Home Coronavirus Vaccini COVID e trapianti di organi: gli operatori sanitari ignorano i segnali...

Vaccini COVID e trapianti di organi: gli operatori sanitari ignorano i segnali di sicurezza?

0

Dai suoi inizi sperimentali a metà degli anni ’50, il trapianto di organi  si è evoluto in quella che la comunità medica ora chiama casualmente una procedura “standard di cura”, sebbene con tassi di fallimento ancora sostanziali.

Ad esempio, sebbene i reni siano in cima alla  lista degli organi trapiantati ,  dal 14% al 21% dei trapianti di rene  falliscono entro cinque anni e  il 15% dei  candidati al trapianto di rene è in attesa di una procedura ripetuta.

Studi recenti  hanno identificato una nuova preoccupazione  legata al  fallimento dei reni trapiantati  e di altri organi: la vaccinazione COVID-19.

In uno studio, pubblicato a settembre su Transplant Infectious Disease , i ricercatori hanno catalogato  il rigetto acuto d’organo  entro una o due settimane  dalla vaccinazione contro il COVID-19  in cinque individui che avevano ricevuto trapianti di rene, fegato o cuore da sei a 18 mesi prima.

Ad agosto, i ricercatori giapponesi hanno segnalato il  rigetto degli innesti corneali  nei pazienti vaccinati contro il COVID-19, che si sono verificati da un giorno a sei settimane dopo la vaccinazione.

Gli eventi hanno catturato l’attenzione degli autori giapponesi perché gli innesti corneali hanno normalmente un  alto tasso di successo a  causa dello stato della cornea come organo con  privilegio immunitario .

Notando la letteratura che documenta il rigetto del trapianto in associazione con altri vaccini come l’  influenza , l’epatite B,  il tetano  e  la febbre gialla , gli autori giapponesi hanno espresso preoccupazione per ciò che “il previsto spostamento della società verso un programma di vaccinazione più frequente” fa presagire per i riceventi il ​​trapianto.

Le preoccupazioni sull’impatto dei vaccino COVID-19 sulle persone con trapianti esistenti sono importanti, ma un’altra domanda urgente ancora non affrontata si nasconde nell’ombra: cosa succede se una persona non vaccinata riceve un organo trapiantato da qualcuno che ha uno o più vaccini COVID-19?

Un anno record

Sebbene il trapianto abbia subito una  breve pausa  nei primi giorni della pandemia, nel 2021 negli Stati Uniti è stato eseguito un  numero record di trapianti  : oltre 40.000 reni, cuori, fegati e altri organi.

Sebbene l’offerta non sia mai adeguata a soddisfare la domanda, i centri trapianti sono stati in grado di raggiungere il traguardo del 2021 in parte grazie a un aumento del 10% rispetto al 2020 del numero di ” donatori di organi deceduti ” (rispetto ai donatori viventi), con 45 su 57 organizzazioni di approvvigionamento che stabiliscono “record di tutti i tempi per i donatori recuperati in un solo anno”.

L’aumento della donazione di organi da parte di donatori deceduti rappresenta una tendenza decennale, con “il numero crescente di decessi di giovani a causa  dell’epidemia di oppioidi in corso ” ipotizzato come fattore determinante prima del 2021. Tuttavia, negli anni precedenti, l’  aumento in media solo il 5% .

Entusiaste della maggiore disponibilità di organi, le organizzazioni di trapianti non hanno mostrato alcuna curiosità sul fatto che i decessi legati al lancio di vaccini sperimentali contro il COVID-19 possano eclissare o addirittura sostituire organi provenienti da decessi correlati agli oppioidi, anche se c’è stato un aumento del 30% ( oltre il 2020) nella donazione di organi da persone decedute per insufficienza cardiorespiratoria e un aumento del 15% degli organi da persone decedute tra i 50 ei 64 anni.

L’introduzione del vaccino contro il COVID-19 è stata collegata all’aumento esplosivo del 2021 della  mortalità per tutte le cause  nella popolazione in età lavorativa, compresi  i decessi cardiaci senza precedenti  nei giovani adulti che ricevono il vaccino COVID-19. IN EUROPA È RECORD DI “MORTI IN ECCESSO”. NEL 2022 UN NUMERO ENORME DI BAMBINI E GIOVANI ADULTI MUOIONO MISTERIOSAMENTE

Leggi anche:

Le vittime di incidenti stradali sono una pipeline chiave per la donazione di organi, quindi anche i centri trapianti hanno beneficiato dell’alto  numero di decessi dovuti agli incidenti stradali da 16 anni  nel 2021.

Alcuni osservatori ritengono che questi potrebbero essere collegati alla perdita di coscienza al volante correlata al vaccino COVID-19   .

Organi danneggiati?

Secondo la United Network for Organ Sharing (UNOS), il rigetto del trapianto “si verifica quando il sistema immunitario del ricevente dell’organo riconosce l’  organo donatore come estraneo  e tenta di eliminarlo”.

Il rigetto inizia come un fenomeno acuto ma può procedere alla graduale perdita della funzione d’organo definita come rigetto cronico.

