questa conversazione, che sarà difficile per la parte americana”, ha detto.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

fonte RT
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments