Bersaglio MobileCoronavirusScienza e Tecnologia

VACCINATI COVID, STUDIO SHOCK DA ISRAELE. “Alcuni hanno un Livello di Anticorpi 7 volte inferiore a quello di altri”

Una nuova ricerca condotta dall’Istituto Sheba in Israele fornisce  la prova che gli individui vaccinati con un livello di anticorpi più basso sono più esposti a infezioni “breccia” da Covid, potrebbe essere la chiave per capire chi dovrebbe ricevere la terza dose. Anche se lo studio non fa luce sulle ragioni per cui il vaccino sembra di diminuire di efficacia con il tempo… 

ENGLISH VERSION HERE


articolo di Rosella Tercatin
pubblicato il 29 luglio sul Jerusalmem Post

Alcuni individui vaccinati contro il coronavirus possono avere molti meno anticorpi rispetto ad altri che sono stati inoculati e sono quindi più a rischio di infezione, secondo una ricerca pionieristica dello Sheba Medical Center di Tel Hashomer pubblicata mercoledì sul New England Journal of Medicine.
La scoperta potrebbe rappresentare una chiave per capire chi dovrebbe ricevere la terza vaccinazione, ha affermato il dott. Gili Regev-Yochay, direttore dell’Unità di epidemiologia delle malattie infettive a Sheba e autore principale dello studio.

https://www.gospanews.net/2021/08/01/covid-delta-vaccinati-contagiosi-sos-in-israele-usa-e-italia-pfizer-lucra-33-miliardi-uk-attesa-variante-piu-letale/

Inoltre, il livello anticorpale è direttamente correlato alla carica virale negli individui vaccinati infetti e al rischio che ne infettino altri. Sheba ha documentato 39 casi di “breccia” tra circa 11.000 dei suoi lavoratori che erano stati completamente vaccinati, il che significa che è avvenuto almeno 10 giorni dopo la seconda inoculazione di Pfizer nei tre mesi precedenti.

Come spiegato da Regev-Yochay, l’età media dei contagiati era di 42,5 anni. Circa un terzo dei casi era completamente asintomatico, il 10% soffriva di sintomi molto lievi, il 21% aveva febbre e un altro 19,4% presentava i cosiddetti “sintomi da Covid 19” – dalla perdita del gusto e dell’olfatto all’esaurimento – per oltre sei settimane.

Inoltre, quasi 5.000 operatori sanitari si sono sottoposti regolarmente ai test sierologici. I ricercatori sono stati in grado di confrontare il livello di anticorpi di coloro che sono stati infettati, misurati poco prima che il virus fosse rilevato, con quello di altri membri del personale con caratteristiche simili (sesso, età, salute generale, ecc.) che non sono stati infettati.

“Questa è stata la parte più importante dello studio”, ha detto Regev-Yochay durante un briefing con i media. “Quello che abbiamo visto è che le persone che sono state infettate avevano anticorpi neutralizzanti tre volte inferiori rispetto a quelle che non sono state infettate. Se consideriamo il picco di anticorpi registrato dopo l’inoculazione, il livello di quelli infetti è stato sette volte inferiore a quello di quelli che non l’hanno avuta”.

Lo studio segna la prima volta che una tale correlazione viene dimostrata con dati di pazienti reali. Inoltre, lo studio ha anche documentato una connessione tra livello di anticorpi e carica virale – quantità di particelle virali nel corpo – che è direttamente collegata al livello di attività infettiva di un portatore di virus.

“Le persone che avevano un livello più alto di anticorpi neutralizzanti presentavano anche una carica virale inferiore, il che significa che avevano meno probabilità di infettare altre persone”, ha detto il medico. “Questo dimostra anche che le persone vaccinate hanno meno probabilità di infettare altre persone”.
Circa l’85% dei casi considerati nello studio sono stati infettati dalla variante Alpha, nota anche come ceppo britannico, poiché la ricerca è stata condotta prima che la variante Delta attualmente dominante fosse presente in Israele.

Tuttavia, Regev-Yochay ha affermato che la correlazione tra anticorpi e livello di protezione è ancora rilevante. Sebbene la ricerca non faccia luce su come l’efficacia del vaccino diminuisca con il passare del tempo, la connessione tra il livello di anticorpi e l’infezione può aiutare a determinare chi ha più bisogno di un terzo vaccino contro il coronavirus, una mossa che le autorità israeliane stanno fortemente chiedendo considerando per gli anziani.

“Penso che questi dati sulla correlazione tra anticorpi e infezione siano importanti per capire quale sia la popolazione a rischio, e da lì magari iniziare a pensare a chi dovrebbe ricevere la terza dose e quando”, ha detto Regev-Yochay.

articolo di Rosella Tercatin
pubblicato il 29 luglio sul Jerusalmem Post
traduzione in Italiano di Gospa News

MAIN SOURCES

GOSPA NEWS – WUHANGATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

Fabio G. C. Carisio

Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani. https://gospanews.net

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!