UNOS afferma: “Un certo grado di rigetto si verifica ad ogni trapianto”, motivo per cui  i farmaci immunosoppressori , spesso per tutta la vita, sono una condizione sine qua non dopo il trapianto.

Ad agosto, il gruppo indipendente di medici e scienziati noto come  Doctors for COVID Ethics ha  delineato prove inquietanti dalle autopsie di persone decedute dopo la vaccinazione COVID-19 su ciò che sta accadendo agli organi dei riceventi del vaccino mRNA, organi potenzialmente offerti ai trapiantati.

Hanno notato che i vaccini mRNA ” viaggiano in tutto il corpo  e si accumulano in vari organi” dove “inducono un’espressione duratura della proteina spike SARS-CoV-2″ che a sua volta induce un’infiammazione di tipo autoimmune – e l’infiammazione indotta dal vaccino ” può causare gravi danni agli organi, specialmente ai vasi, a volte con esito mortale”.

Citando le prove degli esperimenti sugli animali di Pfizer, hanno anche sottolineato l’accumulo particolarmente rapido del vaccino mRNA nel fegato e hanno concluso che i vasi sanguigni, per lo meno, “saranno esposti e colpiti in ogni organo e in ogni tessuto”.

Altri ricercatori hanno evidenziato “la possibilità di  disfunzione d’organo subclinica  nei riceventi vaccinati”.

Nessun trapianto per te

Ironia della sorte, i programmi di trapianto raccomandano comunemente che gli aspiranti riceventi di organi si ” aggiornino” su una serie di vaccini  – “tipicamente epatite A e B, tetano (difterite, pertosse, tetano), pneumococco, morbillo, papillomavirus umano, influenza , e altri dipendenti dalla geografia e dall’età.

Dato il potenziale documentato dal produttore di vaccini di causare  eventi avversi dannosi per gli organi , questo consiglio era già discutibile, ma poi molti centri trapianti hanno peggiorato le cose aggiungendo  requisiti rigorosi  per la vaccinazione COVID-19.

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Anche se i ricercatori hanno rapidamente stabilito che i farmaci immunosoppressori assunti dai trapiantati garantiscono una risposta al vaccino COVID-19  ” significativamente schietta [ndr] “, importanti sistemi sanitari come il Brigham and Women’s Hospital di Boston e l’ UCHealth  del Colorado non hanno esitato a rimuovere freddamente i non vaccinati da loro liste di attesa per il trapianto.

L’American Society of Transplant Surgeons’ COVID-19 Strike Force  raccomanda la vaccinazione contro il COVID-19  non solo per tutti i candidati al trapianto, ma anche per i riceventi, i loro familiari e i donatori vivi.

Affermano virtuosamente che le decisioni di  negare i trapianti ai non vaccinati  si basano sul desiderio di “evitare trapianti inutili e sprecare organi che potrebbero avvantaggiare altri candidati”.

Un medico dell’Università di Chicago che ha affermato un “diritto legale a  discriminare i candidati  che rifiutano il vaccino contro il COVID-19″ ha tuttavia etichettato in modo schizzinoso la discriminazione “troppo grave”, chiedendo: “bisogna chiedersi fino a che punto si spingerà la comunità dei trapianti”.

Un sacco di soldi

Sebbene il trapianto di organi sia avvolto da una nobile verbosità salvavita, è anche un importante centro di profitto per la medicina moderna.

Le proiezioni globali per il 2021-2028 suggeriscono che il mercato combinato dei  trapianti di organi e tessuti raddoppierà , passando da 7,24 miliardi di dollari a 14,67 miliardi di dollari, e queste cifre non tengono conto di un fiorente  mercato nero per il traffico di organi .

Gli analisti di mercato prevedono che la crescita sarà alimentata sia dai fattori della domanda, come la crescente incidenza di malattie croniche che causano “danni catastrofici a tessuti e organi” – sia dall’aumento dell’offerta, compreso un aumento degli impegni di donazione di organi guidati dalle celebrità.

Poiché l’accesso agli organi rimane la barriera chiave al trapianto, negli ultimi anni c’è stata anche una spinta per consentire la donazione da donatori ” subottimali ” o “criteri estesi” – ad esempio, anziani, individui con steatosi epatica, donatori con tumori maligni o epatite virale o donazioni “dopo morte cardiaca”.

Gli organi contaminati dal vaccino COVID-19 diventeranno solo un’altra categoria di donazione “non ottimale”?

Studi recenti sul  sangue dei riceventi del vaccino COVID-19  suggeriscono che le preoccupazioni per un afflusso di sangue contaminato probabilmente si estendono anche all’apporto di organi e potrebbero mettere a rischio la vita dei riceventi il ​​trapianto.

Sfortunatamente, quando sorgono problemi, probabilmente saranno ricondotti al normale rigetto del trapianto, senza che nessuno sia più saggio sul ruolo insidioso del nuovo siero covid-19 o dei futuri vaccini mRNA.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da The Defender — Children’s Health Defense’s News & Views Website con licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0. 

Previous articleWhatsApp down in tutta Italia
Next articleINDAGINI OSINT RIVELANO LE REALI PERDITE DELL’ESERCITO UCRAINO